kerouac

EscortimeNobiliseduzioni_M1

Commenti

kerouac
Newbie
20/01/2021 | 15:07

  • Like
    0

Ieri si è tenuta la videoconferenza della Merkel con i capi di stato. E' stato deciso di prolungare le misure restrittive già esistenti fino al 14 febbraio.

Pertanto fino al 14 febbraio bordelli chiusi in Germania.

Qui il testo delle decisioni presentate in videoconferenza:

https://www.bundesregierung.de/resource/blob/997532/1840868/1c68fcd2008b53cf12691162bf20626f/2021-01-19-mpk-data.pdf?download=1

Qui la pagina web di presentazione (DE/EN/FR):

https://www.bundesregierung.de/resource/blob/997532/1840868/1c68fcd2008b53cf12691162bf20626f/2021-01-19-mpk-data.pdf?download=1

Sui vaccini, stanno cercando di potenziare la capacità produttiva, la sfida è costituita dalla nuova tecnologia mRNA, che impica una tecnologia di produzione completamente nuova con adattamenti degli impianti. CureVac e Bayer hanno annunciato la loro collaborazione. Accelerando al massimo i processi sperano di poter mantenere l'obiettivo di vaccinare tutti coloro che lo richiedono al più tardi entro la fine dell'estate. L'obiettivo a breve termine deve tenere conto della scarsità di vaccini attuale, sperano di terminare la vaccinazione dei ricoverati in casa di cura (attualmente sono al 50%) entro metà febbraio al più tardi.

kerouac
Newbie
20/01/2021 | 13:09

  • Like
    1

In realtà la precisazione sulle chiusure federali confermate il 13 gennaio contraddice un rapporto esplicativo federale, che invece precisa all'art 5f che:

  • [...]anche locali erotici, devono quindi rimanere chiusi tra le ore 19.00 e le ore 06.00 e la domenica.*

Rapporto esplicativo sulle decisioni federali del 13 gennaio:

https://www.bag.admin.ch/dam/bag/it/dokumente/mt/k-und-i/aktuelle-ausbrueche-pandemien/2019-nCoV/erlaeuterung-vo-bes-lage-13-januar.pdf.download.pdf/Rapporto%20esplicativo%20relativo%20alla%20modifica%20del%2013%20gennaio%202021%20.pdf

Comunque, anche se è fuori dall'ambito delle disposizioni federali, vietando la prostituzione sul territorio cantonale tagliano la testa al toro.

kerouac
Newbie
20/01/2021 | 12:52

  • Like
    0

Ritiro le mie affermazioni sulla condotta del bar Oceano e mi scuso per aver dato informazioni sbagliate. Sull'obbligo di chiusura in Ticino ha ragione lui.

Il cantone Ticino ha emanato una nuova risoluzione il 15 gennaio (che sostituisce la risoluzione del 18 dicembre 2021) valida dal 18 gennaio 2021 al 28 febbraio 2021:

https://www4.ti.ch/fileadmin/DSS/DSP/UMC/malattie_infettive/Coronavirus/RG/20210115_RG_190.pdf

Cito sul divieto di prostituzione:

2. Si precisa inoltre che nell'ambito delle chiusure federali decretate il 18 dicembre 2020, e confermate il 13 gennaio 2021, devono rimanere chiusi anche i locali erotici e gli altri locali notturni. È inoltre vietato l'esercizio della prostituzione sull'intero territorio cantonale.

Questa è la locandina riassuntiva delle disposizioni cantonali:

Disposizion al 15 gennaio 2021.png

kerouac
Newbie
19/01/2021 | 20:31

  • Like
    0

@Papero e usare le camere ti pare niente per un bordello? Se proprio non ne possono fare a meno, qualche distributore automatico stile Bamboo e Moulin Rouge lo potrebbero pure mettere credo. Il mio sospetto è che temano di non campare senza clientela italiana, per questo invocano divieti e ristori.

kerouac
Newbie
19/01/2021 | 19:27

  • Like
    0

Il sindaco del comune di Lavena Ponte Tresa ha scritto alle autorità italiane per chiedere di semplificare l'espatrio, a causa dei danni che le limitazioni causano ai comuni lombardi di frontiera con il Cantone Ticino.

In particolare ha chiesto di poter sempre consentire di entrare e uscire dal territorio nazionale:

a) a tutte le persone in possesso di test molecolare antecedente almeno le 48/72 ore,
b) ai soggetti vaccinati contro SARS CoVid-19,
c) ai soggetti guariti da SARS CoVid-19,

Qui il testo della lettera:
http://www.varesenews.it/wp-content/uploads/2021/01/Zone-Rosse-di-Frontiera-.pdf

kerouac
Newbie
19/01/2021 | 19:22

  • Like
    0

@fantasy said:

«Situazione insostenibile» - Prospettive? «Noi sappiamo che fino a fine febbraio siamo chiusi. Cosa succederà poi è un mistero». Nonostante gli aiuti la situazione resta difficile: «La parte de bar fa sottostà al settore della ristorazione. Abbiamo usufruito del regime di lavoro ridotto per i nostri 19 dipendenti e si spera di poter rientrare nei casi di rigore.

Ma chi glielo ha chiesto di chiudere fino a fine febbraio, con il divieto di prostituzione cantonale in scadenza (in Ticino come in tanti altri cantoni) il 22 gennaio, e nessun divieto federale? Mi chiedo da che parte sta con le sue affermazioni. Sembra molto più interessato a rientrare nei casi di rigore che a poter continuare il suo lavoro

kerouac
Newbie
19/01/2021 | 17:19

  • Like
    1

Il testo del decreto di misure contro il Covid che sostituirà/modificherà quello in scadenza il 24 gennaio ancora non è stato pubblicato.

Tuttavia oggi su questa pagina del ministero per la salute è comparso l'annuncio del lockdown fino al 7 febbraio e un elenco delle misure che "probabilmente" varranno dal 25 gennaio. L'elenco è ovviamente una estrema sintesi di ciò che verrà elencato in dettaglio nel decreto :

https://www.sozialministerium.at/Informationen-zum-Coronavirus/Coronavirus---Aktuelle-Ma%C3%9Fnahmen.html

La parte che dovrebbe indicare inequivocabilmente la chiusura dei bordelli è questa:

Freizeit: Tierparks, Zoos und botanische Gärten bleiben vorerst geschlossen.

(Strutture per il tempo libero: zoo e giardini botanici per il momento restano chiusi.)

Come si può leggere nel decreto attuale (vedi § 5. (3) 6.) in scadenza il 24 gennaio, i bordelli in Austria ricadono proprio tra le strutture per il tempo libero:

https://www.ris.bka.gv.at/GeltendeFassung.wxe?Abfrage=Bundesnormen&Gesetzesnummer=20011413&FassungVom=2021-01-19

Dunque direi che fino al 7 febbraio ci sono ben poche speranze di apertura dei bordelli, non che non ce lo aspettassimo. Per altro, la prostituzione in sè non dovrebbe essere vietata al di fuori di strutture dedicate.

Interessante tra le nuove misure, l'obbligo a partire dal 25 gennaio di test Covid settimanale per chi lavora a contatto con il pubblico. Questo mi aspetto che verrà richiesto anche per le ragazze, quando i bordelli riapriranno. Non sarebbe neppure nulla di inedito, in Austria le ragazze già devono fare test per sifilide e non so che altro, sarebbe solo ora che venisse introdotto anche il test per il covid,

kerouac
Newbie
19/01/2021 | 00:24

  • Like
    0

Il Ticino torna a chiedere controlli più rigorosi su chi entra dall'Italia:

https://www.cdt.ch/ticino/dall-italia-al-ticino-per-svago-i-controlli-sono-necessari-CL3692646

«Dall’Italia al Ticino per svago: i controlli sono necessari»

PANDEMIA Il presidente del Consiglio di Stato Norman Gobbi spiega i motivi della nuova richiesta a Berna - Preoccupa anche chi si reca in zona rossa per fare la spesa.
Per la terza volta in pochi mesi il Consiglio di Stato ha rinnovato la richiesta di introdurre controlli sistematici e di chiudere i valichi minori, con delle fasce orarie di eccezione in particolare per i valichi maggiormente utilizzati dai lavoratori del settore sanitario. Ma non solo. Secondo il Consiglio di Stato sarebbe inoltre auspicabile sottoporre sistematicamente a test rapidi i viaggiatori che rientrano in Svizzera da viaggi all’estero, in particolare da aree a rischio, anche europee.

kerouac
Newbie
18/01/2021 | 17:42

  • Like
    1

A causa delle delibere cantonali, la situazione apertura dei locali erotici ad oggi dovrebbe essere questa (senza garanzia):

Argovia - locali erotici chiusi fino al 28.02.2021

Basilea città - divieto completo di prostituzione fino al 22.01.2021

Basilea-Campagna - nessuna limitazione, salvo quella federale sugli orari di apertura

Berna - nessuna limitazione, salvo quella federale sugli orari di apertura

Lucerna - divieto completo di prostituzione fino al 22.01.2021

Svitto - nessuna limitazione, salvo quella federale sugli orari di apertura

Soletta - locali erotici chiusi fino al 22.01.2021. Escort e appartamenti già permessi.

San Gallo - locali erotici chiusi fino al 22.01.2021. Escort e appartamenti già permessi.

Ticino - divieto completo di prostituzione fino al 22.01.2021

Turgovia - locali erotici chiusi fino al 22.01.2021. Escort e appartamenti già permessi.

Vallese - locali erotici chiusi fino al 22.01.2021. Escort e appartamenti già permessi.

Zurigo - divieto completo di prostituzione fino al 28 febbraio 2021 (vedi prolungamento delle misure del 13 gennaio 2021:
https://www.zh.ch/bin/zhweb/publish/regierungsratsbeschluss-unterlagen./2021/28/V%20Covid-19%20Aend.%202021-01-13.pdf)

kerouac
Newbie
18/01/2021 | 14:41

  • Like
    0

Ecco un paio di articoli di stampa che commentano la concessione della riapertura ai bordelli.

Qui il governo giustifica la riapertura:

Spiega BAG-Mathys
Ecco perché gli studi erotici possono rimanere aperti

Alcuni fornitori di servizi come parrucchieri, studi di cosmetici o bordelli rimangono aperti. "Alla fine è stata una ponderazione, una decisione politica", dice Mathys, uomo di BAG. E: "Non importa dove tracciate queste linee, qualcuno lo considererà sempre ingiusto". È importante, tuttavia, che ci siano buoni concetti di protezione ovunque ci sia apertura.

Ma attenzione: oltre alle contraddizioni, c'è un'altra confusione. Perché i cantoni possono continuare a imporre misure più rigorose - e nel cantone di Zurigo, ad esempio, un divieto di prostituzione sarà certamente ancora in vigore fino alla fine di febbraio. Oppure i bordelli di Soletta resteranno chiusi per il momento.

Fonte:
https://translate.google.com/translate?sl=auto&tl=IT&u=https://www.blick.ch/politik/experten-medienkonferenz-um-15-uhr-blick-berichtet-live-wie-gefaehrlich-ist-das-mutanten-virus-id16292472.html

In questo articolo viene criticata la chiusura che permane in alcui cantoni:

Perché i cantoni vanno oltre il governo federale
Il federalismo prevale anche nel bordello

https://translate.google.com/translate?sl=auto&tl=IT&u=https://www.blick.ch/politik/sogar-im-bordell-herrscht-foederalismus-puff-um-puffs-id16295524.html?utm_source=twitter&utm_medium=social_user&utm_campaign=blick_app_iOS

kerouac
Newbie
18/01/2021 | 11:15

  • Like
    0

@remolabarca

Regole in vigore da oggi 18 gennaio a livello federale (vedi Art. 5f, che ho citato qualche post sopra)

https://www.bag.admin.ch/dam/bag/it/dokumente/mt/k-und-i/aktuelle-ausbrueche-pandemien/2019-nCoV/erlaeuterung-vo-bes-lage-13-januar.pdf.download.pdf/Rapporto%20esplicativo%20relativo%20alla%20modifica%20del%2013%20gennaio%202021%20.pdf

Risoluzione cantonale attualmente in vigore (che al punto 4 vieta la prostituzione sul territorio cantonale), in scadenza il 22 gennaio:

https://www3.ti.ch/COMUNICAZIONI/189527/20201218%20RG%206941%20COVID19%20Nuove%20misure%20dal%2022%20dicembre%202020.pdf

Chiaro che se hai chiamato oggi in Kanton Ticino ti rispondono che non possono lavorare, perchè anche se il decreto federale lo permette, prevale la risoluzione cantonale che lo vieta.

Da qui a venerdi il Ticino avrebbe anche tempo di rinnovare la risoluzione. Io non credo che lo farà. Ho l'impressione che le misure fossero state introdotte controvoglia, su pressione federale. Nel frattempo è stata avviata la compagna di vaccinazione e con questo diminuisce il rischio di sovraccarico delle strutture sanitarie.

Che poi da sabato, pur potendo aprire, i locali lo faranno veramente lo posso solo immaginare. Ma perchè dovrebbero rinunciare? Non credo che tu sia l'unico che una scorribanda se la farebbe, immunizzato ma anche no.

Vero che la clientela italiana, che specialmente per i confinali è la parte preponderante, ha ancora difficoltà a rientrare dalla Svizzera (deve esibire test negativo per evitare la quarantena). Ma le stesse difficoltà valevano anche prima del 21 dicembre. Nel frattempo la legislazione svizzera ha offerto pure la possibilità a locali che non sono strutture sanitarie ad eseguire test Covid rapidi, il che potrebbe agevolare i clienti italiani in toccata e fuga (anche se da un sondaggio sul forum mi pare che generalmente i puttanieri preferirebbero astenersi dalle visite piuttosto che sfruttare questa possibilità).

kerouac
Newbie
18/01/2021 | 01:34

  • Like
    0

La risoluzione del Cantone Ticino del 18 dicembre 2020, che al punto 4 sancisce la chiusura dei locali erotici e il divieto di prostituzione su tutto il territorio cantonale, ha effetto solo fino al 22 gennaio 2021.

Dunque da sabato prossimo tutti i locali erotici ticinesi possono riaprire fino alle 19, domenica pausa, e lunedi riaprono

kerouac
Newbie
18/01/2021 | 01:10

  • Like
    0

Da oggi 18 gennaio entrano in vigore gli inasprimenti decisi il 13 gennaio dal consiglio federale, che saranno validi fino al 28 febbraio 2021.

Qui trovate il rapporto esplicativo:

https://www.bag.admin.ch/dam/bag/it/dokumente/mt/k-und-i/aktuelle-ausbrueche-pandemien/2019-nCoV/erlaeuterung-vo-bes-lage-13-januar.pdf.download.pdf/Rapporto%20esplicativo%20relativo%20alla%20modifica%20del%2013%20gennaio%202021%20.pdf

Cito dal rapporto:

Art. 5f Orari di apertura dei negozi e delle strutture accessibili al pubblico che offrono servizi

Gli orari di apertura vigenti per le strutture accessibili al pubblico che offrono servizi sono mantenuti (ex art. 5abis lett. b). I negozi o le strutture accessibili al pubblico che offrono servizi, quali uffici postali, banche, agenzie di viaggio e parrucchieri, ma anche locali erotici, devono quindi rimanere chiusi tra le ore 19.00 e le ore 06.00 e la domenica.

Io qui ci leggo che i locali erotici possono stare aperti dal lunedi al sabato dalle 06:00 alle 19:00.
Cosa sbaglio?

kerouac
Newbie
17/01/2021 | 18:43

  • Like
    0

Il decreto dovrebbe essere questo, che vale fino al 31 marzo:

https://www.ris.bka.gv.at/GeltendeFassung.wxe?Abfrage=Bundesnormen&Gesetzesnummer=20011303

La registrazione è obbligatoria, lo puoi fare in forma elettronica usando questo modulo:

https://www.formularservice.gv.at/site/fsrv/user/formular.aspx?pid=15dd7f9c98c24952828eb414c8884f1a&pn=Bfd027cf662624276a5ca9a9b970bcdf9&lang=en

Secondo § 4 (2), se vieni dall'Italia ( a meno di arrivare dal Vaticano ), ti devi fare una quarantena obbligatoria di 10 giorni. La quarantena si può terminare prima, mostrando il risultato negativo di un test Covid fatto a tue spese al più presto il quinto giorno dopo il tuo arrivo.

Sono previste eccezioni all'obbligo di quarantena (vedi § 4 (3)), ad esempio se entri per motivi di lavoro. In questi casi puoi sottrarti alla quarantena mostrando un test Covid (molecolare o antigenico) negativo non più vecchio di 72 ore (vedi § 2).

kerouac
Newbie
17/01/2021 | 15:17

  • Like
    1

Il governo austriaco ha annunciato oggi in conferenza stampa il prolungamento del lockdown almeno fino al 7 febbraio 2021 (era originariamente previsto che terminasse il 24 gennaio).

Alcuni inasprimenti dal 25 gennaio:

  • nei negozi e mezzi pubblici sarà obbligatorio indossare maschere certificate FFP2
  • la distanza minima è stata elevata a 2 metri
  • le attività di servizio alla persona (come parrucchieri) potrebbero cominiciare a riaprire dall'8 febbraio, con maschera FFP2
  • strutture per il turismo e gastronomia saranni chiusi fino a fine alla fine di febbraio. A metà febbraio si valuterà se autorizzarne l'apertura a marzo.

Fonte:
https://translate.google.com/translate?sl=auto&tl=IT&u=https://www.vienna.at/alle-regeln-zum-verlaengerten-lockdown-in-oesterreich/6867299

Video della conferenza stampa del 17 gennaio:
https://www.youtube.com/watch?v=8K4jjeYyTDk

Aspettiamo di vedere i testi dei provvedimenti, ma temo che per la prostituzione non si riaprirà prima di marzo.

kerouac
Newbie
15/01/2021 | 15:24

  • Like
    0

Se anche in Svizzera i locali di trastullo dovessero riaprire a fine febbraio, per gli italiani resterà complicato raggiungerli almeno fino al 5 marzo 2021, data di scadenza del DPCM del 14 gennaio.

Infatti, secondo l'allegato 20 la Svizzera è rimasta nell'elenco C (l'elenco B dei paesi graziati continua a essere ancora desolatamente vuoto). Pertanto si applica l'Art. 8, comma 6 del DPCM:

6. Nel caso di soggiorno o transito nei quattordici giorni antecedenti all'ingresso in Italia in uno o più Stati e territori di cui all'elenco C dell'allegato 20, si applica l’obbligo di presentazione al vettore all'atto dell'imbarco e a chiunque sia deputato ad effettuare i controlli dell'attestazione di essersi sottoposti, nelle quarantotto ore antecedenti all'ingresso nel territorio nazionale, ad un test molecolare o antigenico, effettuato per mezzo di tampone e risultato negativo. In caso di mancata presentazione dell'attestazione di cui alla presente lettera, si applicano i commi da 1 a 5.

Questo a prescindere dal colore della regione di provenienza. Oltretutto, fino al 15 febbraio non si potrà comunque neppure lasciare la propria regione (art 1, comma 4).

kerouac
Newbie
13/01/2021 | 19:25

  • Like
    1

Confermata la decisione del consiglio federale, fino a fine febbraio possiamo scordarci dei locali erotici:

Notizie: il Consiglio federale inasprisce i provvedimenti

Il Consiglio federale prolunga di cinque settimane i provvedimenti decisi lo scorso dicembre: i ristoranti e le strutture per la cultura, il tempo libero e lo sport restano così chiusi sino alla fine di febbraio.

Dal prossimo 18 gennaio, il Governo inasprisce inoltre i provvedimenti nazionali:

Screenshot_2021-01-13 210113_MK_Grafik_it - Provvedimenti-1 pdf.png

Fonte:
https://www.bag.admin.ch/bag/it/home/krankheiten/ausbrueche-epidemien-pandemien/aktuelle-ausbrueche-epidemien/novel-cov/massnahmen-des-bundes.html#-610931704

kerouac
Newbie
13/01/2021 | 13:41

  • Like
    1

Pare che le parole della Merkel nella riunione a porte chiuse siano state:

Es bleibt hart bis Ostern

Nello spirito di questo forum, lo tradurrei "ve lo terrete duro fino a Pasqua"

https://www.stern.de/news/merkel-zu-corona-lage---es-bleibt-hart-bis-ostern--9562700.html

kerouac
Newbie
10/01/2021 | 15:53

  • Like
    0

@asceta_pentito suggerirei ad Olaf di aspettare il momento della somministrazione della seconda dose prima di lagnarsi. All'accordo europeo per l'acquisto condiviso, con quote di opzioni rapportate alle rispettive popolazioni, hanno partecipato Francia, Germania, Italia e Olanda, Sarà un caso che tra loro tutti tranne gli italiani si premurano per la seconda dose di mettere al sicuro dosi tra quelle già materialmente arrivate?

Poi conta pure che l'Italia è partita dalla vaccinazione degli operatori sanitari, i più facili da raggiungere perchè praticamente ricevono la dose sul luogo di lavoro.

kerouac
Newbie
08/01/2021 | 18:47

  • Like
    1

Da storico agghindatore di prostitute a cassiere di supermercato. Il fallimento del Pascha di Colonia colpisce anche suo il parrucchiere gay, da oltre 20 anni custode di mille segreti e pettegolezzi:

https://www.express.de/koeln/corona-zwang-ihn-dazu-pascha--koelner-kult-frisoer--45--hat-jetzt-ganz-anderen-job-37893174?cb=1610127494972

kerouac
Newbie
08/01/2021 | 15:57

  • Like
    2

Anche la Germania ha adottato per la prima volta dalla crisi del Corona delle restrizioni agli spostamenti simili a quelle italiane, anche se tutto sommato più blande. Il criterio per definire le "zone rosse" è chiaro: sono i distretti in cui si è superata la soglia di 200 nuove infezioni per ogni 100.000 abitanti negli ultimi 7 giorni. Attualmente non sono moltissime, come si può vedere in questo elenco dell'RKI sono 70 su 412 distretti. Chi vive nelle zone rosse, non può allontanrsi più di 15 km (non mi è chiaro se calcolati dal luogo di residenza o dal confine del distretto di appartenenza; la Merkel ha fatto un esempio in conferenza stampa per cui in una città come Berlino 15 km dalla residenza non sarebbe applicabile) senza un buon motivo, tipo quello lavorativo. Sicuramente non accettabile il motivo turistico (la Merkel ha fatto capire che non controlleranno col metro, ma vuole assolutamente evitare che la gente si concentri, ad esempio in luoghi turistici).

In questo articolo di oggi il professore di fisica Dirk Brockmann dell'accademia delle scienze Leopoldina commenta la misura. Non dice nulla di sensazionale, ma neppure di sensazionalistico, direi una analisi basata sul buon senso:

https://translate.google.com/translate?sl=auto&tl=IT&u=https://www.t-online.de/nachrichten/deutschland/id_89240306/corona-in-deutschland-so-laesst-sich-die-verbreitung-sofort-stoppen.html

kerouac
Newbie
06/01/2021 | 18:27

  • Like
    1

Oggi si è tenuta la conferenza stampa virtuale degli operatori del settore "Incontro dei tre re magi nel bordello":

Presentazione
https://translate.google.com/translate?sl=auto&tl=IT&u=https://bsd-ev.info/06-01-2021-11-uhr-virtuelle-pressekonferenz-dreikoenigstreffen-im-bordell/

Qui l'audio:

https://soundcloud.com/howard-chance-212699993/pressekonferenz-dreikonigstreffen-im-bordell-audio-statements?fbclid=IwAR34NJZuJoYe7CYgydk9nV3CanhbMWpriVuLJXwvdjvh5Xoeixi-pNzeu3w

Si è discusso di una azione legale per diffamazione intentata da 50 operatori di bordello contro la senatrice Leni Breymaier le sue affermazione lesive della dignità di chi vive di prostituzione.

Qui un articolo i oggi sul tema:

https://translate.google.com/translate?sl=auto&tl=IT&u=https://taz.de/Anzeige-gegen-Bundestagsabgeordnete/!5738266/

In questa recente intervista potete leggere un esempio del sublime pensiero di questa senatrice:

https://translate.google.com/translate?sl=auto&tl=IT&u=https://taz.de/Streitgespraech-Prostitution/!5735935/

kerouac
Newbie
05/01/2021 | 19:56

  • Like
    1

Qui quello che ha detto oggi in videoconferenza la Merkel sui vaccini (punto 6):

videoconferenza 5 gennaio 2021.jpg

In sintesi:
Si era parlato di un inizio delle vaccinazioni nel 2021. Grazie al rilascio anticipato del vaccino BioNTech/Pfizer abbiamo potuto cominciare già il 27 dicembre. Ci sono state consegnate 1.3 milioni di dosi entro la fine dell'anno, entro il 1 febbraio ne arriveranno altre 2.7 milioni. Nel corso di gennaio verrà offerta una vaccinazione a tutti i ricoverati in case di cura (primo obiettivo della campagna di vaccinazione, dato i rischi elevati di contagio e di conseguenze serie).
L'obiettivo è di aumentare le capacità di produzione in Germania, inizialmente limitate. La federazione e l'Assia supportano la BioNTech affinchè già da febbraio possa venire autorizzata e avviata la produzione in uno stabilimento di nuova costruzione a Marburgo. La federazione parlerà inoltre con il produttore su come si potrebbe aumentare ulteriormente e il più velocemente possibile la capacità di produzione.
Nel primo quadrimestre 2021 si potrebbe dover contare sulla approvazione di altri vaccini e sulla loro consegna.

Come vedete nessun piano a lungo termine per ora.

kerouac
Newbie
05/01/2021 | 15:15

  • Like
    1

@teseo: Presto per dirlo, anche in Germania ci sono problemi con l'approvigionamento. Tir mandati in giro a far vetrina, e che in realtà trasportano un solo pallet di merce. Milioni di dosi opzionate che resteranno solo sulla carta, perchè i vaccini relativi non hanno terminato lo sviluppo. Dopo aver obbligatoriamente (c'era un accordo firmato) atteso che la UE concludesse le trattative di acquisto per tutti i paesi membri, ci si è resi conto che aveva puntato su troppi cavalli sbagliati. Ora è facile criticare, in effetti all'epoca non era chiaro. Si sta cercando di comprare dosi extra rispetto ai contratti stipulati dalla EU. Ma l'impressione è che l'unico modo per mantenere ritmi di vaccinazione elevati sia quello di riuscire ad ottenere il permesso di produzione su licenza dei vaccini già oggi utilizzabili, e i cui produttori non riescono a far fronte alla richiesta. Gli impianti di produzione idonei non mancano, complicato invece è mettersi d'accordo.

kerouac
Newbie
05/01/2021 | 14:19

  • Like
    1

In Germania si sta discutendo sulle nuove misure restrittive. La Merkel chiede un significativo inasprimento e una linea unitaria, vedremo come reagiranno i capi di stato. Stasera ne sapremo di più. E' praticamente certo che ristoranti e negozi resteranno chiusi fino alla fine di gennaio, per i bordelli non ci si può aspettare nulla di meglio.

Fonte (google translate):
https://translate.google.com/translate?sl=auto&tl=IT&u=https://www.t-online.de/nachrichten/ausland/id_89225348/angela-merkel-plant-offenbar-bundesweite-regelung-fuer-ausgangssperren-.html

kerouac
Newbie
04/01/2021 | 18:31

  • Like
    4

I tedeschi stanno risparmiando cifre record sui depositi bancari, per cui si pensa che ci sarà un boom dei consumi al termine della pandemia:

Citazione (google translate):

"Nel corso del 2021, una parte significativa dei fondi liquidi che le famiglie nel 2020 (...) hanno parcheggiato sui loro conti correnti torneranno ai consumi privati", ha previsto il nuovo capo economista della DZ Bank, Michael Holstein. Non appena la situazione pandemica lo consentirà, è probabile che aumenti la spesa per viaggi, cene fuori casa ed eventi culturali. "Ci aspettiamo un vero boom post-corona nella seconda metà del 2021, che spingerà notevolmente anche l'economia tedesca.

Fonte (google translate):
https://translate.google.com/translate?sl=auto&tl=IT&u=https://www.n-tv.de/wirtschaft/Deutsche-sparen-Rekordsumme-an-article22265730.html

Posso immaginare quanti di questi risparmi tedeschi corrispondano a mancate rimesse in Romania da parte delle nostre predilette

Vedrete che alla fine della pandemia ci sarà una riapertura col botto degli FKK, tra clienti desiderosi di rifarsi da mesi di astensione e ragazze affamate

kerouac
Newbie
03/01/2021 | 17:36

  • Like
    2

Con l'inizio delle vaccinazioni anti Covid, si è aperto in Germania il dibattito sull'opportunità di riservare ai vaccinati dei diritti supplementari, ad esempio concedere l'ingresso in un ristorante chiuso ai non vaccinati (ma potete facilmente pensare alla applicazione del concetto ad altre strutture ).
La strada è irta di ostacoli, sia per problemi giuridici, sia per le scarse conoscenze sugli effetti dei vaccini (ad esempio, non si sa se chi è protetto contro lo sviluppo delle malattia possa comunque essere in grado di infettare altri qualora venisse in contatto con il virus)

Fonte (gogle translate):
https://translate.google.com/translate?sl=auto&tl=IT&u=https://www.t-online.de/nachrichten/deutschland/id_89197358/coronavirus-wie-realistisch-sind-privilegien-fuer-geimpfte-.html

Un sondaggio mostra che a favore dei diritti sono soprattutto i cittadini degli stati dell'ovest, mentre quelli degli stati dell'est e della Baviera sono piuttosto per un divieto della concessione di maggiori diritti ai vaccinati.

Fonte (gogle translate):
https://translate.google.com/translate?sl=auto&tl=IT&u=https://www.t-online.de/nachrichten/deutschland/id_89205274/corona-impfstoff-privilegien-fuer-geimpfte-verbieten-deutschland-ist-gespalten.html

kerouac
Newbie
03/01/2021 | 15:09

  • Like
    0

Secondo il virologo Drosten i dati che mostrano che i contagi in Germania non stanno scendendo non sono affidabili a causa dello scarso numero di test eseguiti durante le vacanze. Bisognerà aspettare fino a metà gennaio per capire se il lockdown dovrà essere esteso anche al mese di febbraio.

Intanto pone speranze nella rapida approvazione da parte della UE del vaccino AstraZeneca, che può essere somministrato in tutti i normali studi medici, non avendo requisiti estremi per le temperature di conservazione.

Fonte (google translate):

https://translate.google.com/translate?sl=auto&tl=IT&u=https://www.t-online.de/nachrichten/deutschland/id_89214906/virologe-christian-drosten-erwartet-sehr-komplizierte-erste-jahreshaelfte.html

kerouac
Newbie
31/12/2020 | 15:52

  • Like
    1

Che tristezza vedere i nostri beneamati luoghi di trastullo finire in vendita su ebay :

https://www.ebay-kleinanzeigen.de/s-anzeige/fkk-club-bordell-zu-verkaufen/1603904733-277-16839

Per chi fosse interessato all'acquisto, dovrebbe trattarsi dell'ex FKK Royal di Essen:

https://www.facebook.com/Royal-Essen-1458340707789387/

kerouac
Newbie
31/12/2020 | 15:48

  • Like
    0

@asceta_pentito said:
Nel Paese sono già state vaccinate quasi 80mila persone, ma non basta: tirato per la giacca a Bruxelles, dopo il colpo basso dell’acquisto di 30 milioni di dosi extra da Biontech, il governo subisce una fortissima pressione interna per andare nella direzione opposta. Ovvero proseguire in autonomia e avere subito più fiale per tutti.

Non capisco la polemica che si fa in Italia sull'acquisto di ulteriori dosi del vaccino Biontech/Pfizer da parte delle Germania. E' la naturale reazione ai dubbi comunicati a metà dicembre sulla efficacia del vaccino Sanofi-GSK, di cui l'EU aveva opzionato 300 milioni di dosi (di cui 55.5 destinati alla Germania), che al più presto potrà venire disponibile a fine 2021.

Per che volesse approndire:
https://amp.focus.de/politik/deutschland/corona-impfstoff-deutschland-hat-nicht-genug-impfstoff-wie-kam-es-zum-fiasko-deal-mit-sanofi_id_12816873.html

Non si tratta di un colpo basso alla EU, ma di una applicazione di quanto previsto all'articolo 7 dell'accordo EU dello scorso 18 giugno, secondo cui è ammesso che uno stato membro possa acquistare autonomamente ulteriori dosi dallo stesso produttore, dopo che la EU ha concluso le proprie trattative:

https://ec.europa.eu/info/sites/info/files/annex_to_the_commission_decision_on_approving_the_agreement_with_member_states_on_procuring_covid-19_vaccines_on_behalf_of_the_member_states_and_related_procedures_.pdf

Citazione (ho evidenziato in grassetto la clausola rilevante):

Article 7: Obligation not to negotiate separately
By signing the present Agreement, the Participating Member States confirm their participation in the procedure and agree not to launch their own procedures for advance purchase of that vaccine with the same manufacturers.
In case an APA containing an obligation to acquire vaccine doses has been concluded with a specific manufacturer, the Member States having made use of the opt-out provided under the present Agreement can enter into separate negotiations with the same manufacturer after the APA under the present Agreement has been signed.

Sarebbe bene che l'Italia si affrettasse a fare altrettanto, ma è più semplice criticare a sproposito

kerouac
Newbie
22/12/2020 | 18:54

  • Like
    0

@teseo: dunque tu hai scelto l'opzione f).
In più, se sei positivo per davvero preferisci non saperlo, o perlomeno che la cosa non diventi pubblica con tutte le restrizioni che poi ne conseguono. Questa opzione mi era balenata, ma poi avevo deciso di non elencarla, evidentemente la avevo sottovalutata.
Interessante anche l'osservazione sulle difficoltà per chi arriva dall'Italia, indirettamente un altro punto a favore dei test in ingresso. Con le norme che valevano fino a domenica scorsa, un ipotetico test rapido negativo usato per entrare in un bordello poteva entro 48 ore essere riciclato pure per varcare la dogana nel reingresso in Italia. Se anche il referto fosse vergato su carta intestata del Globe, al doganiere non deve interessare.

@remolabarca: si, fino al 22 gennaio l'unica possibilità di riapertura è data da un abbassamento del rischio epidemiologico nel cantone in cui è localizzato il bordello, con conseguente possibilità di affrancarsi dalle disposizioni federali di chiusura. Fino ad allora non entri neanche con un referto di negatività firmato dal padreterno. Ma non darei affatto per scontato che dopo il 22 gennaio venga concessa facilmente la riapertura. O aspetti che il Covid cessi di essere una minaccia, e rischi di finire alle calende greche. Oppure cerchi di introdurre misure che dimostrino che non è una minaccia per la tua attività. Fino al 18 dicembre i test rapidi in Svizzera non si potevano proprio fare se non per motivi medici, quindi per forza non te li potevano chiedere per entrare in un bordello. La novità è proprio che questa possibilità i legislatori ora la hanno introdotta. Ora sta a chi gestisce una attività di sfruttarla per strappare una apertura in condizioni in cui altrimenti non verrebbe concessa. Se si sono presi la briga di cambiare le norme, immagino che sia perchè vogliono dare a qualcuno la possibilità di sfruttare la liberalizzazione per rilanciare l'economia. Magari non avevano in mente i bordelli, magari non gli passerà mai per la testa di avantaggiare anche loro, ma qualche attività sicuramente si.

@bagascia: ok, eviti perchè andare a troie ti piace farlo senza complicazioni, altrimenti preferisci rinunciare. Non l'ho elencata, ma anche la tua è una motivazione ragionevole che avrei dovuto prevedere. Forse parzialmente sovrapponibile con la opzione g)

Fino ad ora tutti contrari. Interessante comunque che per nessuno ha pesato il lato economico, tutto il contrario di quello che mi aspettavo. Devo essere l'unico morto di fame che scrive qui

kerouac
Newbie
22/12/2020 | 15:10

  • Like
    1

Non in Ticino però, nel cantone non è possibile lavorare neppure in appartamento o motel:

4. Si precisa inoltre che nell’ambito delle chiusure federali decretate il 18 dicembre 2020, devono rimanere chiusi anche i locali erotici e gli altri locali notturni. È inoltre vietato l’esercizio della prostituzione sull’intero territorio cantonale.

Fonte:
https://www3.ti.ch/COMUNICAZIONI/189527/20201218%20RG%206941%20COVID19%20Nuove%20misure%20dal%2022%20dicembre%202020.pdf

kerouac
Newbie
22/12/2020 | 13:55

  • Like
    2

L'idea la aveva gia lanciata la scorsa primavera Ingo Heidbrink, per salvare dalla chiusura il proprio impero, tra cui il Globe:

Citazione (google translate):

"Potresti semplicemente testare tutte le donne e tutti gli ospiti ogni giorno con test rapidi corona".

Fonte:
https://www.20min.ch/story/alle-duerfen-wieder-arbeiten-ausser-wir-824858287241

Il concetto viene già oggi applicato per esempio per l'accesso di passeggeri ai cosiddetti voli Covid-tested.

Dopo le modifiche che la Svizzera ha apportato all’ordinanza 3 COVID-19 il 18.12.2020 che consentono anche a strutture non dedicate l'esecuzione di test rapidi per il rilevamento del Covid, il sogno di Ingo potrebbe diventare realtà.

Fino a prima delle modifiche, i test rapidi erano consentiti solo con criteri restrittivi dettati dall'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP): in pratica si potevano fare solo a persone con sintomi Covid, o che avevano avuto contatti con contagiati, o altri casi particolari su ordine di un medico, ed erano gratuiti.

Come spiega il promemoria per l'impiego dei test rapidi, ora i test rapidi si possono eseguire anche al di fuori dei criteri stabiliti dall'UFSP, purchè se ne sostengano le spese. I test devono essere essere eseguiti solo da personale appositamente formato e sotto l’esclusiva responsabilità di medici, farmacie, ospedali e centri di test autorizzati dai Cantoni. I risultati negativi non vanno denunciati. Se un test rapido risulta positivo, il caso va denunciato e posto in isolamento fino alla esecuzione (con costo a carico della Confederazione in questo caso) di test molecolare di conferma.

Poichè l'esecuzione dei test rapidi è piuttosto semplice, credo che non sia difficile ottenere l'autorizzazione ad eseguire i test in proprio. La formazione del personale non dovrebbe essere troppo onerosa ne richiedere prerequisiti particolari. Tanto per dire, so che nel Regno Unito il tampone per il test covid uno (un cittadino qualunque senza alcuna formazione) se lo deve fare da solo seguendo le istruzioni del kit che gli viene consegnato.

Da qui al 22 gennaio, termine della chiusura già stabilita, i bordelli avrebbero tempo di elaborare piani di protezione che includano l'esecuzione di test rapidi di ragazze e ospiti e cercare di arrivare con una proposta concreta per la data di possibile riapertura.

Poichè i costi del test sono a carico della struttura che li esegue, è chiaro che i costi andrebbero scaricati in qualche modo sui clienti. Vorrei sottoporre un piccolo sondaggio per sentire cosa sareste disposti ad accettare pur di poter rientrare in un bordello:

a) non sono disposto ad alcun esborso, i bordelli ci devono venire incontro

b) sono disposto a pagare fino a 20 CHF per il test rapido

c) sono disposto a pagare fino a 30 CHF per il test rapido

d) sono disposto a pagare fino a 50 CHF per il test rapido

e) sono disposto a pagare fino a 100 CHF per il test rapido

f) non voglio fare il test per non rischiare di finire in isolamento per falso positivo

g) l'opportunità non mi interessa, sfrutto le restrizioni per togliermi il vizio

h) non mi fido del test rapido, preferisco non prendere rischi

i) altro

kerouac
Newbie
18/12/2020 | 17:30

  • Like
    0

Tra le decisioni del consiglio federale, con le modifiche del 18 dicembre all'ordinanza Covid è previsto che i test rapidi per il Covid potranno essere eseguiti anche al di fuori di laboratori autorizzati, studi medici, farmacie e ospedali, e centri di test gestiti dal Cantone o su suo incarico.

Fonte:

https://www.newsd.admin.ch/newsd/message/attachments/64641.pdf

Citazione:

Art. 24 Strutture autorizzate a eseguire test rapidi non automatizzati per il rilevamento diretto del SARS-CoV-2 sul singolo paziente
1 I test rapidi non automatizzati per il rilevamento diretto del SARS-CoV-2 sul singolo paziente (test rapidi SARS-CoV-2) possono essere eseguiti unicamente nelle seguenti strutture:
a. laboratori autorizzati secondo l’articolo 16 della legge del 28 settembre 20125 sulle epidemie (LEp) e centri di prelievo di campioni da essi gestiti;
b. studi medici, farmacie e ospedali, nonché centri di test gestiti dal Cantone o su suo incarico.
2 I test rapidi SARS-CoV-2 possono essere eseguiti anche al di fuori delle strutture di cui al capoverso 1, a condizione che un dirigente di laboratorio, un medico o un farmacista si assuma la responsabilità del rispetto dei requisiti di cui agli articoli 24–24b

Vedremo presto la possibilità di fare test rapidi su clienti e ragazze direttamente nei locali erotici?

Ricordo che il gestore del Globe, durante il periodo di chiusura della scorsa primavera si era dichiarato interessato a eseguire test rapidi in sede. Adesso dovrebbe essere possibile.

kerouac
Newbie
18/12/2020 | 17:01

  • Like
    1

Su decisione del consiglio federale, da martedì 22 dicembre i ristoranti e le strutture per il tempo libero, lo sport e la cultura saranno chiusi per un mese.

i cantoni con uno sviluppo epidemiologico favorevole possono prevedere allentamenti, come l’apertura di ristoranti e impianti sportivi. Per farlo il fattore di riproduzione deve essere sotto la soglia di 1 per sette giorni consecutivi e inferiore anche alla media svizzera su sette giorni.

rest_2031950_20201218150637.jpg

Fonte:

https://www.bag.admin.ch/bag/it/home/krankheiten/ausbrueche-epidemien-pandemien/aktuelle-ausbrueche-epidemien/novel-cov/massnahmen-des-bundes.html

Escortadvisor escorta Bookingsescort_right Nobiliseduzioni_right Escortime moscarossa_right escortinn Mille_erotici_desktop Oceano_home Escort Direcotory Escort forum wellcum_right bacheca massaggi
Logo Gnoccatravels

Stai per entrare in una sezione vietata ai minori di anni 18 che può contenere immagini di carattere erotico, che tratta argomenti e usa un linguaggio adatto a un pubblico adulto. Se non sei maggiorenne esci immediatamente cliccando ESCI. Se non ritieni il nudo di adulti offensivo alla tua persona e se dichiari di essere maggiorenne secondo la legge dello stato in cui vivi e se, entrando nel sito, accetti le condizioni di utilizzo ed esoneri i responsabili del sito da ogni forma di responsabilità, allora puoi entrare in Gnoccatravels!

Gnoccatravels.com tutela e protegge i minori e invita i propri utenti a segnalare eventuali abusi, nonchè ad utilizzare i seguenti servizi di controllo: ICRA – Netnanny – Cybersitter – Surfcontrol – Cyberpatrol

Contenuti ed immagini qui presenti, sono stati ottenuti attraverso internet, quindi sono ritenuti di dominio pubblico, od autorizzati dagli interessati medesimi. Gli inserzionisti di Gnoccatravels.com dichiarano che gli scopi della pubblicazione richiesta sono leciti (secondo le vigenti normative in materia penale) e strettamente personali, quindi esentano i gestori del sito da ogni responsabilità amministrativa e penale eventualmente derivante da finalità, contenuti e azioni illecite, nonché da usi illegittimi e/o impropri della pubblicazione medesima.

Scegliendo ACCETTA ED ENTRA, l'utente dichiara di essere maggiorenne e di esonerare totalmente i fornitori del servizio, proprietari e creatori del sito Gnoccatravels.com dalla responsabilità sul contenuto degli annunci/inserzioni pubblicitarie e del loro utilizzo.

SONO MAGGIORENNE ESCI