Andiamo

TITANO

Charmescort_M1Trovagnocca_M1abmedic

Commenti

TITANO
Gold
15/05/2022 | 18:20

  • Like
    1

@none

"Tu invece sembri suggerire che sia meglio tacere"

Io dico che ci sono modalità di fruizione del Forum o di intenderlo che lo rendono inutile.
Io dico che riportare un feedback negativo dopo settimane - come scrivi tu chiaramente, c'è poco da fraintendere - e, in aggiunta, senza dettagli, oltre a@sollevare dubbi sulla veridicità del fatto, equivale a non riportarlo, quindi tanto vale tacere.

Il punto qui è che sei in un Forum.
Se hai paura di starci o dell'anonimato con le ragazze, non starci.
Se non scrivi nulla non hai nulla da temere...o forse no?

Fidati se ti dico che i problemi che ha certa gente con le ragazze esulano dalla partecipazione al Forum, e infatti ne hanno anche dopo che non vi partecipano più, ma uscirei dal seminato.

Osservo semplicemente che non è opportuno, anche per correttezza verso chi modera e verso la proprietà del sito, avvalersi di uno strumento offerto liberamente e gratuitamente per dire di utilizzarlo con modalità che lo vanificano.

Non instillare timori ridicoli in chi vuole partecipare.
L'ho ripetuto sino alla nausea, ma l'unico potere che hanno le ragazze è quello che gli utenti danno loro.

Sei stato bene?
Scrivine bene.
Sei stato male?
Scrivine male.
Hai paura delle ragazze?
Non scrivere nei Forum.
L'importante è sempre la veridicità e obiettività del tuo racconto.

"quindi conta piu che vengano riportate il maggior numero di esperienze piuttosto che ce ne siano poche ma istantenee

Veramente sarebbe meglio avere molte esperienze in breve tempo, perché se si aspetta un mese la ragazza potrebbe non esserci più e, nel frattempo, avere scuoiato impunemente orsi bianchi senza che nessuno proferisse parola.
A cosa servirebbe dunque?
Tutti inculati, ma ehi, nel silenzio.

Chiudo.
Posso capire il pessimo "nuovo corso della clientela" nei locali, e ne ho scritto molto di gente che non ha neppure la cognizione di dove si trova, ma che almeno i Forum siano il più possibile tenuti esenti da gente succube o schiava delle ragazze e di cosa pensano, e dice agli altri di fare altrettanto, sarebbe buonissima cosa.
E come nei locali, anche qui è meglio evitare di avere gente che non dovrebbe starci.

Grazie del tuo intervento, ma il Forum - a mio modestissimo avviso - va inteso e utilizzato in maniera diversa da come lo intendi.

TITANO
Gold
15/05/2022 | 16:58

  • Like
    1

@none

Oppure, se non si hanno le palle e si ha paura delle ragazze e di eventuali "ritorsioni" (trattengo le risate a stento), si può benissimo evitare di scrivere tout court o di stare nei Forum.

Certo, nessuno pretende recensioni immediate o particolari abilità narrative, ma report di settimane dopo e, peggio, senza nessun riferimento rendono inutile il racconto dell'esperienza e fanno venire meno il ruolo del Forum, ovvero il riportare il proprio vissuto nel locale anche (non solo, ma anche...) a beneficio della Community.

In un ottimo recente thread, un utente con le palle ha raccontato - in aggiunta alle stanze e giornate positive - per filo e per segno la sua avventura negativa con una ragazza, riportando i fatti e il nome dell'interessata, oltre ad averlo fatto praticamente in tempo reale.

Questo ha consentito probabilmente a tantissimi di evitare un'esperienza analoga.
Lo avesse fatto dopo 3 settimane o un mese, oppure senza nominarla, il numero dei malcapitati facilmente sarebbe stato maggiore.
Magari proprio il suo racconto dettagliato servirà alla Direzione - e perché no, alla ragazza stessa - per correggere il tiro.

Non è obbligatorio scrivere nei Forum.
Se uno non ha tempo, voglia, oppure le palle, si astenga.

C'è tanta gente che non scrive più e si dà ad un "più dignitoso" (se si può dire così...) lurkeraggio.
Così come ci sono sempre nuovi utenti che si affacciano e iniziano a scrivere, essendo il ricambio fisiologico.

Quello che è da evitare, come nel tuo caso, è dire di non farlo ad altri, o di farlo con modalità che rendano inutile la cosa.

TITANO
Gold
10/05/2022 | 01:05

  • Like
    2

@Friedrich28

Anzitutto grazie del tuo contributo.

Mi ero ripromesso di attendere prima di intervenire, perché come sempre accade i casi del genere sono presi a pretesto per dare la stura a chi ritiene di avere - e non ha - motivi di rivalsa o di ristoro da presunti torti, oppure semplicemente deve levarsi qualche sassolino verso il locale e chi lo ha diretto, anche prima degli attuali responsabili o nei confronti del genere femminile o di qualche etnia in generale.

Hai fatto benissimo a denunciare NEI FORUM questo episodio.
Lo strumento è questo.
Qui le tue doglianze hanno la visibilità che è corretto abbiano, e non ci si perde - grazie alla supervisione della Moderazione - in inutili e sterili polemiche, o nel fluire incontrollato di post, che omologa e impasta, appiattendo, tutto.

Non starò a ripetere quanto ti ho detto personalmente, ma è opportuno un intervento qui perché ne resti traccia.

Può capitare a chiunque di non valutare correttamente le intenzioni apparentemente innocue di una ragazza, anche a persone di esperienza come te.
E del "*senno di poi son piene le fosse".

Di certo l'episodio che ti ha coinvolto ha portato una pessima pubblicità - giustamente - alla ragazza, e mi chiedo tra le migliaia di visualizzazioni che ha avuto quanta gente salirebbe a cuor leggero con Ruby, oggi.

Io non di certo.

Ma - conoscendoti da anni come cliente e persona onesta e corretta - quello che duole di più è il trattamento che ti è stato riservato ex post.

Ci sarebbe da riflettere non poco.

Come hai sottolineato, non è una questione di soldi, ma di principio.
Le tue ragioni meritavano almeno un ascolto e un tentativo di accomodamento...una valutazione per chiudere la cosa in modo dignitoso, senza clamore e con ben altro stile.

Bastavano pochi minuti e ci si sarebbe arrivati, ne sono certo. Così come è sempre stato fino a settimana scorsa.

Evidentemente la "nuova Direzione" ha preferito agire alzando un muro, facendosi una pessima pubblicità in ogni Forum, e creando un clima agli utenti degli stessi non proprio favorevole alla distensione e al relax che ci si aspetterebbe in un FKK.

Infatti non credo che un cliente qui presente - e tra attivi e lurker sono moltissimi - al momento di pagare sarà proprio tranquillo, nel caso in cui la cifra richiesta dalla ragazza non sia quella pattuita, comsiderando una Direzione "ostile" e un eventuale intervento con l'accetta della Polizia.

Questo non significa che la Direzione debba sempre decidere a favore del cliente (o della ragazza), ma che anzitutto vengano ascoltate le ragioni di tutti, e poi si cerchi di trovare una soluzione che salvaguardi il quieto vivere.

Ci sarebbe molto altro da dire, preferisco tuttavia essere ottimista, e ritengo che chi di dovere cercherà di fare rientrare e sistemare la cosa - evitando che si trascini - e lavorerà per migliorare delle evidenti recenti criticità, facendo tesoro dell'episodio.

Ne sono ragionevolmente convinto.

TITANO
Gold
08/05/2022 | 23:58

  • Like
    1

@Friedrich28

Grazie del report e delle belle parole.
I contributi al Forum sulle salite sono sempre graditi.
Mi fa piacere leggere di nuovo qualche tuo pezzo.
Non entro nel merito assolutamente dello stesso, ma di Talia - e vale anche per Eva - ovviamente avrai capito la predominante nazionalità (che non è quella che hai correttamente riportato tu, avendotelo detto loro) 😉
Bel contributo.

TITANO
Gold
04/05/2022 | 17:00

  • Like
    0

TITANO
Gold
02/05/2022 | 22:52

  • Like
    0

@Friedrich28

Spero la mia replica sia all'altezza.

Anzitutto ti ringrazio molto per il tuo post e spero di leggerti più spesso.
So che ogni tuo complimento è sincero.

Quanto a me, pensa cosa possono tre orette rubate al sonno nella notte giusta, ma tra nottambuli che parlano la stessa lingua ci si capisce...

Fuori la luna è un limone anemico spaccato a metà e appiccicato al soffitto e dentro, in silenzio, cerchiamo di dare indicazioni: il Paradiso è da questa parte, Signori.

Ma come sai, se indichi la luna c'è chi, stolto, si ostina a guardare il dito.
Il gracidare acuto dei minus habens.
Leggere attentamente il foglietto illustrativo.
La cosa mi fa sorridere oramai, più che altro, perché nel corso del tempo questi spariscono inesorabilmente, assieme ai loro commenti, e io sono ancora qui.
Bottiglia di vino invecchiata.

E si che non faccio altro che riportare ciò che vedo e vivo durante le poche ore di svago, certo filtrando attraverso ricordi, esperienze e riflessioni.
Ma è tutto ampiamente verificabile.

Oltre all'apprezzamento, ti ringrazio anche perché il tuo intervento è ben scritto e di piacevole lettura, e dimostra che hai compreso perfettamente
il contenuto di alcune parti, ma la classe non è acqua e traspare anche da poche righe, riportandomi alla memoria anni di Forum meravigliosi e per certi versi irripetibili.

Brat, Mora, Magic, Noc, Luck, Willy, Follo, Sdo, Admiral, Gerry, Banky, Nero, Shu, Pumy, Syd, Rottalunare, tu e tanti altri del Sacro Ordine, autori di pagine di racconti memorabili nascoste al Mondo, di gite, cene e serate straordinarie, solo nostre.

Come li spieghi, a chi scrive e legge oggi?

Con molti di loro continuano, come sai, ma ahimé nonostante i miei tentativi, non riesco a farli riaffacciare qui, come è accaduto con te poco fa.

E si che porterebbero ancora a scuola molti.
Forse tutti.

Poi ci ripenso e non li biasimo, proprio per i motivi che hai esposto nel corpo del tuo post.
Tra noi era un piacere, oggi è sempre più faticoso, a volte penoso.

Sembra il finale di Casinò di Scorsese
"Oggi assomiglia a Disneyland...Arriva un pescecane con 4 milioni di dollari e uno studente della scuola alberghiera gli chiede il numero della sua previdenza sociale".

Ed eccoci qui, oggi.
Con il cuore da Cavalieri e la voglia di raccontare ancora questo mondo che amiamo e il nostro Sacro Hobby e le sempre maggiori difficoltà nel farlo.
Racchiusi in questo limbo.

TITANO
Gold
30/04/2022 | 13:14

  • Like
    0

@Tergeste83

Grazie, ma non è il caso.
Continua a riportare con il tuo stile le tue esperienze.

TITANO
Gold
30/04/2022 | 09:04

  • Like
    1

@Gnoccatravels

Grazie.
Tentiamo di dare un po' di respiro ai disastrati tempi che corrono.

TITANO
Gold
30/04/2022 | 01:31

  • Like
    0

@Italia77

Ci sono difficoltà oggettive dettate dalla normativa per gli extraUE, salvo abbiano passaporto comunitario.
Vedremo.

TITANO
Gold
29/04/2022 | 14:31

  • Like
    0

TITANO
Gold
29/04/2022 | 12:26

  • Like
    1

Premessa

Per chi proseguirà nella lettura.
Desidero ringraziare la Direzione del Wellcum per l’amarcord avvenuto a Villach e per l’autorizzazione a pubblicare le fotografie che vedrete.
Stanotte ho avuto tempo da perdere e parole da spendere.

FKK WELLCUM – APRILE 2022 – RECENSIONE DI TITANO – “RITORNO AD ITACA

Nel freddo umido che ha il sapore di tristi brughiere, recuperato da un paio di amici dopo una liberazione dell’ultimissimo secondo, viaggiamo con la pioggia incessante, sulla strada viscida, sotto il cielo opaco che, a giorno fatto, assomiglia ad una deserta notte elettrica.

Al confine un imberbe poliziotto austriaco si era inventato di chiedere il greenpass, che fortunatamente avevamo con noi, senza approfondire nulla con lo scanner e poi facendoci cenno di passare.

Arrivati poco dopo l’apertura del locale, mentre i miei due amici entravano, io mi dirigevo con il Direttore e con il futuro cuoco dell’Andiamo, a Villach.
Quindici minuti ci separano da Faaker See, ed ero eccitato come uno scolaretto, non lo nego.
Neppure ricordo più da quando non li percorrevo quei pochi chilometri, dovrei recuperare i miei diari.
Per strada si rivanga qualche ricordo e faccio qualche racconto, e a parte qualche lavoro, nessuno stravolgimento, se non per un grosso stabile in costruzione in prossimità del locale, che apprendo sarà una concessionaria.
Neppure la storica gasthaus – punto comune di ritrovo – dove alloggiavo c’è più, e con essa il lampione con il nome del proprietario, dato che ha lasciato spazio a nuovi immobili.
Chissà, forse un giorno germoglierà un nuovo fiore, perché tutto si disfa e rinasce.
Arriviamo e sul cancello sbarrato c’è un cartello con il logo del locale e la scritta “The original number one”, orari e sito.
Parcheggiamo ed entriamo.

[Nostos.
Ritorno alla pietrosa Itaca.
Un balzo e sono sul pontile.
Ritorno dal regno dei Feaci, dalla sponda di Calipso, da Circe la maga.
Dai lotofagi, che mangiano oblio.
Nessun cane a morire di gioia, questa volta, nessun arco da tendere, e nessun dardo a trapassare scrocconi in fila ordinata in attesa di impalmare una vedova.
Penelope non abita più quelle stanze.
Arrampicato fino alla cima di questo monte brullo, osservo il panorama, e le rovine di quello che era un tempio.
Qui viveva un Dio potente.
Antiche genti salivano lo stesso sentiero, contro le stesse intemperie, per sacrificargli capre e buoi.
L’isola era fiorente, marmo e fichi, olio, navi e mercanti.
Sembra che questa pioggia abbia portato via tutto e certo, ci diciamo, questo rende evidente la nostra impermanenza]

L’emozione è forte, sarò sciocco ma non lo nego.
E’ un cantiere, è vero.
Ma non solo. Almeno non per me. E probabilmente per molti che leggono.
Giornate passate in piena spensieratezza con i miei amici, quando tutto era pura incoscienza.
Quei tramonti, che adesso non sembrano più gli stessi.
Riaffiorano ricordi malinconici, di tempi che non torneranno mai più.

La reception ha ancora il bel bancone, e dagli spogliatoi maschili, attraverso il piccolo corridoio con le cassette di sicurezza, e lasciata la vip room onnipresente a destra – e che ricordo occupata dai punter disabili o quando non c’erano stanze disponibili, e con le GPS e le ciabatte fuori dalla porta ad indicare la presenza di gente all’interno – si accede nel’area relax, e di lì varcate le rosse “colonne d’Ercole”, in arena.
Angolo bulgaro a destra dell’apice del bancone, angolo ungherese a sinistra.
Alicia, Michelle, Rita, Susi, Valeria, Laura, Tara, Tamara, Leona, Lilly…se chiudo gli occhi e mi concentro sull’udito, ancora sento le lunghe falcate attutite dall’alta moquette.
Ne ricordo tutti i nomi, nel corso degli anni.
Qualche volta rivedo i fotogrammi e mi domando dove siano, in questi strani giorni.
Se hanno mai avuto rimpianti, se ricordano ancora, se si sono mai rincontrate, se conservano lettere, spezzoni di film.
Io sono lo stesso di sempre, colleziono ricordi che non hanno importanza e mi racconto da solo.
Divento io il Cicerone dei miei due ospiti.
La piscina interna ha lasciato posto ad un’ampia zona con pochi divanetti, che oggi funge da ricovero di strutture a scheletri di mobili che erano nel locale, e che dà un’aria alquanto spoglia.
Molto intelligentemente i divani attorno al perimetro sono stati mantenuti e rifoderati con i colori più possibile simili agli originali, e con luci particolari.
Lo stesso dovrebbe accadere con la tappezzeria.
Piccoli accorgimenti anche al cinema, ancora work in progress ovviamente, con teli ovunque.
Esco e mi siedo sul divanetto di fronte la porta dello spogliatoio delle ragazze, dove si stava in attesa uscisse la ragazza desiderata, o per sbirciare tra il viavai se fosse arrivata.
Da lì un giro al ristorante, a mio avviso già praticamente finito, e mentre il Direttore parlava con il cuoco illustrandogli le cucine, io mi defilavo per un rapido giro nello spogliatoio delle ragazze, che ritrovo come lo ricordavo.

La pioggia ha dato una tregua nel frattempo, e usciamo in giardino.

Oramai quasi completamente coperto il manto erboso da assi di legno, riporto ai due com’era il gazebo originario - e com’era prima che ci fosse - e come avvenivano le grigliate, tra aneddoti e rievocazioni.
Si rientra e, mentre il Direttore dà indicazioni alle ditte in sopralluogo, salgo a vedere le camere al primo piano, vip inclusa, con ancora i cigni fatti con gli asciugamani e la vasca con luci cangianti.
Essendo state sistemate da poco, sono praticamente pronte, direi.
E ancora campeggiano sui letti le fotografie delle ragazze appese alle pareti…

[Ritorno.
Ritorno ogni volta.
Accanto al suo letto, un telaio colmo di arazzi che mi raffigurano nelle mie eterne fughe, nei miei eterni ritorni.
Quei disegni, un addio ricamato, filato e disfatto, di tutte le volte che sono approdato, cercando di non ricordare.
E ora mi rivedo allo specchio di quei fili che tramano il mondo, vecchio, stanco, e incrostato di sale, naufrago astuto che non sa naufragare.
E il sospetto mi prende - come un cavallo di legno alle porte della percezione - che una donna abbia filato i miei viaggi, il mio andare per mare]

Ancora un giro per illustrarci le idee e i progetti da realizzare in questi pochi giorni dall’apertura ufficiale, qualche scambio di opinioni su vari aspetti, e si rientra ad Arnoldstein.

[Non rimpiangiamo niente, compagni, e rimpiangiamo tutto.
Quello che siamo stati, amanti e cavalieri, è incarnato in pochi passi da noi.
Da qui io posso vedere Egeo che si lancia nel mare, e Dedalo alto nel cielo.
E’ tempo di andare, mentre mi volto ad accarezzare le fondamenta del tempio.
Come a prendere congedo dalle ceneri di un vecchio amico.
Risalgo sulla concava nave.
E mi rivedo mentre derido il Ciclope che, accecato, lancia massi nei flutti, e ricordo quelle parole di pietra che han colpito la mia nave che fugge: “Non sono io il cieco, Odisseo! Non sono io il cieco! Non sono io quello che non vede sé stesso!”.
E Penelope, filando, sorrideva del mio credermi astuto, nominandomi Nessuno per sempre, in oblio di rotte a salpare con souvenir di sirene, e di viaggi nel mare di vino, per dimenticare]


Espletate le procedure, entro in arena.
Ero conscio, prima di salire, che c’era stato molto lavoro nel weekend allungato dal ponte, e che molte ragazze quindi presenti riposassero quel giorno, mentre molte altre fossero a casa per la Pasqua ortodossa.
Quindi ero scevro da aspettative, e avrei preso quello che veniva.
Quando le occasioni latitano, bisogna fare di necessità virtù.
E poi, già l’amarcord valeva la giornata.

Prima della chiusura del ristorante sono riuscito ad intercettare i due amici – per un saluto e quattro chiacchere sulla situazione e le loro impressioni durante la mia assenza – e mi sono diretto a pranzare con pollo (ottimo) e verdure varie. Presente anche carpaccio di manzo, pasta al pomodoro, patatine grigliate, peperoni ripieni e buffet di affettati, formaggi e dolci.

Entro in arena e dò uno sguardo generale.
Un buon numero di ragazze. E anche di clienti che cresceranno durante tutta la giornata per un inaspettato (per me) frequentato martedì.
Addirittura un po’ di coda per le camere nel tardo pomeriggio.
Martedì è giornata di abbigliamento free, e si passava dal total naked di Adelina e Yvonne al vestitino latex di Davina.

Noto Ester in body azzurro, e con il taglio corto sofisticato, seduta a bere sul primo tavolino.
Tuttavia mi unisco agli amici.
Passa Crina a salutarmi e scambiamo qualche battuta, ma la congedo.
Mentre bevo al bancone mi avvicina un simpatico soricelu con capelli castano-biondo, raccolti in ampio chignon con coda finta – di gran moda, vedo – in body blu elettrico e culino-ino-ino.
Mi chiede se sono nuovo.
La domanda, dal suo punto di vista, ha un senso.
Dopo averla rassicurata sul fatto che sono un usato garantito, si presenta.
Mi chiamo Mika!”, mi fa con viso che sprizza simpatia e un bel sorriso.
Porecla” le faccio.
Ci pensa dubbiosa e se ne esce con un “Male” che me la fa risultare subito simpatica.
Mika Male”… dall’occhio spermatozoico dell’amico che mi ha raggiunto, suscita il suo interesse.
D'altronde mentre io ci parlavo lui la guardava da dietro…
Non avendo interesse a stanzarla, li lascio.
Me ne parlerà con toni entusiastici.
Mica male, la “Mika Male”, dunque.

La clientela è in aumento, e le ragazze presenti saranno queste fino all’ultimo turno.

Cambio zona e mi dirigo verso lo spogliatoio femminile. Mi siedo al bar.
Incrocio lo sguardo con l’ottima Talia, con le consuete autoreggenti, reggicalze e bustino total black.
Mi sento agguantare e mi giro trovandomela davanti.
E’ bella calda e lampadata.
Le chiedo come mai indossi autoreggenti con il reggicalze.
Così puoi tirare i fili quando mi scopi a pecorina”.
In effetti, domanda sciocca.
Sono vecchio per ste robe, ragazze, ma una risata interiore mi scappa.
Lei è la solita.
Ad un solo respiro da me, eppure guardandomi da distanze abissali, ti provoca nella discussione in cerca una tua reazione, giocando a fare l’enigmatica, a promettere senza promettere, dice, non dice, ti fissa…
Si può fare, dai. Saliamo. Pochissime chiave appese.
Leva solo il bustino e per il resto rimane com’era in arena.
Rapido lavaggio e si parte.
Chiede subito più lingua, ma non non ne ho più, quindi la prossima volta passerò in macelleria a recuperarne una di manzo di rinforzo.
E’ una ragazza con un bel fisichino e un’amante calda e appassionata, di certo, e toccando le giuste corde si lascia andare molto.
Anche in camera ti fissa con lo sguardo.
Come in alta quota, le distanze si fanno rarefatte, ogni orizzonte è una possibilità, e la vetta non è vicina quale appare.
Scendo ampiamente soddisfatto.

Oltre il vetro, con grande discrezione, una pioggia sottile stillava.

Recupero il compagno salito con Mika, mentre l’altro è con Gloria, mi dice.
Siamo nei momenti più tranquilli del pieno pomeriggio, quando lasci fuori i tuoi problemi ad asciugare all’aria aperta insieme al bucato.
Le conversazioni tra vicini sono coriandoli, e sembra che tutto acquisti un’aura di serena permanenza.

Mentre beviamo, parliamo di vita.
E mentre bevo rifletto che non sono un teologo: non gioco a scacchi con la morte su una spiaggia svedese di sassi.
Gioco a scopa con Dio, e ogni mano io baro la carta.
Qualche volta Lui ride, qualche volta mi guarda.
Qualche volta penso di essere fuori tempo, fuori orario.

Nel frattempo Guezel ci cammina attorno senza sosta – come gli squali che nuotano anche mentre dormono e non possono fermarsi, o morirebbero – in un improbabile costume intero bianco, con righe rosse e verdi, che ricorda i bastoncini zuccherati a manico d’ombrello, quei dolciumi da carie e giostre in piazza.
Levate via tutto, ragazze, vedrete come lavorate, specie con quel bel corpo.

Noto poi la bella Lara, con body verde, e capello nero raccolto a coda nel solito chignon, seduta al divano adiacente l’ingresso del ristorante, mentre fa finta di non annoiarsi con l’anziano avventore che l’ha noleggiata per il pomeriggio.

Total naked salvo autoreggenti per una altissima e notevole Miriam, pure lei con chignon e lunga coda bionda.

Sotto la postazione del DJ un’annoiata Ruby parla con due amiche.

Uno sprazzo di sole concede una tregua, ed esco in giardino, a fumare nel cielo carta di zucchero per un istante, attorniato da diverse ragazze con accappatoio di pile e pochi orsi, mentre si stanno approntando le direttive per il grande gazebo fronte piscina.
Rientro in arena al primo bagliore e al susseguente boato che preannuncia ulteriori scrosci di pioggia.

I due amici all’interno sono intenti a conversare con Gloria, di rossa chioma, con calze e scarpe nere e seno sparso in bella evidenza sul bancone. Mi squadra con fare strano, poi si ricorda e scambiamo tutti assieme quattro chiacchere, benché lei sia già promessa all’altro amico.
Sempre indossando il suo misterioso sorriso perfetto che interpretavo in traduzioni differenti, a seconda del tempo.
Quanto a noi quattro,siamo quello che siamo, l’istantanea di un attimo.
Il biglietto comperato alla stazione, mentre il treno sta partendo.
Siamo quello che siamo stati, quello che saremo: quattro spiccioli di ricordi, quattro frasi, buttate giù con il vino.

Saliti loro due, l’altro amico punta Yvonne, di cui mi ha parlato a lungo nella gita, memori dei loro bei trascorsi.
E io vado con passo distratto, ricordando le loro facezie sul mio essere vecchio, sul mio essere stanco.
Fischiettando, mi illuderò ancora una volta di avere ingannato l’ora più cupa.
Di avere ingannato la vita.
Sorriderò ringraziando l’occasione di esser vivo, in un giorno che muore.

Mi perdo barcollando all’angolo del bancone adiacente il ristorante.
Mi si fa incontro una sorridente, magrolina ed emaciata Asia.
Ha un viso meraviglioso, Michelle Pfeiffer in giovane età
La incontro, nelle sue spalle strette e sguardo basso.
I suoi occhi sono nuvole grigie, capillari spezzati.
Un leggero sussulto nel procedere innanzi.
Luci elettriche la illuminano e io sono di troppo.
Un’ipotesi, un sogno, un futuro possibile.
Tuttavia altamente improbabile
Avrei cose da dire, ma la notte imminente mi prende e confonde il cammino
Prova a spiegarmi regole assurde, infine desiste, ricordandomi solo i principi basilari ma è necessario un naturale istinto di superficialità che non mi appartiene.
La congedo e mi lascia dove mi ha pescato, in qualche landa tra dialoghi non più pervenuti.
Peccato per quegli occhi che ridono, occhi da spendere su palcoscenici facili.
In futuro? Chissà.

La ferita che ho è curabile, proprio al centro delle costole.
Vecchio pugile, sopravvivo all’angolo, tossico di letteratura.
Confondo nello scorrere uroborico del tempo, gocce d’inchiosto.
Poi aspetto il loro fluire alla foce del Tutto, dove l’estuario diviene sorgente.
E la mia sorgente per oggi ha il colore dell’inchiostro.
Una Venere di Botticelli, ma di colore.
Naomi seduta al bancone non indossa che un microbikini che non è in grado di trattenerne le generose forme.
L’avrò vista decine di volte la gazzella giamaicana, eppure non l’ho mai guardata.
Ogni segno inciso con l’unghia, pittato con il sangue, o graffiato dai denti, ogni bolo di virgole e frasi.
La scrittura proviene dal verbo, tentando di assurgere a promessa di tempo infinito
L’immagine è sparigliata in frammenti, e cerco di ricomporre quell’attimo.
Ancora una imminente notte a cercare una speranza dove arenarmi.

Arriverai con il sole di quel tuo sorriso fotografico, che il tuo spirito libero spende al mondo da irridere. E con miliardi di capelli neri sciolti tra i quali non vedo l’ora di passare le dita.

Tutte le parole dette. Tutte quelle ascoltate.
Mi siedo e il lungo dialogo è uno dei più brillanti che abbia mai avuto per locali.
Ha veramente ottimi vocabolario ed eloquenza.
La sua vicinanza è come toccare l’arcobaleno.
Una meraviglia quasi tangibile.
C’è troppo scirocco nella mia testa, l’umido salino del naufragio previsto, mari agitati in prossimità delle coste.
La corrente mi sta allontanando quando – correttamente – mi dice che con sovrapprezzo la prestazione sarebbe stata “più generosa”, ma la risacca è forte e da naufrago mi accontento di quello che può essermi offerto senza.
Levatasi dallo sgabello si staglia altissima, oltre gli sguardi bramanti, che sono numerosi per lei, sentendoli pure io quegli occhi.
Si leva il microcostume e scesa sulla Terra è comunque molto alta.
Improvvisa uno schiumato body massage per me, in piedi, sotto la doccia, con i suoi prodotti e poi tocca a me lavarne i numerosi tatuaggi che la ammantano.
Mentre ne tengo in bocca il seno sinistro, e ne mordicchio il freddo piercing metallico, penso agli Dei che elaborarono arcane e intricate teorie, sottili come capelli e flebili come foglie che scorrono nel torrente; che immaginarono ogni singola azione e le sue corrispondenze, diluite come medicine omeopatiche nel corso degli eoni.
Eppure non so se mai previdero noi.
Sottili e impalpabili, trasparenti e incongrui, quei lunghi fili che ci legano formano il labirinto.
Tela di ragno protesa tra una notte e quella a venire.
Amata e abbandonata al crepuscolo egeo, quando il mare colora il vino.
Sei preda e sei carnefice. Sei mosca e sei ragno.
Lei è veramente meravigliosa e partecipe, e andiamo comunque lontano.
Il clitoride rosa sa di canna da zucchero appiccicosa.
Mi porta per isole tropicali frequentate in gioventù, a casa sua dove c’è l’origine del Tutto; apro il pacchetto e torno ad assaporare la dolcezza dell’inganno del vivere.
Fortunatamente trovo ancora qualche punto incandescente e pulsante, dal quale scaturisce la sua grazia nel sorridere.
Chiudo gli occhi fissando l’immagine su quel suo sorriso enigmatico.

A questo punto la cena è servita, ma il mio ospite mi chiede di attenderlo, quindi congedo gli amici dandoci l’orario di ripartenza e ne approfitto per farmi un giro in area relax, essendo praticamente vuota, idromassaggio a parte.
Un bel giro di saune.
In quella esterna, dal buio e caldo interno in cui sembra di risprofondare nell’utero materno, scorgo una ragazza fuori in giardino, in angolo, intenta a telefonare. Anche lei sembra lontanissima, altrove.
Qualche volta, nello svolgere della notte, tutto si fa distanza.

Doccia gelata ed esausta felicità.

Sono affamato e ceno con il mio ospite.
Il buffet prevede del carpaccio di salmone, delle crocchette pollo, delle patatine fritte e degli hamburger (giornata con cena USA, mi dicono), dei tortelli con funghi, verdure, frutta e il diabolico buffet di dolci, con tiramisù e – credo – una torta di frolla con mele e frutta secca.
Sento partire del manele per festeggiare il compleanno di una ragazza, e al tavolo arriva anche dello champagne con le fragole.
Mi limito tuttavia, ma non rinuncio al dolce, che nel locale è una lunga scommessa con il Padreterno.
Racconto di come sia andata la giornata, ed il sorriso di Dio, se ci fosse mai stato, è svanito nel cielo, e di questa notte rimane sul tavolo solo la colpa, come il cacao amaro del dolce.

Rientro in sala giusto per il caffè ed bicchiere della staffa.
Sbadigli, piccole gioie, grandi paure, noie sottili, esili, tremanti.
Molta gente e un bel movimento.
Cerco di vaticinare cosa accadrà, ma è difficile, perché come uno specchio che va in mille pezzi, ogni scheggia riflette un’immagine diversa.
Eppure - tutto e tutti - siamo ancora qui, con tutte le nostre contraddizioni.

Mi sento bene e leggero, del resto se soffri di questo dolore significa che lo hai meritato.
Mi avvio verso lo spogliatoio, mentre passeggio tra questi fiori che sbocciano e cadono nella tarda primavera, e che ti a intiepidiscono la vita.
Sembrano denti di leone.
D’improvviso, sarà per il vino dolce, ho guardato tutti questi soffioni distaccarsi e involarsi oltre la finestra, nel blu della notte, insieme al giorno finito.

TITANO
Gold
29/04/2022 | 08:43

  • Like
    0

TITANO
Gold
28/04/2022 | 21:37

  • Like
    0

TITANO
Gold
27/04/2022 | 00:56

  • Like
    0

@paddok

Fai tenerezza, davvero.
Dovresti leggere i post degli utenti verso cui sbraiti, perché sul numero dei messaggi ho già replicato, e quanto scritto vale anche per il tuo post.

"È vero dell’episodio di Serena non dovrei parlare visto che non c’ero".
Appunto.

Probabilmente non ci arrivi, ma io sono intervenuto su quell'episodio, non su altro che riguarda altri utenti.
Sei in buona compagnia, comunque.
Di cosa sia successo non ne sa nulla neppure chi ne ha scritto per primo.
Eppure ne ha parlato anche lui.

Ragazze...miei amici presenti...Direzione che conosce tutti gli aspetti delle vicende...oppure all'utente neoiscritto con 3 post, che in questo caso neppure c'era?
A chi si dovrebbe credere?
È dura scegliere...

Probabilmente sarò sfortunato io.
Oggi, ad esempio, questi "miei occhi" circa "cosa succede al Wellcum" non hanno visto nessuna discussione né lamentela, ma un clima disteso e rilassato, nonostante un bel movimento per un martedi.

Ma, ehi, io parlo per sentito dire...oppure no?
P.S. quest'ultima è una domanda retorica, nel caso non avessi capito.
Sempre meglio mettere le mani avanti, con certa utenza.

TITANO
Gold
25/04/2022 | 15:51

  • Like
    0

TITANO
Gold
25/04/2022 | 13:57

  • Like
    1

@Iustus

Certo, grazie.
Rispondo a qualche utente.

@tommasomoro

Per recensire, in alto c'è il tasto verde "pubblica recensione".
Lì compili i menù a tendina e inserisci gli hashtag e poi scrivi e la pubblichi.
È semplice ed intuitivo se ci provi, vedrai.

Veniamo agli altri.

@Pergolotto

Rinnovo l'invito a usare la @ davanti al nick per taggare l'utente cui ti rivolgi, così che gli arrivi una notifica nel suo profilo,anziché venire avvisato di un post nei suoi confronti in altro modo.
"Il numero di post non qualifica l'esperienza" certo.
Dimentichi però che qui sei in un Forum e post e anzianità di interventi e recensioni rilevano per capire chi sia il tuo interlocutore, dato che in un Forum non puoi avere altri elementi per farlo.
Sono sicuro che ne convieni.
Ora, ho scorso i tuoi post e di Serena non hai mai scritto, mi sembra.
Quindi mi perdonerai se a un lettore mediamente attento la cosa possa sembrare...strana.
Viene quindi da chiedersi se tu ci sia mai stato, e parli per esperienza personale non riportata qui, o se non ci sei stato e riporti esperienze altrui.
Tutto qui.
Ma ti ringrazio per avere capito il senso del mio intervento.

Su @Caprone non c'è molto da aggiungere. Come ha detto @Iustus, non si capisce l'utilità del suo post, parlando di un episodio di cui per sua stessa ammissione non conosce i protagonisti, gli importi pagati, la durata della stanza, le motivazioni del rientro del cliente.
Nessuna certezza, a parte le sue.
Basate su cosa?
Su un suo cattivo trascorso con una ragazza.
"Ha missilato me, deve averlo fatto anche con il Tizio, anche se non so nulla di cosa sia successo", in pratica.
Magari il Tizio era indispettito perché mentre pagava c'era uno che lo fissava, oppure perché la moglie gli ha mandato un messaggio e lui sarebbe rimasto di più ma per forza è dovuto rientrare prima. Chissà...
Faccio sommessamente osservare che neppure concorda con il commento che lo segue.
Se infatti per @Caprone le "carognette" che rovinano il nome del locale sono "poche per fortuna", per @paddok invece su 80 "se ne salvano diciamo una quindicina".
A quest'ultimo - iscritto da neppure un mese e al terzo post - direi di professare un po' dell'umiltà che richiede ai suoi interlocutori.
"La realtà dei fatti" di cui straparla è che chi ha riportato l'episodio di cui si discute non ha la più pallida idea di cosa sia successo, eppure ne ha tratto delle conclusioni.
Cosa molto scorretta.
E lui, non si sa su che base, le avalla.
Cosa altrettanto scorretta.
Quanto a me, fossi anche salito quel giorno 1) mica sarei stato a vedere un cliente che paga la ragazza, dato che ritengo ci sia modo migliore per passare il tempo lì dentro e 2) in ogni caso mai avrei riportato qualcosa di cui non so nulla. Specie poi per trarne conclusioni di comodo.
Ma evidentemente il nuovo corso della clientela del locale e di chi scrive nei Forum la pensano diversamente sui due punti.
E anche - tra di loro - su altro, come visto sopra.

Chiudo con il buon @Tergeste83
Anzitutto non mi straccerei le vesti su chi contribuisce con proprie esperienze.
I Forum fisiologicamente perdono e acquistano utenti, e le informazioni sono quelle che girano qui, in altri Forum e altri canali, che di certo non offrono maggiore privacy, anzi.
Chi riporta cosa è scritto qui riporta tranquillamente cosa è scritto altrove.
Lurker nati o acquisiti ce ne sono ovunque, da sempre.
Sui motivi che portano un utente a non scrivere, possono essere i più disparati: stanchezza, poco da dire per svariati motivi, eventi personali e familiari, paura a vario titolo delle ragazze...cambia il risultato finale?
Non direi, quindi inutile interrogarsi.

L'importante è che chi scriva lo faccia con onestà e sulla base di proprie esperienze personali, senza inventarsi le cose o con secondi fini.
Direi che allora non c'è nulla da temere.
Come ho sempre scritto, le ragazze non hanno altro potere su di te che quello che tu attribuisci loro.

Quanto a me, fortunatamente non è strettamente necessario che io salga per sapere cosa accada, né devo inventarlo.
Solo qualche giorno fa stavo prendendo un caffè con @Wellcum.at, nessun mistero, a parlare del più del meno; ho sempre amici che salgono e ragazze che conosco che lavorano...
Poi se consideri la lunga chiusura per la pandemia, le molte restrizioni che rendevano difficile vivere appieno l'atmosfera del locale, cosa per me molto importante, e le umane vicende che toccano tutti, la latitanza del corpo aumenta.
Ma sono presente in spirito 😉
Poi quando sarà per me il momento di recensire, te ne accorgerai.
Nel frattempo ti invito a continuare qui, da utente corretto, a scrivere senza timori.

TITANO
Gold
24/04/2022 | 16:33

  • Like
    1

@paddok

Hai letto (poco e) male, perché nel corso degli anni ho segnalato quello che vedevo personalmente che non funzionava, e fatto pure i nomi delle ragazze a mio avviso poco performanti.
Ma posso capire che un neoiscritto con due post come te faccia fatica a scorrere il profilo di chi ne ha molti, e sia più facile buttare frasi senza senso.
Vale lo stesso per @Pergolotto.
17 post in cui mai menziona Serena, che però - per lui - "deve cambiare lavoro".
Su che base tragga queste conclusioni, non è dato saperlo.

Purtroppo per entrambi, nessuno di voi ha compreso che qui si discute di un singolo episodio riportato da un utente che non sa nulla di cosa sia accaduto, né è certo di nulla, ragazza che nomina inclusa e che vi sia stata "una fregatura" è solo una sua (e tua, ora) conclusione.

Questo non significa che non possano esserci problemi nel locale o episodi spiacevoli, ma di certo creare un episodio dal nulla (cosa che è stata fatta) per supportare proprie tesi è quantomeno scorretto.
Così come lo è riportarle e difenderle nel Forum.
A proposito di "nuovo corso" degli utenti che vi scrivono, voi la incarnate perfettamente.

TITANO
Gold
24/04/2022 | 00:44

  • Like
    0

@Caprone

Veramente la polemica la cerchi, eccome.
Anzitutto puoi essere un forumista corretto taggando con la @ sia il sottoscritto che @Iustus, di modo che ci arrivi una notifica e sappiamo che stai parlando di noi appena apriamo il sito.

Fai parecchia confusione.
Qui non c'entrano le ragazze.
Qui c'entri tu.
E c'entra un episodio di cui non hai nessuna certezza.
Altro che 1+1, che mancano entrambi.

Tu hai parlato di una cosa di cui non sai nulla, per tua stessa ammissione.
Hai dedotto che uno che neppure conosci è stato missilato da due ragazze (e insisti su Kelly pur non essendone sicuro, quindi sei pure in malafede...) dal tempo di permanenza nel locale dopo il pagamento di una prestazione di cui neppure conosci cifra e durata.

Se poi Serena e Kelly (quest'ultima l'ho pure recensita malino a suo tempo, e la recensione è lì, a disposizione; ma non sono le ragazze il problema, nel tuo post..) ti hanno missilato, spiace, ma con quello di cui si parla non c'entra nulla.
E' evidente da come apostrofi le ragazze citate e invochi l'intervento della Direzione (cosa c'entra? Ci sono state lamentele? Anzi, in primis c'era qualcosa di cui lamentarsi? Non si sa e tu DI SICURO non lo sai) il tuo livore verso le une e verso l'altra.

Quanto a me (@Iustus poi interverrà per sé stesso, se lo ritiene) non devo evitare nulla a nessuno, né aiutare chicchessia.
Siamo tutti adulti direi, nonostante a leggere certi post qualche dubbio sorga.
Io racconto quello che ho da dire, e quello che vivo in prima persona.
Se poi qualcuno ne trae utilità o piacere, buon per lui.
Soprattutto racconto quello che so.
Inizia a farlo anche tu, anziché creare tempeste in bicchieri d'acqua o astrarre fantasiose ipotesi dal nulla.

Vuoi aiutare chi legge?
Accertati prima di scrivere di essere sicuro di cosa riporti.
Sarebbe un buon inizio.
Altrimenti astieniti.

TITANO
Gold
23/04/2022 | 13:36

  • Like
    2

@Caprone

Ricapitolando.
1) Non sei sicuro di chi fosse l'altra ragazza, ma fai comunque un nome.
2) Non sai per tua stessa ammissione cosa hanno fatto in stanza.
3) Ovviamente non puoi sapere che accordi economici abbiano preso, non essendo coinvolto nella vicenda tu o qualcuno che conosci, e neppure sei sicuro di quanto abbia pagato ogni ragazza.

Tuttavia, per te, "l'hanno fregato di sicuro".
Perché?
Perché dopo 10 minuti, a tuo dire, se n'è andato il Tizio (che poteva andarsene per decine di motivi)?

Bisognerebbe essere molto cauti,quando si scrive. Specie se non siamo sicuri o se non sappiamo nulla di cosa è successo.

Questo è il mio consiglio per i "neofiti" dei Forum: evitare di ricamare su ipotesi e congetture che non li riguardano direttamente e di cui, alla fin fine, non sanno nulla.

TITANO
Gold
22/04/2022 | 17:58

  • Like
    0

TITANO
Gold
04/04/2022 | 07:25

  • Like
    1
Escortadvisor bakekaincontri_right tantralux_right Trovagnocca_right charmescort_right Andiamo_right Escort Direcotory Escort forum escorta moscarossa_right wellcum_right bacheca massaggi
Logo Gnoccatravels

Stai per entrare in una sezione vietata ai minori di anni 18 che può contenere immagini di carattere erotico, che tratta argomenti e usa un linguaggio adatto a un pubblico adulto. Se non sei maggiorenne esci immediatamente cliccando ESCI. Se non ritieni il nudo di adulti offensivo alla tua persona e se dichiari di essere maggiorenne secondo la legge dello stato in cui vivi e se, entrando nel sito, accetti le condizioni di utilizzo ed esoneri i responsabili del sito da ogni forma di responsabilità, allora puoi entrare in Gnoccatravels!

Gnoccatravels.com tutela e protegge i minori e invita i propri utenti a segnalare eventuali abusi, nonchè ad utilizzare i seguenti servizi di controllo: ICRA – Netnanny – Cybersitter – Surfcontrol – Cyberpatrol

Contenuti ed immagini qui presenti, sono stati ottenuti attraverso internet, quindi sono ritenuti di dominio pubblico, od autorizzati dagli interessati medesimi. Gli inserzionisti di Gnoccatravels.com dichiarano che gli scopi della pubblicazione richiesta sono leciti (secondo le vigenti normative in materia penale) e strettamente personali, quindi esentano i gestori del sito da ogni responsabilità amministrativa e penale eventualmente derivante da finalità, contenuti e azioni illecite, nonché da usi illegittimi e/o impropri della pubblicazione medesima.

Scegliendo ACCETTA ED ENTRA, l'utente dichiara di essere maggiorenne e di esonerare totalmente i fornitori del servizio, proprietari e creatori del sito Gnoccatravels.com dalla responsabilità sul contenuto degli annunci/inserzioni pubblicitarie e del loro utilizzo.

SONO MAGGIORENNE ESCI