Recensione di viaggio e consigli su Minsk parte 4

LINK PARTE 1: https://www.gnoccatravels.com/viaggiodellagnocca/138563/recensione-di-viaggio-e-consigli-su-minsk-parte-1/

LINK PARTE 2: https://www.gnoccatravels.com/viaggiodellagnocca/138565/recensione-di-viaggio-e-consigli-su-minsk-parte-2/

LINK PARTE 3: https://www.gnoccatravels.com/viaggiodellagnocca/138566/recensione-di-viaggio-e-consigli-su-minsk-parte-3/

Si consiglia di leggere le recensioni in ordine di pubblicazione

Domenica - giorno 10
Mi sveglio tardi con il solito hangover, abbastanza innervosito, poiché sono al decimo giorno senza trombare.
Contatto lo zio per sapere se è atterrato e se il viaggio è andato bene, e risponde in maniera affermativa.
Girando sull'applicazione di scambio linguistico suggerita da @PolishFucker , realizzo che quasi tutte quelle di Minsk che usano l'app, frequentano la stessa università.
Perciò quasi sicuramente avrò contattato più ragazze amiche tra di loro, non la più geniale delle idee (ma prima non avevo realizzato il tutto).
Mi muovo sui vari social. e sul sito consigliatomi da @Marth , mi scrive Dana, 21 anni, 6 est europeo, 7 italiano, tipa abbastanza simpatica, con la quale mi scrivo in inglese.
Ci mettiamo d'accordo sul vederci al Dana Mall nel pomeriggio.
Ma appena passiamo dal sito di @Marth alla chat su Telegram cominciano i casini, poiché la tizia scrive in inglese un cazzo per un altro, rendendo molto difficile la comunicazione.
Appena la incontro al Dana Mall scopro la verità: non parla una parola di inglese, e dal computer usava il traduttore per comunicare con me.
Così sono costretto ad usare il telefono per tradurre ogni singola cosa.
Vengo a sapere che il padre è russo, e che si è fatta 1 ora e 15 minuti di treno solo per venire da me, così mi si accende una lampadina.
Mangiamo qualcosa, e vedo che risponde bene al contatto fisico.
Finito di mangiare propongo di andare nel mio appartamento per "bere un po' di buon vino italiano", e quella ci sta.
Arrivati in appartamento, all'inizio fa un po' di resistenza, ma poi si lascia andare.
FINALMENTE PRESA LA BANDIERINA BIELORUSSA (anche se era solo per metà bielorussa, alla fine non mi allontano mai troppo dalla Santa Madre Russia).
Visto che si è fatto tardi, la accompagno alla stazione centrale, vicino alla fermata della metro Плошча Ленiна.
Essendo affamato mi dirigo al McDonald's per mangiare qualcosa, e nel mentre mi ferma una ragazza sui 26 anni, vestita con un piumino Moncler, che mi chiede 1 rublo (0,43€ o 0,5$), per comprare il biglietto dell'autobus.
Gli do la moneta, e quella continuando a parlare mi segue fin dentro McDonald's.
Avendo intuito che è una scammer, voglio mandarla via, ma al tempo stesso sono molto curioso di studiare il suo comportamento da vicino.
Così prendo e pago da mangiare per me e per lei, essendo molto curioso di sapere che domande potesse fare.
Mi chiede dove abito e se il mio appartamento avesse il riscaldamento, e inizia a farmi domande sempre di tipo economico, del tipo il telefono com'è, che lavoro faccio eccetera.
Afferma di voler andare in un ristorante, e io dico di si in modo tale da capire in quale ristorante non andare per nessun motivo al mondo.
Inizia già la prima discussione, perché vuole chiamare il taxi lei, ma io invece lo voglio chiamare con Uber, così lei è costretta a disdire il taxi che aveva chiamato (cara a me non mi freghi).
Nel frattempo che aspettiamo il taxi, arriva anche la mamma di sta tipa .
Arrivato l'autista, saliamo, e nel mentre fingo una telefonata urgente con la proprietaria dell'appartamento.
Così appena arrivati al Druzya Restaurant, le dico che devo correre via, ma quella mi chiede dei soldi per il ritorno.
Io non glieli voglio dare, ma mi accorgo che alle spalle della tipa sono arrivati 3 energumeni con facce poco raccomandabili, così le do 10 rubli (4,30€ o 5,07$) (le banconote di taglia grossa non le lascio mai in bella vista).
Così chiamo un altro autista con Uber e torno in appartamento.
Danno totale della scammer= 12€.
La tipa si chiama Irina, e il suo numero di cellulare finisce in 178. Mi raccomando, state sempre in campana.
Dopo essermi lavato e cambiato, esco per andare ai vari bar a Nemiga.
Arrivato lì, la situazione è desolante: sono vuoti ad eccezione del barista, e quelle poche coppie di ragazze che ci sono si stanno ritirando a casa.
Così, mentre cammino in quella via, che la sera prima era piena di gente, ormai diventata deserta, intravedo lontano una coppia di pulzelle, una bionda ed una bruna, che parlano allegramente sottobraccio.
Le fermo chiedendogli se stanno aspettando qualcuno, mi dicono di no, così le dico di seguirmi in un bar.
Arrivati, e finalmente con le chiappe al caldo, iniziamo a conoscerci meglio.
Hanno entrambe 24 anni (mi fingerò neo 24enne), la bionda si chiama Diana, ragazza veramente carina 7 est europeo o 8 italiano, la bruna la chiameremo Pocahontas, perché di faccia la ricordava veramente tanto (quella del film animato Disney), ucraina, con 2 tette e un culo assurdi su un fisico magro, 7 1/2 est europeo perché allo zio quel tipo di faccia non piace, 8 1/2 italiano o 9 se vi piace quel tipo di tratti somatici (anche se per me era difficile guardarla in faccia ).
Tra un drink e l'altro, mi chiedono come sia da solo, e bleffo dicendo che non sono da solo, ma che sto aspettando un mio amico (riferendomi a @lumi ).
Considerato che in realtà ero veramente da solo, visto che lo zio era partito la mattina, telefono varie volte al numero di @lumi ,che nel frattempo aveva buttato la sim nella spazzatura, perciò usciva sempre la classica registrazione in russo dell' "utente da lei chiamato non è momentaneamente raggiungibile", e così mi salvo l'alibi.
Quando mi chiedono di vedere il passaporto (per assicurarsi che fossi effettivamente italiano), faccio vedere il vedere il visto bielorusso (sul quale non c'è scritta la data di nascita), e così supero il secondo shit test.
Chiedo di fare una foto insieme per inviarla al mio amico, ma loro si rifiutano.
Così inizio a sospettare che siano delle pro, ma visto che c'erano nello stesso bar, oltre a noi, 2 americani sulla sessantina, molto rumorosi con addosso vestiti vestiti firmati e rolex, i quali non vengono calcolati proprio dalle ragazze, mi tranquillizzo.
Vedo che la bionda è molto recettiva nei miei confronti, mentre la bruna si tiene a distanza, così inizio a lavorarmi Diana.
Visto che la Pocahontas insiste nel chiedermi del mio amico, pago il conto e cambiamo bar, considerato che in quello precedente oltre ai 2 anziani non c'era nessuno.
Entrati in un nuovo posto, mi guardo intorno speranzoso di trovare qualche spalla adatta, ma vedo solo 3 bielorussi che ci iniziano a puntare come le pantere fissano le prede.
Ma ad un certo punto, da dietro le 3 fiere, esce lui, Arnold Schwarzenegger .
Vado vicino per iniziare a parlare, così scopro che si chiama Nills, olandese di 34 anni (e nel mio cervello si accende la lampadina Netherlands= big money), molto alto, somigliava tanto al famoso attore nel primo Terminator.
Ci prendiamo tutti e 4 da bere, e prima di pagare il conto, gli dico che io sto con la bionda, lui con la mora, e che deve pagare lui perché ho finito i soldi , e il tizio accetta senza fare storie.
Prima di uscire le ragazze mi chiedono il permesso se il tipo può venire con noi, dico di si e così andiamo in un altro bar.
Ammetto che la scena in cui due 24enni e un 34enne chiedono l'assenso a un 20enne è qualcosa che mai mi sarei immaginato in vita mia .
Il nuovo posto ha musica anni 40-50, così io e Diana cominciamo a ballare, mentre gli altri 2 rimangono seduti a parlare.
Finiti i drink ce ne andiamo, e finalmente inizio a baciare la bionda.
Arrivati nel nuovo bar, ci scoliamo mezzo drink e poi usciamo io e capelli dorati.
La tipa si vuole fumare una sigaretta, ma la faccio sedere su un muretto e iniziamo a limonare forte, addirittura mi prende la testa con le mani e mi stringe a tenaglia con le gambe .
Ad un certo punto mi chiede di andare nel mio appartamento, dico di si ed è felicissima, dopo un pò mi chiede "andiamo nel tuo appartamento a fare cosa?", e io rispondo con "divertirci", e quella ancora più felice di prima torniamo a limonare in maniera molto spinta (ci mancava poco se non me la scopavo sul muretto ) (qui potete vedere la serietà di una tizia adulta a confronto con le teen rincoglionite).
Mi interrompe dicendo che deve andare a dirlo all'amica, così entra dentro, ma dopo un po' esce dicendo "un altro bar e poi andiamo" (e io già mi pregustavo doppietta in un giorno solo).
Così cambiamo di nuovo posto, ed arrivati lì, le tipe si dirigono in una camera a parte a discutere tra di loro molto animatamente (le foto che ho caricato sono state scattate in quel momento).
Finiscono di "parlare" e vengono sui divanetti, dove ci scoliamo un altro drink, a quel punto, essendo sbronzo, perdo un po' il controllo, ed inizio a limonare la tipa sui divanetti, così viene il buttafuori dicendo di fermarci perché non era casa nostra (anche se eravamo gli unici clienti del locale, non voglio giustificarmi ma almeno il problema era solo con lo staff).
Le tizie escono a fumarsi una sigaretta, anche se le vedo discutere animatamente da dentro, ma poiché una delle 2 lascia il borsello sui divanetti, ed essendo le strade completamente deserte, rimango seduto tranquillo sul divanetto, e dico all'olandese di saldare il conto visto che tra poco ce ne saremo andati.
Le tizie rientrano a prendere la borsa e dicono "aspettate 5 minuti che torniamo subito", e capito il tutto, mi rimetto la giacca molto velocemente e mi butto all'inseguimento delle 2, che nel frattempo camminavano a passo molto veloce verso i taxi (sempre importantissima la regola del tenere SEMPRE sott'occhio e non lasciare MAI da sole le tipe).
Arrivo giusto in tempo mentre sta entrando la bionda in macchina, mi butto in mezzo, entro nel taxi e chiudo le portiere prima che possa entrare la bruna .
Quella da fuori prova a protestare, ma arriva l'olandese che la blocca, così nel mentre dico alla bionda di andare nel mio appartamento, ma quella prima dice che torna in 10 minuti (è più forte di loro, devono sempre provare a prenderti per il culo), poi dice di no perché non può lasciare l'amica da sola.
Così prendo il numero (dopo aver verificato che fosse effettivamente suo), ed appena esco dalla vettura, ci entra Pocahontas che mi fissa con uno sguardo pieno di odio .
Così, rimasti solo io e Arnold, ci dirigiamo al suo hotel (perché non volevo aspettare l'autista di Uber al freddo), mentre veniamo importunati dai tassisti che ci vogliono portare a mignotte. Camminando parliamo dell'accaduto, dicendo che era inutile stargli dietro perché comunque non volevano stare con noi, inoltre mi conferma che tutte le teen nei club sono delle pro che partono da 300$ a botta, infatti ormai lui ci prova solamente con tizie trovate nei bar e rigorosamente over 22.
Arrivati all'hotel (il DoubleTree by Hilton), lo saluto, e aspetto al caldo il taxi per tornare in appartamento.
Così torno a casa e mi metto a dormire.

P.S.
Mi sentirò con la bionda nei giorni successivi, e lei dirà che vuole vedermi ma è troppo impegnata con il lavoro (amministratrice di non so quale azienda), e che nel caso fosse libera verrebbe lei con la macchina nel mio appartamento, visto che abita a 60 km da Minsk.
Infine mi invita a ritornare in Belarus tra dicembre e febbraio, perché in quel periodo lavora meno ed ha molti giorni liberi.
Non so se fosse sincera o era giusto una scusa per scaricarmi, a voi le conclusioni
Screen delle conversazioni:

primo.jpg

secondo.jpg

terzo.jpg

quarto.jpg

Lunedì - giorno 11
Mi sveglio tardi con il solito hangover, abbastanza innervosito a causa di come fosse andata la serata precedente, e con un forte mal di gola causa freddo. Vado al Dana Mall a fare spese, e vedo un gruppo di turchi (mi ricordavano la banda bassotti) in ricognizione (foto sotto):

_20171115_215428.JPG

_20171115_215740.JPG

Tornato a casa, ho un meeting per le 18:30 con Liliya.
Ci incontriamo ed andiamo a prendere qualcosa da Planeta Pizza, ma la tipa è problematica, la parola timida è troppo riduttiva, gli devo strappare letteralmente le parola di bocca, però riesco ad avere delle informazioni utili. Mi conferma che all'infuori del sabato nei club il 99% delle tizie sono pro, e dopo che le chiedo dei bar, mi risponde che non ci va perché lei "non è una ragazza facile". Bingo, visto e considerato che non sono in Belarus per le ragazze serie .
Che poi prima carica foto non da "ragazza seria", poi fa la timida e la tipa casa e chiesa 🤔.
Così la saluto e mi dirigo al McDonald's a mangiare qualcosa.
Spero in qualche colpo di culo come a Mosca, ma ahimè non succede.
Nel frattempo si sono fatte le 23:00, così mi dirigo verso i vari bar di Nemiga.
Purtroppo quasi tutti vuoti, ma ne trovo uno senza finestre che era chiuso il giorno prima, così entro e li trovo del discreto movimento, la maggior parte sono ventenni, e cosa ancora più importante, niente pensionati o turchi over 50 (e di conseguenza niente pro).
Mi siedo al bancone, dove ancora prima che posso ordinare da bere, un georgiano di 25 anni mi attacca a parlare (lo chiameremo Michael ma anche "testa di cazzo"), e riesce a capire in niente il fatto che sia italiano (l'unico in tutta la Bielorussia), mi dice che è stato in Italia, anche nella mia città, e mi offre da bere.
Mi chiede il numero, lo salva, e nel frattempo che mi cerca tra i contatti di whatsapp vedo "Hanna 1 Minsk" sul suo telefono. Mi trattengo dallo sputare il drink in faccia al tizio, e gli chiedo chi sia quella ragazza mentre inizio a ridere solo io.
Quello risponde dicendo che è una che ha conosciuto in uno dei bar (com'è piccola Minsk ), e che ha contattato il giorno dopo, ma la tipa ha visualizzato senza rispondere.
Poi mi chiede perché e coma la conosca.
Perciò prendo il telefono e gli faccio leggere la chat tra me e Hanna 1, e il tipo rimane impressionato dal fatto che la tizia avesse messaggiato con me per tanto tempo.
Provo a chiedergli più volte in quale bar l'avesse incontrata, ma non me lo dice.
Nel frattempo mi studio la situazione nel locale (sempre per capire chi fosse accompagnata e chi no), ma oltre ad una coppia di tizie che stavano sempre a parlare con i 2 bartender, vedo da sola una tizia che ogni tanto parla con il terzo barista.
Così chiedo se sono fidanzati, e alla loro risposta affermativa gli dico che sono una bella coppia (quando bevo inizio a fare il paraculo), il tizio mi guarda storto e ringrazia.
Nel frattempo vado a sedermi di nuovo vicino al georgiano, e di fianco a me si siedono 2 belle signorine.
Inizio a parlare, e le tizie sembrano molto ben recettive, così rimango a parlare con loro.
A un certo punto il barman dice che il bar chiude tra 5 minuti, così mi fiondo in bagno.
All'uscita, trovo il georgiano che sta provando ad approcciare le 2 tipe, ma quelle lo ignorano. Mentre mi dirigo verso di loro, vedo un tizio che entra e fa un gesto rivolto verso le 2, così comprendo il tutto e prendo le mie cose, mentre le tizie pagano la loro parte (non me ne ero accorto che stavano pagando, ma non so se avrei pagato la loro parte visto che il tizio aspettava a loro).
Così usciamo dal locale, e 2 bielorussi (abbastanza sfigati ad essere onesto) mi attaccano a parlare in un buon inglese, e nel mentre il georgiano si dilegua, e i 2 tizi mi dicono "sta andando in un altro bar alla ricerca di ragazze" (come se non l'avessi capito, e come se non avessi capito che voi 2 sperate che vi introduca alle tizie visto che già prima avevate preso il palo).
Le tipe mi dicono che se ne devono andare a casa, così chiedo il numero della più carina (che era anche quella che ci stava di più), la tipa all'inizio era titubante, ma su insistenza dell'amica alla fine cede.
E se vanno da sole, facendomi pensare al fatto che potevo essermi sbagliato prima.
Poi controllo meglio su whatsapp il numero di telefono, e si, era lei quella della foto, ma l'ultimo accesso era stato fatto un mese prima.
Così con i 2 bielorussi andiamo a cercare un bar aperto, e appena ne troviamo uno, purtroppo con 12 uomini e 3 donne, ci sediamo a bere qualcosa mentre parliamo.
Scopro che sono di Minsk ma vivono in Austria da 7 anni, e mi dicono molte interessanti, tra le quali il fatto che le tizie non credano al fatto che sia italiano perché "Per quale ragione un italiano di 20 anni dovrebbe venire a Minsk?", e che in genere probabilmente pensano sia qualche mediorientale o turco che si finge italiano.
Inoltre aggiungono "Poi te parli bene inglese, cosa anormale per un italiano, magari se gesticolassi di più o al posto delle parole inglesi usassi qualche parola italiana, le tipe potrebbero anche capire la tua vera nazionalità da subito".
Poi iniziano a spiegare una loro assurda teoria, che non sta ne in cielo ne in terra, secondo la quale "se parli russo sei svantaggiato perché pensano che sei di qui", non è mica perché loro sono degli sfigati assurdi, è perché alle tizie piace chi parla inglese .
Dopo essermi mantenuto dal ridergli in faccia, pago i drink e saluto i 2, e mi ridirigo verso i bar a Nemiga, speranzoso di trovare qualcuno.
Appena arrivo all'inizio della via con i bar, mi ritrovo il georgiano con 2 colossi che si stanno dirigendo verso un taxi, e mi invita a salire visto che tutti i bar sono chiusi.
Così salgo nel taxi e insieme andiamo verso un locale.
Purtroppo gli altri 2 tizi non parlano un h di inglese, perciò Michael fa da traduttore (il tizio parlava sia inglese sia russo), e scopro che uno è un moscovita che si chiama Sasha, di 34 anni, e l'altro un tizio di Minsk di 33 anni, che si chiama Nikolaj.
Arrivati al club (purtroppo non mi ricordo ne il nome ne il posto, ero già abbastanza sbronzo, mi sembra più o meno dove sta il Dozari ma sull'altro lato della strada, aveva il bagno alla turca, senza gabinetto) ritrovo le 2 ragazze che stanno con un gruppo di bielorussi, le saluto e quelle con facce imbarazzate ricambiano.
Provo ad andarci a parlare ma i bielorussi fanno muro e assumo anche toni abbastanza minacciosi, così mi avvicino a Sasha (1,98 m pieno di muscoli) e gli pago un drink in segno di amicizia, e alla vista della montagna quelli si allontanano .
Nel frattempo mi studio la situazione, e vedo all'incirca 20 uomini e 5 donne (7 se consideriamo anche le 2 ballerine), di queste 5, 3 sono probabilmente over 28, e 2 sono le tizie che già avevo conosciuto prima; unica nota positiva, solo russi o bielorussi, niente arabi o turchi rompiminchia.
Mi vado a sedere con il russo ad un tavolo, visto che stavo più comodo e riuscivo a vedere meglio le ballerine (e che cos'erano), ma nel frattempo arriva Nikolaj, che un po' alla volta porta bicchieri, vodka, ghiaccio e coca cola.
Prepara gli shots, così ci facciamo vari giri, e dopo mi dice "grazie per star bevendo con noi".
A quel punto ero veramente sbronzo, per questo è già un miracolo se ricordo quello che è successo.
A un certo punto viene la tizia più carina di quelle 2 già conosciute in precedenza, che viene a scroccare da bere, ci parlo un po', ma poi ritorna nel suo gruppo di bielorussi.
Io rimango seduto sui divanetti, perché stavo veramente ai limiti del collasso, e dopo un po' arriva il georgiano e mi dice che se ne vuole andare in uno strip club perché la situazione non era buona, e mi chiede se voglio venire.
Gli rispondo di provare ad andare da una delle 2 che avevo conosciuto prima e chiedergli quanto volessero (non chiedetemi il perché, ero sbronzo marcio).
Il tizio va, ma torna dicendo che la ragazza aveva risposto con "Non scopo per soldi".
Così Michael se va dimenticandosi il cappello (importante per il giorno dopo), mentre io rimango nel club.
Dopo un po' arrivano Sasha e Nikolaj al tavolo con 2 tizie over 28 (niente di eccezionale, due 6 al massimo), rubate ad altri 2 bielorussi.
Visto che il locale sta chiudendo, usciamo tutti e 5, e il bielorusso mi chiede se vengo insieme a loro, visto che hanno delle bottiglie di vodka a casa.
Io con il traduttore gli rispondo "Grazie dell'invito, ma credo che 1 donna per 1 uomo è la cosa migliore", e quello mi abbraccia dicendo "Sei un grande!", e così prendo il numero di telefono di Sasha (l'altro era corso in macchina con la tipa).
Onestamente, non ero nello stato psicofisico per poter partecipare ad un'orgia, e a distanza di qualche tempo, non mi pento della scelta presa.
Nel frattempo le 2 pulzelle erano uscite insieme al loro gruppo, ma un altro gruppo di maschi fischia alle ragazze, così i 2 gruppi iniziano una mega rissa e le 2 girls vanno via.
Le raggiungo, così parliamo fino a quando arriviamo sotto al loro appartamento.
Lì le dico del telefono, e mi spiegano che lei ha il telefono rotto (effettivamente una serata intera non l'ho mai vista una volta prenderlo), così l'amica meno carina mi dice che devo prendere il suo numero per rimanere in contatto con l'altra.
Ormai essendomi imparato il fatto che ogni volta che danno i numeri, "casualmente" li sbagliano, prendo il suo telefono (un modello a conchiglia di quelli del 2005), compongo il mio numero bielorusso e faccio uno squillo sul mio telefono.
Così le saluto e chiamo un taxi con Uber, torno a casa e mi metto a dormire.

Leggi le recensioni ESCORT e non farti fregare, trova la ESCORT nella tua città
  • 1 di 1
  • 1
Logo Gnoccatravels

Stai per entrare in una sezione vietata ai minori di anni 18 che può contenere immagini di carattere erotico, che tratta argomenti e usa un linguaggio adatto a un pubblico adulto. Se non sei maggiorenne esci immediatamente cliccando ESCI. Se non ritieni il nudo di adulti offensivo alla tua persona e se dichiari di essere maggiorenne secondo la legge dello stato in cui vivi e se, entrando nel sito, accetti le condizioni di utilizzo ed esoneri i responsabili del sito da ogni forma di responsabilità, allora puoi entrare in Gnoccatravels!

Gnoccatravels.com tutela e protegge i minori e invita i propri utenti a segnalare eventuali abusi, nonchè ad utilizzare i seguenti servizi di controllo: ICRA – Netnanny – Cybersitter – Surfcontrol – Cyberpatrol

Contenuti ed immagini qui presenti, sono stati ottenuti attraverso internet, quindi sono ritenuti di dominio pubblico, od autorizzati dagli interessati medesimi. Gli inserzionisti di Gnoccatravels.com dichiarano che gli scopi della pubblicazione richiesta sono leciti (secondo le vigenti normative in materia penale) e strettamente personali, quindi esentano i gestori del sito da ogni responsabilità amministrativa e penale eventualmente derivante da finalità, contenuti e azioni illecite, nonché da usi illegittimi e/o impropri della pubblicazione medesima.

Scegliendo ACCETTA ED ENTRA, l'utente dichiara di essere maggiorenne e di esonerare totalmente i fornitori del servizio, proprietari e creatori del sito Gnoccatravels.com dalla responsabilità sul contenuto degli annunci/inserzioni pubblicitarie e del loro utilizzo.

SONO MAGGIORENNE ESCI

SHARE