♥ Malta: Il Marchese alla Valletta si chiava ‘na negretta ♥

Il fatto che questa recensione venga dritta da Malta come un barcone di libanesi, non vuol dire che questa splendida isola del mediterraneo sia per voi navigatori di mari mignotteschi un attracco sicuro in cui gettare l‘ancora. È risaputo che Malta è un po’ l’isola che non c’è per il puttanaggio. Sono stato chiamato dai miei amici cavalieri dell’ordine di Malta che volgiono conferirmi la Gran Croce dell’ordine per meriti nel campo della cultura e dell’amore, questo è l’unico vero motivo per cui mi trovo lì.

Il Caravaggio, che dipingeva madonne ripensando alle puttane che si era chiavato la sera prima, venne insignito a suo tempo della stessa croce al merito. Questo ve la dice lunga sulla gente che frequentano ‘sti cavalieri.

Arrivo in albergo in tarda serata, il tempo di posare le valigie, un bidet, un padrenostro. Esco per mettere qualcosa sotto i denti. Già so che la chiavata è una chimera. In qualunque luogo turistico del mediterraneo che sia Grecia, Cipro, Turchia, Spagna, sembra sempre di stare in una Lloret de Mar del cazzo infestata dal turismo giovanile nord europeo.

È come trovarsi a qualche party scolastico di mignottelle e sagaioli alcolizzati.

Malta ovviamente non fa eccezione. Sfanculando a destra e sinistra, in questa folla di bimbi minchia, vorrei solo arrivare al mio albergo. Una tipa si piazza davanti al mio cammino. Penso: ecco ci siamo. Guardo in alto lampeggiare un paio di tette sopra la sua testa. Non voglio buttare i soldi per pagare una rumena a fare domanda-risposta tutta la sera. Sono finito in una strada che è come l’inferno degli strip club e sembra che tutte le fighe siano lì che aspettino me. Per strapparmi pure i peli dal culo. Sentendomi minacciato, anche perché non ho un culo peloso come un peluche, m’imbuco in una strada laterale. La strada sembra pericolosamente tranquilla.

È buia, in fondo c’è un’insegna luminosa e un gruppo di persone indistinte. Mi avvicino e vedo tre ombre appostate come carabinieri. Tre carabinieri con i capelli lunghi e la minigonna. Tre carabinieri con minigonna, capelli lunghi e borsetta.

Tre carabinieri negri con capelli lunghi, minigonna e borsetta.

A Malta la prostituzione è illegale, i bordelli non esistono, e le stagioni non sono più quelle di una volta. Uno dei tre carabinieri negri con capelli lunghi minigonna, borsetta e labbra da pompino imperiale si avvicina. Va subito al sodo e mi chiede 100 euro per una chiavata. Mi assicura che non mi farà pagare l’ingresso, l’aria che respira e ogni vocale di quello che mi dirà. Ho sempre avuto fiducia nell’arma e soprattutto c’ho l’uccello alla gola. Da cento dobloni arriviamo a 60. Entriamo nello strip club che si chiama ‘Mydarling’, ci sono ragazze stravaccate sui divanetti, odore di scorreggia e di piedi. Clienti in sala neanche l’ombra. Perché sono tutti alla catena di montaggio al piano superiore. Questo è l’unico modo per mandare avanti un locale del genere. Usare le salette privè come zona monta. Quella che sceglie la mia donna che di nome fa Marta o Marzia è nel corridoio e visto che le tende sono trasparenti tanto vale le dico che scopiamo in sala o in strada. Scelgo una saletta più appartata, perché sono un tipo timido, io. Visto che lì in teoria si dovrebbe assistere ad uno spettacolo di spogliarello, c’è solo un divanetto. Da quando sono arrivato in albergo a quando schiaffeggio il culo a Marta non è passata nemmeno un’ora. E menomale che a Malta non si chiavava. Ancora oggi ho il sospetto vista la mia reputazione, a Malta che qualcuno mi avesse organizzato tutto. Tipo Truman Show Puttanesco. Sta di fatto che ora Marta inizia a dimenare il culo. Scodinzola che sembra un cane maltese. La coda gliela metto io. Marta o forse si chiamava Martina mi spinge a sedere sul divanetto. Non oso immaginare di quanti culi di miei predecessori ci sia stata l’impronta. Mi si mette in ginocchio, la testa tra le mie gambe e inizia il suo lavoro gastronomico. Succhia e sputa e ingoia continua a dimenare il culo a ritmo della musica. La canzone sparata dagli altoparlanti è Miami di Will Smith. La ricordo perché fra una boccata e l’altra lei fa una battuta sul titolo.

Mi chiede Miami? Con la faccia bagnata di bava e insaporita d’uccello le rispondo: sei la donna della mia vita.

Le dico: “Se ti vedesse Caravaggio ti farebbe un affresco, come una Madonna abbronzata.”

“Caravacchio? Who is?” Mi fa.

Vabbe’. Le prendo la testa e le tappo quel fiasco vuoto che c’ha al posto della testa con un bel pezzo di sughero rosato. Non ho avuto nemmeno il tempo di togliermi le scarpe, c’ho i pantaloni calati tipo quando stai seduto al cesso. La situazione è abbastanza precaria. La polizia potrebbe irrompere nel locale da un momento all’altro. Trovarmi una negra appesa al cazzo come glielo spieghi. Soprattutto ai cavalieri di Malta che s’incazzano se non li inviti a ‘ste feste.

Faccio cenno di alzarmi. Madonna Marta vorrebbe succhiarmelo fino alla venuta dello spirito santo. S’alza in piedi e continua a dimenarsi cercando di leccarsi da sola le tette. Si sta auto-mungendo. Cerco di avvicinarmi a lei, a ‘sta vacca. I pantaloni calati sulle caviglie m’intralciano i movimenti, devo fare piccoli saltelli per raggiungerla. Saltello con il cazzo che sbatacchia che sembra un campanaccio.

Le dico girati!

Marta si piega in avanti afferrandosi le caviglie. La fica nera s’apre, ha il colore di doppio cheeseburger e bacon. La infilzo e le do tanti schiaffoni sul culo che quasi non finisce a faccia in avanti. Mi risiedo sul divanetto. Marta fa il salto del cazzo piombandomi addosso. Per fortuna, fa centro procurandomi quasi un’ernia inguinale. Alla pesa sarà ottanta chili netti di manzo negro. Del mio uccello non c’è più traccia. È tutto affogato dentro lei. Si dimena, a quel punto è guerra aperta al suo buco del culo, che sto martoriando da mezzora con un dito. Altri 40 dobloni chiede. Trattiamo per 20. Infilo il pisello pallido in quella grotta affrescata a cazzo. Le stantuffo il culo rimanendo seduto. Quando sto per raggiungere la sborrata del secolo, mi risollevo in piedi. Marzia o Marta mi prende la mano e mi succhia l’indice, lo stesso che le avevo tenuto in ammollo nel suo culo, fino a tre oh yes, fuck me maialone prima. Perché a Malta parlano tutto un misto di lingue. Finalmente condisco di maionese calda quel McMenù africano.

Benvenuti da McDonald!

A questo punto avrete capito che la negretta della valletta non era affatto una negretta, ma una negrona. E in realtà non si trovava alla Valletta ma a st. Julian, ma ci stava bene col titolo. D’altra parte sono un poeta. La storia dell’onorificenza dei cavalieri di Malta, invece, quella è la verità, giuro!

https://www.facebook.com/Iviaggidelmarchese

Guarda Foto e Video di ESCORT e TRANS porche nella tua città

@IlMarchese mitico) in effetti quei night con le rumene mi davano un po' di

timore pensando al prezzo..adesso so che inzuppare a Malta è più fattibile!

Raggiungere l'Oriente navigando verso Occidente.

Trova i migliori CENTRI MASSAGGI e le MASSAGGIATRICI SEXY in Italia

Un thriller d'azione che ci conferma che malta è un buco! :-D

- Che cazzo è quello?
- Ti sei risposto da sola.

Guarda Foto e Video di ESCORT e TRANS porche nella tua città

grazie veramente gentili

Grandissimo @Ilmarchese,mi hai commosso come sempre,anche in un posto ostico alla prostituzione come malta

la bava di bagascia,utile per ogni fregna del mondo intero
certe coppie sono assieme per lo stesso motivo che io quando cago,porto un giornale da leggere:solo per ammazzare il tempo...
to pay 4 to fuck.....

Trova i migliori CENTRI MASSAGGI e le MASSAGGIATRICI SEXY in Italia

E anche noi ai poeti e agli scopatori!

Raggiungere l'Oriente navigando verso Occidente.

Abbandonati al relax e al piacere, scopri i centri massaggi della tua citta'!

contraccambio :)

la bava di bagascia,utile per ogni fregna del mondo intero
certe coppie sono assieme per lo stesso motivo che io quando cago,porto un giornale da leggere:solo per ammazzare il tempo...
to pay 4 to fuck.....

Guarda Foto e Video di ESCORT e TRANS porche nella tua città

IlProfessor69
14/10/2014 | 06:10
Cargo battente bandiera liberiana |  26-35
Gold

Bravo Marchese...alla faccia di quei repressi che dicono che ci sono storici GT che fuorviano le menti

Se ti ama, ingoia

@viva la susina

grazie

Non c'è cosa più divina che succhiare La susina.

Trova i migliori CENTRI MASSAGGI e le MASSAGGIATRICI SEXY in Italia
  • 1 di 1
  • 1
Logo Gnoccatravels

Stai per entrare in una sezione vietata ai minori di anni 18 che può contenere immagini di carattere erotico, che tratta argomenti e usa un linguaggio adatto a un pubblico adulto. Se non sei maggiorenne esci immediatamente cliccando ESCI. Se non ritieni il nudo di adulti offensivo alla tua persona e se dichiari di essere maggiorenne secondo la legge dello stato in cui vivi e se, entrando nel sito, accetti le condizioni di utilizzo ed esoneri i responsabili del sito da ogni forma di responsabilità, allora puoi entrare in Gnoccatravels!

Gnoccatravels.com tutela e protegge i minori e invita i propri utenti a segnalare eventuali abusi, nonchè ad utilizzare i seguenti servizi di controllo: ICRA – Netnanny – Cybersitter – Surfcontrol – Cyberpatrol

Contenuti ed immagini qui presenti, sono stati ottenuti attraverso internet, quindi sono ritenuti di dominio pubblico, od autorizzati dagli interessati medesimi. Gli inserzionisti di Gnoccatravels.com dichiarano che gli scopi della pubblicazione richiesta sono leciti (secondo le vigenti normative in materia penale) e strettamente personali, quindi esentano i gestori del sito da ogni responsabilità amministrativa e penale eventualmente derivante da finalità, contenuti e azioni illecite, nonché da usi illegittimi e/o impropri della pubblicazione medesima.

Scegliendo ACCETTA ED ENTRA, l'utente dichiara di essere maggiorenne e di esonerare totalmente i fornitori del servizio, proprietari e creatori del sito Gnoccatravels.com dalla responsabilità sul contenuto degli annunci/inserzioni pubblicitarie e del loro utilizzo.

SONO MAGGIORENNE ESCI

SHARE