FKK Wellcum – Sabato 29 Settembre 2018 - Visita al Wellcum per la mia Mamma (recensione)

Cara Mamma, non so se avrai modo di leggere questo messaggio, ma quello che mi preme dirti è di non temere. Non temere perché sto facendo il possibile per realizzare il tuo sogno. Sì, prima o poi vedrai tuo figlio sistemato, felicemente sposato con prole a seguito, cosicché potrai finalmente annunciarlo a tutte le tue amiche. Sono solo alla ricerca della ragazza giusta. Abbi fede, porta solo un briciolo di pazienza...

Le promesse son promesse, e l'unica persona a cui non è possibile venir meno alla parola data è proprio alla mamma! Pertanto, avendo appreso con piacere dell'ultimo servizio clienti offerto dal Wellcum, il cosiddetto "Wedding Planning", prendo la palla al balzo e questa volta, se va bene, penso proprio di poterle fare la tanto sospirata sorpresa. Infatti, per chi non ne fosse ancora venuto a conoscenza, il nuovo pacchetto offerto a noi clienti è molto semplice e per certi versi molto conveniente, soprattutto per chi lungimirante volesse investire sul futuro, piuttosto che accontentarsi della solita misera mezz'oretta in camera: in sintesi, compri un automobile > porti in dono le chiavi del bolide alla ragazza prescelta > proposta di matrimonio > mamma felice! Che dire, affrettatevi! Io ho optato per una Fiat 500 Lusso color rosso fiammeggiante del 1965, ho preparato le partecipazioni e, rose rosse alla mano, mi sono diretto tutto impettito per la mia seconda visita al Wellcum.
Purtroppo, l'emozione e tutto l'entusiasmo per l'imminente dichiarazione saranno destinati a scemare bruscamente da lì a poco. Eh già...la volta scorsa il mio cuore palpitante era stato rubato da quella ragazza dai capelli rossi, ma ora immaginate il mio sconforto quando entrando nel locale non la vedo! L'ho cercata dappertutto! Ahimè, ho fatto i conti senza l'oste: la mia futura dolce metà risulta essere ufficialmente in ferie. Disperazione. Che sia già in viaggio di nozze?...che qualche bellimbusto abbia giocato d'anticipo? La vita è solo dolore. Avvilito gettò via le rose tra i cespugli. Appassiranno lentamente nel passato, assieme ai miei sentimenti e tutti i ricordi. Ragazzi non fate come me, ve lo ripeto, AFFRETTATEVI!

Chi glielo va a spiegare tutto ciò alla mamma? Come potrei tornare a casa senza una consorte da presentare? Non posso cedere all'abbattimento morale e subito mi metto alla ricerca di un'altra donna per me, fatta apposta per me.
Questa volta essendo arrivato tardi in serata, pressapoco all'ora di cena, devo dosare con maggiore scrupolo il fattore tempo rispetto alla mia prima visita del mese scorso, che difatti era stata beatamente segnata all'insegna del cazzeggio e dell'ozio più totale tra una camera e l'altra. Pertanto stasera le numerose interviste alle ragazze si susseguono in maniera spedita. Da ciò che si è potuto evincere, dopo un oretta buona di casting, è che per quasi la totalità delle aspiranti al velo bianco il bacio alla francese non sia pratica concessa prima del matrimonio. Si sa, le tradizioni bisogna rispettarle per quanto bizzarre o assurde esse siano, ma d'altro canto bisogna pur apprezzare il valore della castità di questi tempi. Insomma ormai è cosa rara, ed è bello trovare delle brave e pudiche ragazze anche nel 2018. Mi avvicino con fare amichevole alla ragazza che più mi aveva colpito.

AYSHA (spero di non sbagliare il nome) è seriamente molto bella. Lineamenti del viso morbidi e gentili, così come lo è il suo splendido corpo. Direi con tutta probabilità una tra le più giovani nonché graziose del locale.
Tuttavia tutta la dolcezza che emana il suo aspetto acqua, sapone e borotalco viene affievolita non appena le si proferisce parola. Probabilmente infastidita da qualcosa che immagino le sia capitato prima di me, risulta in quel frangente poco cortese e poco incline a chiacchierare. Cerco di rompere il ghiaccio con qualche battuta, ma niente, il broncio le rimane. Seppure alla fine mi è stato proposto l'invito a salire in camera, e nonostante la ragazza mi piacesse un sacco, al momento non me la sentita di portarla su con quel bad mood. Cerco quindi approdo su altri lidi, un porto più sicuro.

Peccato che l'alternativa, che nella mia testa doveva essere la meno rischiosa, si rivelerà un vero e proprio naufragio. Infatti lasciata la sobrietà angelica di Aysha, mi lascerò tentare dalla procace presenza di REBECCA, ragazza ventisettenne libanese conosciuta poco prima. Io, che credo fermamente nelle teorie antropologiche lombrosiane, avevo già capito che questa ragazza era tutto fuorché una scelta che ispirasse totale fiducia, ma ho voluto tentare la sorte, conscio e rassicurato che comunque per la prima camera valesse la pena di arrischiarsi su qualcosa di più azzardato. Quindi prima della salita, mi sincero di arte e parte della sua offerta. Chiedo a REBECCA cosa sa fare, e lei risponde con l'intramontabile "tutto quello che vuoi amore". Non resisto alla tentazione e controbatto sognante "perché, saresti disposta anche a sposarmi allora?". Presa alla sprovvista si difende con un laconico "dipende...". Bando alle ciance, il FK lo fa solo dietro compensa, e facendole notare che tale pratica non dovrebbe essere considerata extra (da quanto mi risulta, o lo fai o non lo fai) borbotta qualcosa in inglese facendo finta di non aver capito e, alla fine della fiera, ci accordiamo per lo standard di mezz'ora senza bacini.
Si sale su per la scalinata, ma la camera che ci attende sarà vuota, senz'anima e senza cuore. Anonima. Il suo atteggiamento alquanto bipolare. Appena entrati non si doccia in quanto, da quanto asserisce, dice di averlo già fatto prima. Tira fuori il cellulare e, volume a bomba, mette su un'improbabile canzone tecno-mediorientale. Più che atmosfera da Le Mille e Una Notte, sembra di essere dal kebabbaro sotto casa in attesa di essere servito dei falafel ordinati. Vabbè. Ritarda qualsiasi approccio e contatto fisico a favore di prolungati sguardi lascivi che perlopiù facevano urlare alla disperazione per il basso livello di recitazione. Il BJ è durato una manciata di secondi, tempo di lamentarsi per un fantomatico infortunio al pollice, portandosi la mano al petto in segno di dolore. Diceva che non poteva proseguire con tale pratica. Te pareva...! Con estrema calma assecondo l'invito a proseguire con l'atto vero e proprio, e con animo mesto e silenzioso prendo le redini della situazione. Da allora il leitmotiv della camera sarà il reiterato ed asfissiante "su dai vieni amore": qui in occidente non abbiamo la scimitarra, ma non concedendo ulteriore pietà, la spada nella roccia la farò rimanere conficcata dentro per tutta la mezz'ora ad onorare quanto pattuito, fintanto che al momento della mia esplosione grido con tutta forza Allah akbar!!
Diamo a Cesare quel che è di Cesare: REBECCA è una ragazza molto bella, incline a proporre e sperimentare anche le più stravaganti posizioni del kamasutra, ma al di là di ciò le sue qualità terminano qui. Oltre c'è il vuoto cosmico, purtroppo anche come persona non mi è piaciuta. Arrivati ai piani bassi, col naso dentro il portafoglio, ha il coraggio di domandare persino il regalino...[…] se ne andata senza salutarmi, ma sono sicuro che tanto anche a mia mamma non piacerebbe. E badate bene che solitamente a mia mamma stanno simpatiche tutte le persone...

Tornato quindi scapolo, posso finalmente dedicarmi allo scopo principale per cui tutti noi veniamo al Wellcum: dormire nella saletta relax. Nell'oscurità della sera entro in punta di piedi e prendo posto in un lettino. Accanto a me un signore sulla settantina, forse anche più, in posizione supina, occhi chiusi e mani sul petto in preghiera rimarrà immobile per tutto il tempo che son rimasto lì dentro.
Deve essere qui che portano i corpi esanimi quando i giochini con le giovani fanciulle finiscono in tragedia e diventano fatali ai deboli di cuore.
Passata una ventina di minuti, lo lascio riposare in pace, faccio il segno della croce ed esco in riverenza.
Allorché, provo l'ebbrezza di una bella nuotata rigenerante in piscina col ciccino di fuori...fantastico! Non contento poi vado ad aprire tutte le porte della sauna, manco fossi un bambino di tre anni che ha imparato ad aprire gli sportelli di casa...era giusto per testare sulla propria pelle la vampata di calore che ne usciva. C'è chi si diverte con poco e io decisamente sono uno di quelli! Infine vado a spizzicare qualcosa in ristorante prima di fare il ritorno in scena alla ricerca di Cenerentola. Ormai manca quasi un'ora a mezzanotte.

Solito schema: calice di coca-cola alla mano, ricomincio il mio pellegrinaggio in sala in previsione dell'ultima camera. In cima alle mie preferenze tuttavia rimane la precedentemente citata AYSHA. Oh, beh, io una così me la sposerei. Ha quell'aria che vagamente ricorda Joey Potter, e mi domando chissà se mai potessi essere io il suo Dawson. Proprio come nella telenovela, ad ogni modo non deve essere la serata giusta per me con lei, poiché la vedo già occupata ad intrattenere un signore molto più anziano di lei. Forse è lo stesso che prima dormiva accanto a me e di cui incautamente mi schernivo. Mai sottovalutare l'esperienza di un vecchio orso...deve essere resuscitato all'odore della carne fresca.

Quando ormai stava per sopraggiungere l'ansia causata dall'inesorabile passare dei minuti, vedo sfrecciarmi davanti un gran pezzo di figa.
Passatemi il francesismo ma è dannatamente figa. Dapprima la studio da lontano. Se ne passa una buona mezz'ora a sgattaiolare per la sala ignuda come mamma l'ha fatta, mettendo in bella mostra le sue grazie che con estrema facilità vincono a mani basse ad un banale confronto con quelle delle altre pretendenti in loco.
Ma la sua particolarità non sta solo nel fisico snello e ben proporzionato, bensì è quell'aria da bohémien che sfoggia con naturale attitudine: incomincia ad urlare di gioia ad ogni attacco di nuova canzone del dj, ogni due per tre fa uscire la sua lingua e la fa vibrare a mo' di serpente senza un apparente ragione, e come se non bastasse si mette a ballare da sola, o con ogni persona o cosa inanimata che le capitasse a tiro.
Per me gli elementi in esame sono abbastanza da destare preoccupazione e, per sincerarmi da vicino di quali problemi psicologici soffrisse la ragazza, alzo il sedere incominciando a ronzarle attorno. Provo ad attaccare bottone vicino al distributore delle bibite, ma subito sfugge via nell'impeto della musica. Per Dio, capisco al volo che il savoir-faire poco funziona con questa tipetta tutto pepe, quindi poco dopo tento l'approccio in stile Tinto Brass col pizzicotto a tradimento sulla natica mentre stava vagando senza una meta precisa nei pressi del cinema. Al che tira un urletto e si volta di scatto accennandomi un sorriso furente. Mantengo un certo aplomb, come a dirle "non sono mica stato io", e mi dileguo a gambe levate lontano dal luogo dell'oltraggio. Tuttavia non la mollo mica, e appena la vedo sedersi appartata vicino ai divanetti zona ristorante accendendosi una sigaretta con aria da donna vissuta, mi siedo accanto a lei e comincio a fare il moralizzatore per vedere come reagisce.
"Fumare fa male" le dico. "Anche scopare fa male" controbatte senza troppi fronzoli. Così, da lì a poco, la discussione degenera in un accattivante e spiritoso diverbio verbale.

Si chiama CATARINA, ventidue primavere da Bucarest, capelli mori e due occhi azzurri come il ghiaccio che possono uccidere se malauguratamente qualcuno si azzardasse a fissarli per più di un paio di secondi consecutivi. E io sono già perso per quel suo sguardo da rebel girl.
Più parliamo e più la disputa si fa a giochi di parole che diventano fendenti atti a dimostrare chi dei due è quello più fuori di testa. Io ho già scelto lei, e come mia consuetudine, tiro dritto, domando cosa ne pensa dei baci. Per me il diniego del FK non è causa di veto assoluto sulla ragazza, ma in camera lo ritengo un piacevolissimo intercalare tra "pause" e "musica", riescono a creare "dinamica" e "ritmo".
Mi risponde che non lo fa, ma non demordo e tempo cinque minuti di simpatica ed estenuante chiacchierata riesco a convincerla per l'all inclusive...e non mi ha nemmeno chiesto extra. Oh yeah! Cinque alto per la Katerina! Tra l'altro, proprio in quel frangente si intrufola nella discussione CAMELIA, da me conosciuta con piacere lo scorso mese, e dopo avermi salutato con l'affetto e il buon animo che la contraddistingue, mette un'ulteriore buona parola sul mio conto.
Ormai siamo a cavallo. Nella frizzante atmosfera che ormai si è creata, la proposta del ménage à trois con entrambe, più che una opportunità, è un dovere a cui assolutamente non potevo certo tirarmi indietro. Letteralmente non stavo più nella pelle, tanto più poi al pensiero di comunicare a mia mamma che non ne ho trovata una sola, bensì due mogli con una fava. Quanto sarebbe fiera di me.

Ecco, la camera è stata stupenda.
L'accoppiata CATARINA/CAMELIA, ragazze diametricalmente opposte sia fisicamente che caratterialmente, funziona che è una meraviglia. Più che al Wellcum, mi è parso di ritornare ai tempi delle scuole superiori, quando i cosiddetti viaggi d'istruzione diventavano il preludio per il finimondo dentro le stanze d'albergo. Pareva di giocare a Twister, tale è stato il divertimento e le risate a seguito degli assurdi intrecci dei nostri corpi.
Come avevo già avuto modo di riferire nel mio scorso resoconto, da CAMELIA ho avuto la conferma che si tratti una persona con i fiocchi, la classica ragazza della porta accanto, bacia con trasporto, scherza educatamente e ti mette a tuo agio con estrema gentilezza. Si muove leggera con la grazia di una piuma. Molto dolce la biondina.
Le fa da perfetto contraltare quindi CATARINA, ed anche per quest'ultima le lodi si sprecano. La sana follia di questa ragazza è qualcosa di più unico che raro, ed è contagiante. Addirittura mi chiede di sua spontanea volontà di baciarla, e non facendomelo ripetere due volte, le effusioni sono poi numerose e profonde...questa è l'ennesima prova che vale sempre il detto che le donne sono volubili come il vento. Poi, non contenta, a momenti mi soffoca schiacciandomi la faccia contro le sue parti intime, così, giusto per farmi capire qual è il sesso forte. E quanto se la ride a mordere le dita. Folle.
Arrivati alla fatidica mezz'ora, madidi di sudore, io ancora non son venuto, eppure è CAMELIA la prima a cedere, venendo proprio davanti ai miei occhi. Chiede il cambio, e CATARINA allarga le braccia ed esclama a gran voce "ci penso io, lo faccio venire io con la bocca!". Minchia, a quella scena rimango ammutolito e seguo ciecamente alla lettera tutte le istruzioni che impartivano le sue labbra. Ci da dentro che è una meraviglia a guardarla, ma tra le risate e lo stupore generale tengo botta che è un piacere stasera. Quindi, per non approfittare troppo della dedizione offerta dalle ragazze, dopo un po' chiedo di incappucciarmi nuovamente per l'ultima volta e, di missionario, do onore al genere maschile sempre con CATARINA. Questa volta per la prima volta la vedo in seria difficoltà, e me ne accorgo perché buffamente smette all'improvviso di parlare e scherzare, abbandonando momentaneamente quell'aurea da femme fatale che la accompagnava da tutta la sera.
Tempo due minuti e raggiungo il traguardo, faccia a faccia, guardandola strizzare quegli occhi azzurri fantastici.
Mi ripeto: camera stupenda e sempre divertente, tre quarti d'ora davvero intensi e ragazze super! Non si può chieder di meglio da questa notte...anche perché mi ha fatto scoprire chi voglio per la vita.

Scendiamo giù e questa volta mi sdebito con piacere per la disponibilità dimostrata da entrambe. Ci scambiamo i saluti della buonanotte, bacini e bacioni, e salto in macchina.
A tutto gas riparto nella buia stradina che costeggia il Wellcum. La luna si riflette limpida e luminosa nel torrente che passa lì accanto. L'amore è nell'aria e la felicità è tanta:...mamma, prepara la doppia dote per le tue due nuove nuore che tuo figlio finalmente si sposa!!!

Guarda Foto e Video di ESCORT e TRANS porche nella tua città

@CANE.RANDAGIO bella recensione bè piacevolissima lettura.
Ma c è anche la piscina coperta al wellcum?

Trova i migliori CENTRI MASSAGGI e le MASSAGGIATRICI SEXY in Italia

@CANE.RANDAGIO
Che divertente fantasia!😂
Quattro "sì"!

appagamento a pagamento

Leggi le recensioni ESCORT e non farti fregare, trova la ESCORT nella tua città

@CANE.RANDAGIO
QueasyReliableCuckoo-max-1mb.gif

Che dire se non Chapeau?
Letta tutta d'un fiato, alternato risate sincere a una gran voglia di risalire in quel di Arnoldstein.

Piccole perle sono state quelle del FK e dello sposalizio, dosate e inserite a dovere

Complimenti, questa mi ricorda alcune recensioni di TITANO o anche del Colonnello (che spero tornerò presto a scrivere), sono scritti che rappresentano uno dei motivi per cui un utente dovrebbe frequentare il forum.

Io personalmente non sono in grado di scrivere così e quindi non lo faccio, riconosco i miei limiti e punto su altro

Memento: "Finiti i soldi, finito l'amore"

Abbandonati al relax e al piacere, scopri i centri massaggi della tua citta'!

@CANE.RANDAGIO Bravissimo bellissima recensione....👍👍👏👏👏🔝🔝🔝

@CANE.RANDAGIO

Buoni i tuoi primi due report.
Continua così.

Ricorda il motto della nave scuola "Amerigo Vespucci"...

Multae terricolis linguae, caelestibus una.

Guarda Foto e Video di ESCORT e TRANS porche nella tua città

@Thomas791 Grazie. Fai conto che hai una piscina esterna non coperta utilizzabile se non sei freddoloso. L'acqua comunque è riscaldata. Il problema semmai è nel momento in cui esci...l'escursione termica potrebbe far rimpicciolire il pistolino ed esporre a brutte figure con gli altri orsi. Per le ragazze invece non mi preoccuperei, tanto per loro più la taglia è mignon e più ti preferiscono. In alternativa c'è anche una jacuzzi interna ma non l'ho provata. Vai e goditela.
@Derby @nonsonobradpitt @Capitano1 @original-sin grazie ragazzi, appena organizzo l'addio al celibato giuro vi faccio sapere, in quanto offrirò da bere a tutto il locale, e poi, a chi vorrà, farò fare un sgommata sulla Fiat 500 dentro il parcheggio del Wellcum!
@ermes3 grazie per i complimenti. Ogni tanto bisogna saper sdrammatizzare certe situazioni e riderci su. Alla fine bisogna divertirsi con animo positivo in questi posti. Mi raccomando, affrettati anche te a tornare ad Arnoldstein...
@TITANO grazie mille, però, ti prego, non mi lasciare con i puntini di sospensione...quale sarebbe il motto??

Leggi le recensioni ESCORT e non farti fregare, trova la ESCORT nella tua città

@TITANO Fintanto che mi caccerò nei guai in queste strane e losche esperienze, e soprattutto se ne trarrò lo stesso attuale divertimento a scriverne, cercherò di non mancare nell'invito a raccontarle qui. 👍

Guarda Foto e Video di ESCORT e TRANS porche nella tua città
  • 1 di 1
  • 1
Logo Gnoccatravels

Stai per entrare in una sezione vietata ai minori di anni 18 che può contenere immagini di carattere erotico, che tratta argomenti e usa un linguaggio adatto a un pubblico adulto. Se non sei maggiorenne esci immediatamente cliccando ESCI. Se non ritieni il nudo di adulti offensivo alla tua persona e se dichiari di essere maggiorenne secondo la legge dello stato in cui vivi e se, entrando nel sito, accetti le condizioni di utilizzo ed esoneri i responsabili del sito da ogni forma di responsabilità, allora puoi entrare in Gnoccatravels!

Gnoccatravels.com tutela e protegge i minori e invita i propri utenti a segnalare eventuali abusi, nonchè ad utilizzare i seguenti servizi di controllo: ICRA – Netnanny – Cybersitter – Surfcontrol – Cyberpatrol

Contenuti ed immagini qui presenti, sono stati ottenuti attraverso internet, quindi sono ritenuti di dominio pubblico, od autorizzati dagli interessati medesimi. Gli inserzionisti di Gnoccatravels.com dichiarano che gli scopi della pubblicazione richiesta sono leciti (secondo le vigenti normative in materia penale) e strettamente personali, quindi esentano i gestori del sito da ogni responsabilità amministrativa e penale eventualmente derivante da finalità, contenuti e azioni illecite, nonché da usi illegittimi e/o impropri della pubblicazione medesima.

Scegliendo ACCETTA ED ENTRA, l'utente dichiara di essere maggiorenne e di esonerare totalmente i fornitori del servizio, proprietari e creatori del sito Gnoccatravels.com dalla responsabilità sul contenuto degli annunci/inserzioni pubblicitarie e del loro utilizzo.

SONO MAGGIORENNE ESCI

SHARE