mediterroneo

Commenti

mediterroneo
Newbie
22/05/2020 | 11:42

  • Like
    0

@lumi

anch'io sono di questa convizione.
E, contrariamente a quanto sopra scritto, non credo proprio che a luglio-agosto i greci, presi come sono, schiferanno gli Italiani.
Vedo male invece la Spagna: le località più gnoccherecce sono fortemente incentrate sulle grandi disco. Basti pensare non solo ad Ibiza, ma anche a Mallorca ( Magaluf e S'Arenal), o LLoret de Mar.

mediterroneo
Newbie
21/05/2020 | 14:24

  • Like
    0

Non so se fa più ridere com' è formulata la regola, oppure l' idea stessa del distanziamento in aereo.
Quale efficacia può avere, contro la diffusione del virus, la soluzione "un sedile sì e uno no" (=45 cm) o anche 1,5 metri?
Se abbiamo anche solo 30 persone stipate in uno spazio pari ad un autobus e mezzo e chiuso, dopo un' ora di volo il virus si è già più che diffuso.
Diciamoci la verità: aveva ragione Ryanair quando ha minacciato di mettere tutti i voli a terra, perché era una misura del tutto inutile.
A mio parere, bisognerebbe invece che le compagnie fossero obbligate a fornire mascherine " serie", senza lasciar salire la gente con quelle che non servono a niente.

mediterroneo
Newbie
20/05/2020 | 12:16

  • Like
    0

Segnalo che dal 15 giugno la Grecia dovrebbe riaprire totalmente spiagge e voli.
Ciao

mediterroneo
Newbie
20/05/2020 | 12:15

  • Like
    0

@Linooo98

Credo che bisognerà tener d' occhio, a giugno o luglio, le conferme o meno dei festival.
Pag ad agosto ne ha una molteplicità in continuazione.
Purtroppo la ratio uomo/donna non è favorevole, ma gratta gratta qualcosa si trova.

mediterroneo
Newbie
20/05/2020 | 12:12

  • Like
    0

Purtroppo, il mitico Sziget è cancellato e così il fratellino minore Balaton Sound.
Mi associo gentilmente alla richiesta di avere informazioni sull' eventuale prossima data ( e luogo) del Kazantip.

mediterroneo
Newbie
18/05/2020 | 16:53

  • Like
    0

Conclusione in termini gnocchistici: quest'estate per il free, Grecia e Croazia.

mediterroneo
Newbie
18/05/2020 | 16:52

  • Like
    0

@Anthony80

quello che scrivi è vero, ma vi è di più.
E' corretto scrivere che l' Italia garantirà il libero accesso ai cittadini europei ( e ci mancherebbe altro, il turismo è il nostro petrolio!).
Ma non è affatto detto che gli altri stati li lascino venire!
Sull' Ansa (pochi minuti fa) si legge che la Germania ha una posizione molto perplessa sul punto: non vorrebbe gli accordi unilaterali, ma una soluzione condivisa a livello europeo, però....
Il dato concreto è questo: Austria, Germania e Paesi satelliti non hanno ancora dato il benestare ai loro cittadini per venire in Italia e Spagna.
Mentre non faranno opposizione se Hans, Helga e Fritz andranno in Croazia, in Grecia o in Bulgaria.
Paesi, questi ultimi, in cui la Germania ha fatto amplissimi investimenti in vari settori ( dalle banche, alle infrastrutture, al turismo).
Del resto, frau Merckel potrebbe non a torto obiettare: " come facciamo a considerare l' Italia sicura ora, se fino all' altro giorno e per mesi avete chiuso tutto"?

mediterroneo
Newbie
16/05/2020 | 20:31

  • Like
    0

@marko_kraljevic

certo che dover scegliere tra la Patria e la Gnocca dovrebbe far riflettere....

mediterroneo
Newbie
16/05/2020 | 20:26

  • Like
    0

@strutter

dove...cosa? dov'è più sicuro? dove andare?

mediterroneo
Newbie
16/05/2020 | 17:58

  • Like
    0

@pippo

io sì, se fosse per il fatto che sono " cinesi". Quasi tutte son0 in Italia da anni e non presentano quindi profili di rischio specifici.
Ma molti ragioneranno come i turisti quest' estate faranno con l' Italia: noi abbiamo il retropensiero "Cina=Covid" ( anche se ora come ora la Francia è messa molto peggio) loro "Italia=Covid".

C' è invece un altro profilo da tener conto: i centri massaggi sono "luoghi chiusi" e ( gestititi da cinesi o chiunque altro) più idonei alla diffusione del COVID.

mediterroneo
Newbie
16/05/2020 | 17:50

  • Like
    1

@alfonse

A mio parere, tutto sta a vedere se il COV-19 passerà ( per natura o pervaccino) o diventerà endemico.
Se cesserà di essere un pericolo, nel giro di due anni tutto dovrebbe tornare più o meno come prima, per i GT.
Vero che Europa+NordAmerica hanno preso una bella legnata economica, ma la stragrande maggioranza dei Paesi si riprenderà in fretta.
E una probabile diminuzione dei prezzi ( gnocca, alberghi, vitto) in taluni paesi di destinazione potrebbe compensare la perdita di potere d'acquisto degli occidentali.
Parlo della "stragrande maggioranza dei Paesi", perchè non vi includo l' Italia.
Prima del COVID-19, non avevamo ancora recuperato i livelli di PIL del 2008 ( unico credo tra i Paesi occidentali). E l' ultimo trimestre del 2019 si era chiuso in negativo anche senza il Covid.
Siamo un Paese vecchio, in affanno.
Il Lockdown insensatamente duro e prolungato ha lasciato segni profondi nel tessuto produttivo già debole.
Il massacro del turismo che verificheremo farà il resto.
Non abbiamo le forze per recuperare 10 punti di PIL, né per far fronte ad un debito pubblico che sarà pari al 160% del PIL.
Ergo: meno GT italiani. E con le tasche ancora più vuote.

mediterroneo
Newbie
16/05/2020 | 17:33

  • Like
    2

@RFtravelsking8

clap...clap...clap!

E per quei (pochi) che credono che l' estate 2020 sarà in Italia come le altre...fatevi un giretto domani ( domenica) in qualsiasi località di mare del centro nord: a metà maggio la stagione era già iniziata, mentre ora sembra di vedere un villaggio abbandonato del vecchio west.

E per i prossimi mesi: voi verreste a fare ferie in un posto ove vi impongono tutte le limitazioni che sono ben elencate nel post precedente?
Aggiungo ancora: avete un' idea dell' immagine che che siamo fatti all' estero? Per l' europeo medio, l' Italia è un luogo appestato e pericoloso.
Ricordatevi della SARS, vent'anni fa: fenomeno assai limitato, sparito poi da solo, ma tutti ancor oggi fanno l' associazione "SARS-Singapore".
Purtroppo, in Italia, si è fatto a gara a chi ha urlato più forte "pericolo!pericolo!", senza curarsi minimamente di quale sarebbe stato l' effetto d' immagine all' estero.
Una gestione dell' immagine da dilettanti.

Grecia, Portogallo, Canarie, Baleari, Malta, Cipro, Croazia vengono considerati ( spesso a torto) lidi più sicuri.
E' lì che andrà la gente (=la gnocca) ed è lì che, appena possibile, andrò anch'io.

mediterroneo
Newbie
14/05/2020 | 19:24

  • Like
    0

@notoriusbig

Non ti seguo dove scrivi che a Ibiza e in Croazia le possibilità di acchiappo ( free) sarebbero pari a zero.
Ibiza si potrà criticare, ma dire che mancano le possibilità....
Per la Croazia, quel che scrivi va bene per le zone interne, ma non certo per la costa.
Nell' ultimo lustro, la Croaziasi è lanciata benissimo nel settore festival/concerti/eventi ed almeno una decina di essi sono di livello europeo.
Pago (Pago), Umag ( Umago) o Garden Tisno più a sud a luglio e agosto sono pieni di eventi di rilievo, con gnocche da tutta Europa.
Certo, bisogna essere sotto i trenta: ma musica, alcool ed il contesto non sono certo da Cesenatico...

mediterroneo
Newbie
13/05/2020 | 17:06

  • Like
    0

Non ho capito molto degli ultimi due post di Torero.
Provo comunque ad aggiungere qualche news.
Ritengo infatti la questione della mobilità intereuropea fondamentale per il nostro hobby preferito: se qualcuno pensa di andare a gnocca a Rimini o in Puglia con turiste solo italiane, o è molto giovane o " non ha imparato mai nessuna lezione".
La Commissione Europea ha proposto questa soluzione: mobilità tra Paesi che presentano lo stesso profilo di rischio Covid. L' idea di fondo è che se due ( o più) paesi hanno la stessa percentuale di infetti, lo scambio di popolazione sostanzialmente è neutro.
Ma questa proposta sconta problemi di fondo non da poco: la "sovranità" sulle frontiere e la discrezionalità in materia sanitaria.
Provate voi a imporre a Kurtz ( Austria) o a Orban ( Ungheria) di aprire le frontiere...
Infatti, ad oggi la Commissione europea si è limitata a "raccomandazioni".

Prosegue invece sottotraccia ( ma evidentissimo) il tentativo di accordi bi o plurilaterali.
Che si crei una grande " safe zone" tra i Paesi del centro-nord Europa ( poco colpiti dal Covid-19) e Paesi del sud-europa anch' essi con indici molto bassi ( Croazia, Grecia, Malta, Montenegro ed anche Portogallo) è ipotesi concretissima.
In buona sintesi: resterebbero tagliati fuori a nord il Regno Unito (e vabbè).
E a sud Italia e Spagna.

Non vi sarà sfuggito che nel gruppo dei paesi del centro-nord con libertà di movimento rientrerebbe la Germania ( che a Covid se la passa meglio di noi, ma è comunque a rischio) e nei paesi a sud rientrerebbe il Portogallo ( che ha meno problemi della Spagna, ma non è certo "covid-free").

Premetto che sono un europeista convinto, e tutto men che nazional-populista, ma c'è tanto di politico in questo: la " grande Germania" ( Germania+Austria+Repubblica Ceca+ Slovacchia+ Polonia+ Danimarca+ Olanda etc.) sposta il flusso turistico in paesi amici ( sappiamo tutti gli strettissimi legami che ha la Germania ha con la Croazia e gli altri Paesi ex Iugoslavi), in paesi in cui larga parte dell' economia è in sue mani ( Grecia) o in Paesi poco significativi ( Portogallo, Malta).
E dà una botta in testa micidiale a Spagna e Italia ( cioè le due economie più forti del sud Europa).
Magari aprendosi lo spazio per un bello shopping di aziende.

In tutto questo, con una buona dose di insipienza, stiamo dando una gran mano noi: pochissimi aiuti al turismo, tante regole impossibili da rispettare, ed il tormentone autarchico delle " vacanze all' italiana, per riscopire i nostri tanti bei borghi del nostro meraviglioso paese!".

Quanto tutto ciò centri con la gnocca è palese: se abbiamo scelto di fare travels all' estero, è per un ben preciso motivo, che è la libertà di sfuggire ad un paese-mortorio come l' Italia.
E a me, le limitazioni alla libertà non piacciono.

mediterroneo
Newbie
11/05/2020 | 19:35

  • Like
    0

Se (e sottolineo se...) le frontiere europee dovessero essere riaperte per il turismo a luglio-agosto-settembre.
Se, oltre che riaperte, non dovessero mettere troppi vincoli ( tipo quarantene o certificazioni difficili da ottenere) in Italia o nel Paese di arrivo.
Se dovessero riprendere i voli ( anche a prezzi maggiorati ma ragionevoli).
Se, e dico se, tutto ciò dovesse verificarsi: secondo voi, quale sarebbe una meta papabile, soprattutto per il free?
Intendo: una meta in cui ci sia vita ed atmosfera giusta ( non le famigliole che vanno al mare con il bonus da 500 euro...).
Butto lì: la Croazia ( che pare si stia accaparrando buona parte del turismo del centro-nord Europa, e dichiara a gran voce di voler garantire uno stile non troppo dissimile dall' anno scorso)?
Ibiza: per la semplice ragione che sarebbe una immane perdita per le entrate spagnole, e soprattutto è geneticamente poco avezza ai limiti?
Mi piacerebbe sentire la vostra...

mediterroneo
Newbie
11/05/2020 | 19:13

  • Like
    0

@giotto89
Ecco...è questo che molti sembrano non capire...

mediterroneo
Newbie
10/05/2020 | 19:24

  • Like
    0

Per dare un' idea di quel che sta succedendo, provate a fare una ricerca su google inserendo "aerei+in+volo+ora".
Vi appariranno diversi siti che vi daranno, in tempo reale, la mappa degli aerei in volo in quel momento sull' Europa.
Ho provato più volte a farlo oggi: vedrete che l' Italia ( 60 mil di abitanti) ha lo stesso numero di aerei nello spazio aereo nazionale che la Polonia o l' Ungheria, e meno, molto meno, della Germania e dei Paesi Bassi.
Da Roma in giù, praticamente nessuno.
Con buona pace del mainstream nazionale per cui " gli altri stanno seguendo l' esempio dell' italia".
E con buona pace di chi crede che "la gente andrà sulle spiagge regolarmente, qui in Italia".

mediterroneo
Newbie
10/05/2020 | 14:56

  • Like
    0

@forzanat

Non ho del tutto compreso quando scrivi che "l' apertura dell' Italia ci sarà quando gli altri saranno pronti. Il virus è import/export."
A me sembra che gli altri siano prontissimi!
A quel che so, la Croazia è ben pronta ad accogliere i milioni di turisti tedeschi, ipotetici esportatori di virus.
E così la Grecia e Cipro.
La Spagna ha già fatto a sua road map, che prevede la riapertura delle zone turistiche ( se tutto continua come previsto).

mediterroneo
Newbie
10/05/2020 | 14:49

  • Like
    1

@silver81

Per l' amor del cielo, che qualche giovincella nordeuropea faccia un salto a Rimini è pur possibile ( a fine stagione).
Ma arriveranno forse il 15% di stranieri, probabilmente quelli meno giovani, che arrivano dai pesi confinanti ( bassa Germania, Austria) con l' auto.
Mettiamoci il cuore in pace: per questo ( e probabilmente per i prossimi 2/3 anni) solo anziani, ragazzini e famigliole mal messe economicamente.
Ma questo non è un vero problema: in Italia da 30anni si ficca ben poco.

mediterroneo
Newbie
09/05/2020 | 19:37

  • Like
    1

@Anthony80

Sì, ma sono curioso di vedere cosa faranno Paesi meno cacasotto del nostro.
Slovenia, Croazia, Cipro, Grecia stanno provando a fare i "corridoi turistici" e cioè accordi bi (o tri) laterali per far arrivare i tuisti di Germania, Austria, e altri paesi del centro-nord Europa.
Ovviamente, non si sono fatti scappare l' occasione per fregarli a noi.
Mentre noi stavamo discutendo del tipo di mascherine, della distanza buona ( un metro? un metro e ottanta? due?) e lasciavamo correre idee meravigliose come i box di plexiglass sulle spiagge, quelli stavano già lavorando a sfilarci quel 13/15% del PIL che è il turismo + cultura.
Sia chiaro: colpa nostra, non loro.
Tornando alla gnocca free: non escludo affatto che in Croazia e Grecia, da metà giugno, non si possano trovare belle soddisfazioni.
Sempre che l' Italia ci faccia uscire, e poi ci faccia rientrare senza metterci in quarantena.

mediterroneo
Newbie
06/05/2020 | 12:32

  • Like
    0

@ xfelixxx

Di solito, si tende a considerare "intelligenti" quelli che la pensano come te,
Io pesno di contribuire al forum anche quando scrivo cose che non sono nelle tue corde.

mediterroneo
Newbie
03/05/2020 | 11:41

  • Like
    1

@buongustaio

Scusa, sei pagato per non lavorare e vorresti anche i soldi subito???
Pensa a quelli che: a) devono comunque lavorare ( una qualsiasi attività non è mai chiusa del tutto, vedi professionisti, albergatori, gestori di ristoranti); b) hanno spese (di affitto, utenze, anticipazioni di ferie) che continuano a correre; c) non beccano un quattrino; d) probabilmente non riapriranno mai ( la stagione turistica è persa, la ripresa dei consumi sarà molto lenta).
E ti lamenti perché i soldini arrivano in ritardo?

mediterroneo
Newbie
02/05/2020 | 22:38

  • Like
    0

@xfelixxx

Non è che "non val la pena di fare commenti": tu non sai farli.

Fatti ancora qualche domanda:

  • da 15 giorni circa 10.000 frontalieri ( quasi tutti lombardi) lavorano in Svizzera. Ma nel loro Paese, l' Italia, non possono quasi uscire di casa. Forse che gli Svizzeri sono pasticcioni e sporcaccioni?
  • La Svezia non ha chiuso praticamente nulla. Neppure le entrate-uscite via aereo, nave, terra. Eppure il virus non è dilagato, e ora l' OMS la indica come esempio da seguire.
  • la Germania ha chiuso solo i luoghi di assembramento, ma lasciando spazio ampio alla socialità ed ai rapporti familiari ( puoi prendere un gelato da asporto e sederti su una panchina, o andare a trovare tua zia, facendo Francoforte-Berlino): che zia Merkel sia rincitrullita e i virologi tedeschi dilettanti.
  • Vo euganeo è stato completamente segregato: ciò ha salvato il Veneto?

Lo dico e lo ripeto: la scelta di un lockdown totale come fatto in Italia è solo politica.
Un uomo solo al comando, l' opposizione messa all' angolo ( e guarda che io non antipatizzo per Conte e i suoi...).
La fascia dei lavoratori pubblici e privati ipertutelata ( andremo a sei mesi di cassa integrazione) e le partite iva ( che notoriamente non votano centrosinistra) a crepare di fame.
E a settembre, un Paese con il 160/100 di rapporto debito/PIL, imprese distrutte, gente senza lavoro ( anche la Cassa integrazione finisce) da far spolpare ai capitali stranieri.

mediterroneo
Newbie
02/05/2020 | 22:22

  • Like
    1

@fabri63

Per esempio, la Croazia ci ha messo al top della Black list assieme allo Hubei ( mica a tutta la Cina! smile:
Aggiungo che il problema non sarà formalmente uscire ( mantenere a lungo un divieto di espatrio potrebbe essere inconstituzionale), ma rientrare: 14 giorni di ferie, e 14 di "permanenza domiciliare fiduciaria".

mediterroneo
Newbie
02/05/2020 | 22:17

  • Like
    1

@alianterus

Si è mossa pure la Spagna, mandando a scuola i bambini.
Che è il primo passo per consentire ai genitori di lavorare.

mediterroneo
Newbie
02/05/2020 | 22:15

  • Like
    0

forse gli sfugge che il primo paese ad essere investito da una "grande ma grande carestia economica globale" sarà ( anzi è) l' Italia.

mediterroneo
Newbie
01/05/2020 | 20:56

  • Like
    0

@unquarantenne
Sottoscrivo e aggiungo due parole.

Quando un governo compie un' azione, deve chiedersi non solo quali effetti positivi possa avere, ma anche quali quelli negativi.
Questa è la regola essenziale di ogni agire.
Se anche il lockdown avesse effetti positivi allungando la vita di qualche mese ad un po' di vecchietti ( e su questo hai ragione) quali effetti avrà sugli altri cittadini?
Domande: per i diabetici e cardiopatici, quali effetti avranno mesi e mesi di forzata inattività? quale sarà l' effetto delle mancate o tardive diagnosi di moltissime malattie in quanto la visita specialistica è stata rinviata a data da destinarsi? il governo si è posto la questione che la povertà ( perchè di povertà per molti si tratta) e la malasalute vanno di pari passo? il governo si è posto la questione che anche il benessere familiare è "salute" ( e far stare per mesi 24/24 partner e figli in un appartamento è una condizione patologica)?
E potrei continuare citando gli effetti di un anno scolastico perso ( perché così sarà) in un paese che ha un sistema scolastico non proprio da complimenti.
Ma mi fermo qui.
Il senso del mio intervento è fare un passo avanti rispetto al tuo: se anche davvero avessimo salvato la vita ad un po' di persone che comunque vedranno il traguardo a breve, quante altre vite ( giovani e salvabili) avremmo perso? E la disoccupazione, i fallimenti, il non poter continuare gli studi, sono per caso senza effetti sulla salute di sessanta milioni di italiani?

mediterroneo
Newbie
29/04/2020 | 16:45

  • Like
    0

E se qualcuno ha dubbi sulla follia di certi provvedimenti, ricordo che che gli italiani in rientro, ad oggi vanno tutti in quarantena,
Quindi, lo studente o lavoratore che rientra dal Portogallo, dall' Estonia, da Malta ove il COvid-19 è molto meno frequente che da noi va in quarantena.
Ma se io vado, per giustificato motivo, a Bergamo, no.

mediterroneo
Newbie
29/04/2020 | 16:43

  • Like
    0

Temo che il rischio maggiore sia proprio la quarantena al rientro imposta dal Governo italiano.
Premetto che non sono a priori un antipatizzante di questo governo.
Ma che all' interno di esso vi siano componenti sovraniste, autarchiche e in definitiva ignoranti, ed è ben noto.
Che questi pensino di impedire i viaggi all' estero ( e quindi far restare i soldini in Italia) con la minaccia della quarantena al rientro è ben possibile.
Ovviamente, non mettono in conto che ( anche in maniera occulta) gli altri Paesi europei faranno una bella ritorsione.
E manco si pongono il problema, invece, che Slovenia e Croazia stanno facendo esattamente il contrario: e cioè accordi bilaterali cin Austria e Germania per garantire gli arrivi estivi dei turisti che a noi, ovviamente, fanno schifo.

mediterroneo
Newbie
28/04/2020 | 10:45

  • Like
    0

@buongustaio
@strutter

il problema COVID-19 in Italia è connesso al 90% alle case di riposo e ( in misura minore) agli ospedali.
Le prime, in particolare sono state ( e sono) un micidiale mix di ambienti affollati e soggetti fragili.
E cioè: facilità di contagio + possibiità di morte.
E sovraesposizione innaturale per il personale ed i medici, purtroppo.
Al di fuori di queste strutture, la diffusione del COVID 19 è limitatissima e scarsamente perniciosa.

Non mi risulta che da Trieste a Venezia ( compresa) ovvero in Puglia, Sardegna, Sicilia la situazione sia grave.
In ogni caso la percentuale di letalità sotto i 40 anni è risibile e pressochè sempre collegata ad altre patologie gravi.


Argomento HIV....per favore, non toccate il tasto!
30 anni fa dovevamo morire tutti o quasi...
Ora i casi sono confinati nella quasi totalità nelle solite categorie: omosessuali e tossicodipendenti ( meno di un tempo).
Tempo fa ho fatto qualche conto ( a partire da dati ufficiali): in una regione di circa 5 milioni di abitanti, tra i maschi eterosessuali e residenti in Italia da tempo, non più di una sessantina di casi ( e non sarei troppo sicuro che tutti abbiano detto il vero sulle loro abitudini sessuali o edonistiche...)

mediterroneo
Newbie
27/04/2020 | 21:19

  • Like
    0

@beyazid-II

Eccellente.

Aggiungo solo che, con l' esperienza, le classi dirigenti hanno compreso che, allo scopo di tutelare i loro interessi, nulla vi è di meglio dello "stato di necessità".
Con lo stato di necessità fai quel che vuoi ( inutile ti citi De Gaulle...).
Con lo stato di necessità tutti "devono" essere con te, ma, soprattutto, tutti "vogliono" stringersi attorno ad un Capo, l' opposizione ( o anche solo le idee contrastanti) non hanno cittadinanza.
E' un tribalismo ancestrale, ma è così.
Il terremoto dell' Irpinia, il Vajont hanno fatto le fortune di mediocrissimi quadri politici, che si sono trovati tra le mani immense disponibilità di danaro, potere e pochi controlli. E sono andati avanti poi da leader per quarant'anni e più.
Giungo al dunque: neanch'io credo al gomblotto cinese ( o di altri), e neppure ad una diffusione accidentale del virus.
Valga il rasoio di Occam: un virus più forte della media, come ce ne sono altri meno forti della media.
Ma credo, invece, fortemente, che sia artificiale tutto quello che è venuto dopo.
La classe politica italiana ( quella al governo) ha capito di aver visto un gancio dal cielo, e quello che era un problema sanitario è diventato "la patria in pericolo".
Nessun e ripeto nessun paese al mondo si è sognato di mettere agli arresti domiciliari l' intera sua popolazione.
Ma se guardiamo al cui prodest, la ratio è chiarissima:

  • opposizione all' angolo ( e guarda che io non simpatizzo certo per il centro destra);
  • consenso alle stelle per ragioni psicologiche ( il riflesso tribalista di stringersi al capo);
  • consenso alle stelle per ragioni economiche: i professionisti poveracci contenti dei 600 euro; le mamme a casa in congedo pagato; i cassintegrati in deroga a godersi il sole dal terrazzo. E non mi si dica che è "l' inferno della cassa integrazione". Essere pagati per stare a casa non è un inferno.
  • sindacati felicissimi: metà dei lavoratori delle grandi imprese a casa a godersi la cassa integrazione ( e per loro è una grande vittoria).
  • grandi imprese idem per lo stesso motivo: la cassa integrazione è un enorme risparmio per l' imprenditore, se la sai gestire bene ( e se volete vi spiego meglio perché);
  • grandi imprese,ancora, felici perchè dalla desertificazione delle partite iva si apriranno nuove praterie.
  • statali: ottima occasione per lavorare meno ( magistrati, insegnanti...)

Prova del nove: guardiamo, al contrario, chi ci rimette.
Quelli che non sono "classe dirigente".
Artigiani e commercianti. Professionisti. Lavoratori di piccole attività ( ora felici per la cassa, i congedi, il divieto di licenziamento etc., ma vedrete a ottobre!). Albergatori e personale stagionale.

Notizia di oggi: Slovenia e Croazia stanno trattando con Austria e Germania per un "corridoio turistico", in modo da far arrivare al mare i turisti.

Conte invece ( che ben sa che il 15% del PIL in italia è turismo) è impegnato a trasformare la distanza di un metro a due metri, a non far andare la gente nelle seconde case, a chiarire che la scuola riaprirà a settembre.
E un intero comparto sta morendo.
Ma gli albergatori marini e montani, ed i loro dipendenti non sono "ceto dirigente".

mediterroneo
Newbie
20/04/2020 | 21:47

  • Like
    1

Non condivido affatto quest' idea dell' italiano indisciplinato, insofferente alle regole,
Soprattutto al Nord e al centro.
Al contrario, l' italiano è il cittadino più mansueto che esista,
Paga una quantità di tasse che sarebbe ritenuta folle anche da un socialista storico.
Riceve servizi di bassa qualità e sopporta.
Commette una percentuale di reati gravi molto inferiore alla media dei paesi sviluppati. Sorpresi? se volete vi passo le statistiche. E mettete in conto che abbiamo tre Regioni fuori controllo, figuratevi quanto sia bassa la media al centro nord.
Ha perso tutte le possibili guerre con Mussolini ( Grecia, Albania, Etiopia, ex Yugoslavia, per non citare la più grande) ma nel suo cuore, il 50% degli italiani lo ritiene ancora un grande politico.
Tutti i Paesi europei hanno avuto la loro rivoluzione, meno uno: in Italia, da 2000 anni, non ce n' è stata una.

Tutto questo per dire cosa? che l' idea che gli Italiani stiano in riga solo con il manganello ( o le multe) è sbagliata.
Usiamo il cellulare in auto? ma avete provato a vedere come i tedeschi se ne fregano di reprimere il traffico dell' eroina e della cocaina?
Parcheggiamo in doppia fila? ma nessuno si lamenta troppo dei 130 km/h in autostrada, e consideriamo pazzi i tedeschi che hanno tratti senza limiti.
Facciamo caciara? Ma avete mai visto inglesi, olandesi, danesi d' estate al mare?

La realtà è che sul coronavirus il ceto politico ha voluto far capire chi comanda.
Perché all' Italiano, essere comandato, piace.

mediterroneo
Newbie
20/04/2020 | 15:43

  • Like
    1

Aggiungo i miei 5 cents.
Per trombare free, più che la "voglia" ( di lui e/o di lei) conta l' "occasione".
E l' occasione è data spesso e volentieri dai grandi eventi: quelli dove ci sono migliaia di gnocche, musica, internationalità, spirito giusto e una buona dose di alcool.
Quindi: località di mare ( Ibiza, Mikonos, Mallorca etc.) o grandi fetsival ( Sziget, Tomorrowland, Rototom...).
Ma saranno deprimenti ( i distanziamenti in spiaggia) o chiusi ( discoteche e festival) e comunque tutto in tono minore: mancheranno voli, soldi, senso di sicurezza etc.
A mio parere, annata persa, per il free da giovani.

mediterroneo
Newbie
20/04/2020 | 15:33

  • Like
    1

@marko_kraljevic

Condivo di rispetto, ma per favore non scrivere che :
<<L'unica cosa certa è che Stati diversi (e comunità locali diverse) hanno reagito in modo sostanzialmente uguale (lockdown) ma con esiti spesso sostanzialmente diversi>>

Tra il lockdown all' Italiana, e quello di Svizzera, Germania, Olanda. Svezia, Regno Unito, Porgogallo, Grecia non c' è che una vaga rassomiglianza.

L' Italia ha scelto di mettere agli arresti domiciliari i suoi cittadini.
Gli altri hanno imposto semplici restrizioni: provvisoria chiusura dei luoghi di aggregazione più grandi, distanziamento sociale, misure sanitarie più stringenti.

Ad un certo punto, nella narrazione dei media italani, è sembrato che fossimo una sorta di "nazione guida".
E' stato un sussieguirsi di " vedete che anche la Germania si è decisa!"; "anche la Svezia ha chiuso le discotecehe" etc.
Vero niente: l' unico Paese che ci ha sostanzialmente seguito è la Spagna.

mediterroneo
Newbie
09/04/2020 | 19:28

  • Like
    0

Se fossi un tedesco o un olandese, perbene, moderato e di media cultura farei esattamente gli stessi ragionamenti dei loro leader.
E' vero o non è vero che esiste già una fondo da utilizzare che è il MES?
E' vero o non è vero che chi mette i soldi ha anche il dritto di sapere dove e come andranno spesi?
E' vero o non è vero che ci stanno proponendo il SURE ( che prevede sì la " cassa integrazione", ma con obbligo di formarsi, come avviene in Germania, invece di stare in giro per i bar?).
La realtà è che i politici italiani vogliono soldi da spendere dove, come, quando pare a loro.

Escortadvisor escorta moscarossa_right Mille_erotici_desktop La_suite_home Felina_Barcellona_home Felina_Valencia_home Oceano_home Mombasa_resort Trans_Secret_right Apricots le_privee Haima_desktop Escort Direcotory Escort forum wellcum_right sugargilrs_right Oxyzen_right bacheca massaggi
Logo Gnoccatravels

Stai per entrare in una sezione vietata ai minori di anni 18 che può contenere immagini di carattere erotico, che tratta argomenti e usa un linguaggio adatto a un pubblico adulto. Se non sei maggiorenne esci immediatamente cliccando ESCI. Se non ritieni il nudo di adulti offensivo alla tua persona e se dichiari di essere maggiorenne secondo la legge dello stato in cui vivi e se, entrando nel sito, accetti le condizioni di utilizzo ed esoneri i responsabili del sito da ogni forma di responsabilità, allora puoi entrare in Gnoccatravels!

Gnoccatravels.com tutela e protegge i minori e invita i propri utenti a segnalare eventuali abusi, nonchè ad utilizzare i seguenti servizi di controllo: ICRA – Netnanny – Cybersitter – Surfcontrol – Cyberpatrol

Contenuti ed immagini qui presenti, sono stati ottenuti attraverso internet, quindi sono ritenuti di dominio pubblico, od autorizzati dagli interessati medesimi. Gli inserzionisti di Gnoccatravels.com dichiarano che gli scopi della pubblicazione richiesta sono leciti (secondo le vigenti normative in materia penale) e strettamente personali, quindi esentano i gestori del sito da ogni responsabilità amministrativa e penale eventualmente derivante da finalità, contenuti e azioni illecite, nonché da usi illegittimi e/o impropri della pubblicazione medesima.

Scegliendo ACCETTA ED ENTRA, l'utente dichiara di essere maggiorenne e di esonerare totalmente i fornitori del servizio, proprietari e creatori del sito Gnoccatravels.com dalla responsabilità sul contenuto degli annunci/inserzioni pubblicitarie e del loro utilizzo.

SONO MAGGIORENNE ESCI