Sogno di una notte di mezza primavera a... San Pedro de Macoris.

Premessa: io sono un 40enne ben tenuto, pecco in audacia, ma se mi sciolgo faccio danni e, cosa fondamentale ovviamente, parlo uno spagnolo molto al di sopra della media degli stranieri. Arrivo in aeroporto a "Las Americanas", il 1 maggio e, prima annotazione, se avete qualche centinaio di dollari di uno zio d'America, portateveli, perchè allo sportello dove si paga il visto turistico, la cifra che si paga è uguale, in dollari o in euro, cioè 10 (!?!), il resto dei dollari sono sempre ben accetti ovunque. Già prima di uscire dalla hall, subito mi rendo conto di respirare un'aria diversa: due operai della manutenzione che fischiano ed urlano "que culasso!!!" ad una dominicana appena sbarcata, la quale non fa una piega. All'uscita, numerosi sono i tassisti che si offrono, ma nn tutti regolari e noi ne scegliamo uno autorizzato. Gli chiediamo di chiamare il cell. del nostro gancio italiano in loco, lui esegue e dopo un parlottìo ci fa vedere un librone delle tariffe dove è scritto che per Juan Dolio si paga 45 dollari (25 min di tragitto). Ci avviamo ed il tassista risponde a tutte le nostre domande sui prezzi, sui posti ecc. Alla fine gli diamo 50 dollari e lui ci fa un bel sorrisone.

Il nostro gancio, un mio conoscente ma grande amico di un mio collega di lavoro, è sposato lì da un anno e ci ha indirizzato su una dimora in affitto presso un suo amico dominicano; per una settimana, 250 euro, in una casa con due stanze con due letti matrimoniali, due bagni personali, cucina ampia ed accessoriata, ingresso ampio con divani, wifi (nota negativa, la presenza di scarafaggi, ma che dicono sia normale nelle case private, ci siamo ignorati a vicenda per tutta la settimana). La casa si trova all'interno di un parco privato con altre case in affitto, ristoranti, albergo, casinò, ed

ovviamente spiaggia libera annessa. Nelle vicinanze, ma col motoconcho (costo da 25 a 100 pesos, contrattate fino alla morte, non vi fate fregare), ci sono banche, supermercati, centri per le schede telefoniche ecc. Il nostro gancio ci avverte: il bar sotto casa è un puttanaio!! Ma nonostante poi ci diranno che la gestione è cambiata e che è stato ripulito, sempre un puttanaio resta! Nel fine settimana si suona e si balla fino alla mattina con musica a palla e sfortunatamente sotto la mia finestra (il che mi costerà un giorno di stonamento per essersi sommato al fuso orario)

Le bariste si dimostreranno amichevoli e simpatiche (oltre che strafighe), ma causa lavoro full time (cioè 7/7 giorni a 15h/gg) l'approccio finale risulterà difficile, ma solo per mancanza di tempo. I clienti maschi sono tutti stranieri, alcuni italiani, le femmine dall'indipay alla battona vespasiana, ma tutte di qualità medio bassa. Purtroppo quasi tutti arrivano già accoppiati (ma quasi). Il giorno dopo, il nostro gancio si presenta all'uscio con moglie ed amica al seguito. Che dire, due modelle d'ebano di neanche 25 anni. Dopo frizzi e lazzi, concordiamo che in settimana saremmo andati a mare insieme e poi a cena. Ci spiegano che per prendere un'auto in affitto dobbiamo andare a San Pedro Macoris con la "uaua" (bus popolare) che si prende sul "boulevar de Juan Dolio", facendo cenno quando ne passa una, al costo di 100 pesos. Ci facciamo lasciare vicino al "parque de la Biblia" dove ci sono molti motoconchi a tutte le ore. La "San Pedro rent a car"in via Francisco Alberto Caamano 18, che è una delle strade pricipali. Qui ci accoglie un mastondontico dominicano con moglie e figlia ventenne, molto alta e con lineamenti di viso belli, ma con un peso approssimantivo di 140 kg. Una berlina giapponese a benzina e cambio automatico, con carrozzeria vissuta, ma funzionale, costa 1400 pesos al giorno più 7000 pesos di caparra e non necessita carta di credito. Se volete un SUV nuovo, vetri oscurati da gangster, che loro chiamano simpaticamente "uaua", sono 2000 pesos al giorno. Un pieno di benzina regular sono 3000 pesos e ci andate una settimana.

Orientarsi non è affatto facile, in città non ho visto i nomi delle strade secondarie, in autostrada i cartelli traggono in inganno.

Prendete una scheda telefonica locale, sarà moooolto utile. Orange fa schifo, a San Pedro non funziona bene, meglio Claro. Per chiamare l'Italia, fatelo con Skype o in un internet point.

Nel capitolo spiagge, menziono quella di Juan Dolio, piena di barrettini che affacciano sul mare, con musica costante e gente che balla, con prevalenza di famiglie, quindi molto tranquilla, ma non posso dimenticare alcune ragazze carine che stazionano, in attesa di fare proficue conoscenze, altre già accompagnate di viejo europeo, quest'ultime non restie a farvi l'occhiolino se siete più giovani. Insomma è una situazione che ho giudicato ideale. Poco distante, ci sono ristoranti, tra cui il "Sueno", gestito da Italiani, che vi riporteranno in patria con cibo ottimo e tv italiana. Per la pancia, segnalo a San Pedro, Remo e il "Rey", situati alla foce del fiume, che sono tra il meglio che potete trovare, specializzati in pesce, con prezzi che in Europa sarebbero popolari, ma per i dominicani sono quasi inaccessibili.

Alla notte, si può optare per un giro sul Malecon, dove troverete migliaia di ragazzi che bevono e ballano, affollati a ridosso dei numerosissimi chioschetti, ognuno con le sue megacasse a sparare musica a tutto volume; c'è un via vai di mezzi a motore che fa paura. Comunque qui troverete max venticinquenni, e tra questi, potrete pescare tra numerose perle nere. Ad inizio maggio, ho avuto la sensazione di essere gli unici stranieri, addirittura gli unici bianchi. E qui voglio raccontare un aneddoto. Eravamo andati già in buona compagnia e mentre sbevecchiavamo e ballavamo (su youtube scrivete chapa vibra, è ciò che amano ballare le donne ad ogni occasione, merita!), noto una ragazzetta tra i 16 e i 20 anni, che pomicia con il barista del nostro chioschetto, un moretto, c'avrà avuto vent'anni. Lei aveva un visetto carino come pochi ed un fisico da far resuscitare un morto, evidenziato a dovere dai suoi leggins. Ad un certo punto, mentre la mia tipa era girata ed il suo tipo stava servendo una "Presidente" ghiacciata, questa comincia a farmi l'occhiolino ed a passarsi la lingua sulle labbra mentre mi fissa. Mi sono ritrovato a pensare di aver dovuto aspettare 40 anni per vivere una scena così carica di intrigo ed eccitazione. Comunque, per non creare un "incidente diplomatico" al Malecon, non ho dato seguito alla cosa, dopotutto anche la mia tipa non era male (ma quella era da sturbo); rincontrerò il barista, in disco, il martedì, che mi dirà di non aver idea di dove fosse la sua ragazza in quel momento. Giudicate voi. Il giovedì notte c'è la serata al Madere, un locale molto "in" tra la San Pedro "bene", infatti, noterete fuori al locale, le uniche auto europee che potrete individuare in città, Audi, Bmw, SUV e moto di grossa cilindrata. La clientela è composta essenzialmente da studenti universitari, le ragazze sono nella media come altrove, ma più abituate al bianco, se capite cosa intendo, mentre tra i ragazzi si può vedere anche qualcuno con la barba lunga, oggi in voga in Europa. Ho scorto anche un trio di rappers, tra i più passati in tv, mischiati tra la clientela; qui bisogna armarsi di un buon inglese, in mancanza di un buon spagnolo, e tacchinare come se foste in patria, con gli annessi ed i connessi. Il martedì è la serata del Garo, disco molto più popolare. Il locale si riempirà nel corso della serata e l'età media comunque non supera i 25 anni, molte pulzelle sono spulzellabili. In verità, anche qui siamo andati accompagnati, e siamo stati presentati ad amiche ed amiche delle amiche, che, complice un'offerta sulla Presidente, 5 birre a 300 pesos, abbiamo potuto ingraziarci, ed ottenere numerosi numeri di telefono.

Altro piccolo aneddoto, che dà la misura di dove si è, c'era in quel locale una cameriera che mi faceva sangue di brutto, e me la sono guardata ammirato un bel pò, ma lei neanche mi aveva visto; tutto nelle norma se fossimo stati in Italia, ma casualmente, passandole vicino, con un cestello di birre, si incrociano i nostri sguardi, e quando la supero, sento un gentile schiaffettino sul mio sedere. Mi giro e lei è tutta un sorriso ed occhi dolci. La serata è proseguita con balli sfrenati e sensuali dove la chapa que vibra l'ha fatta da padrona, e con, ad un certo punto, sia la cameriera, sia la mia tipa, mi si strusciavano addosso contemporaneamente, nel frattempo io pensavo: "cosa ho fatto per meritarmi tutto questo?".

Insomma, come sempre accade, ho esaurito il tempo, nella Rep. Dominicana, proprio quando potevo raccogliere il seminato, ed era tanto. Consiglio anche di usare Badoo, da qualche settimana prima della partenza, recupererete molti numeri, con la possibilità di selezionare quelle che si dimostrano più appetibili. Le maggiori soddisfazioni le ho avute con una tipa che mi ha presentato il mio gancio, mentre in altre occasioni ho notato una certa furbizia nel portar avanti il gioco, quindi, i consigli del forum sulle fregature sono sempre validi, anche a San Pedro. Parlando di costi al giorno, per far la vita da ricco, in Rep. Dominicana, occorrono circa 60/90 euro al giorno, all inclusive (io non faccio uso di droghe, anche se sono stato perquisito dalla Polizia con un fucile a pompa puntato contro, perché avevano arrestato un Italiano per possesso e spaccio qualche giorno prima). Il regalino, che praticamente tutte si aspettano, anche se alcune restìe a chiederlo, è mediamente di 1000 pesos per un'ora e 3000 per la notte, ma solo se molto belle. Il copione è il seguente: le chiedi se puoi offrirle una birra, due chiacchiere per capire se è la tipa giusta, e con educazione e dolcezza, mettere in chiaro che cercate un "diversivo"; se non vi va di perdere tempo, subito gli si fa la proposta di andare a casa, per un ora o per la notte, specificando il regalo. Al massimo vedrete la loro faccia delusa, per aver perso la speranza di un ricco matrimonio, ma mai atteggiamenti acidi ed offesi; loro sanno benissimo cosa viene a fare l'europeo, come noi sappiamo del loro interesse per il nostro portafogli. Forse ci torno, ma forse vado a Cuba, comunque voglio tornare nei Caraibi.

Guarda Foto e Video di ESCORT e TRANS porche nella tua città

Accurata e sincera recensione collega @mindfree,a Juan Dolio parli del Chocolate Bar... :X ? I miei saluti !!

Trova i migliori CENTRI MASSAGGI e le MASSAGGIATRICI SEXY in Italia

E'stato divertente lo stanamento,stavi in quel residence bianco di sette o otto piani ci guardiano all'entrata!io al coral e ogni sera al chocolate,periodo i primi 10 giorni di novembre scorso,presenti almeno una decina di chicas,livello medio alto,rates 2000-2500 pesos,tra cui una vera perla,alta 1,80,grandissima gnocca,me la sono portata in hotel pagandogli il soggiorno 75 dollarozzi al giorno e un regalo a lei,me la sono spassata...!!con lei a s.pedro dove sei stato anche tu,prendendo il bus attraversando quel bel villaggio abbandonato,comunque notevole gt e grandi scopate,Rai 2 ho dovuto insistere,ha ceduto...!ci tornerò di nuovo nello stesso periodo,non di nuovo li',penso di cambiare,comunque gia'preso il biglietto!!i miei saluti collega @mindfree stanato,ahahahahah

Leggi le recensioni ESCORT e non farti fregare, trova la ESCORT nella tua città

Grande @devil1 comunque adesso c'è un nuovo socio del bar che vuole farlo apparire come un luogo di classe e rompe le palle alle ragazze succinte. Per fortuna non c'è quasi mai, perchè è un bello stronzo, che con chi urla ubriaco alla 4 della notte non dice nulla e io lo maledivo dal profondo perchè non riuscivo a dormire. Comunque non c'è riuscito perchè le chicas sono sempre che bazzicano sopratutto il finesettimana.

Abbandonati al relax e al piacere, scopri i centri massaggi della tua citta'!

il tuo spagnolo non mi sembra sopra la media dei gringos se insisti a dire uaua per guagua.

Que no me quiten la salsa !

Guarda Foto e Video di ESCORT e TRANS porche nella tua città

@johnkatzmann Quello che parlo io è castigliano, non certo quello dominicano, perchè è il mio primo viaggio in questa terra, e comunque non di certo il cubano. Lo scritto come l'ho sentito pronunciare, infatti l'ho virgolettato. Un tassista mi disse che c'era differenza tra la pronuncia dominicana e quella cubana, proprio sulla "uaua", ma ai nostri fini è alquanto sofista discutere di siffatto argomento.

  • 1 di 1
  • 1
Logo Gnoccatravels

Stai per entrare in una sezione vietata ai minori di anni 18 che può contenere immagini di carattere erotico, che tratta argomenti e usa un linguaggio adatto a un pubblico adulto. Se non sei maggiorenne esci immediatamente cliccando ESCI. Se non ritieni il nudo di adulti offensivo alla tua persona e se dichiari di essere maggiorenne secondo la legge dello stato in cui vivi e se, entrando nel sito, accetti le condizioni di utilizzo ed esoneri i responsabili del sito da ogni forma di responsabilità, allora puoi entrare in Gnoccatravels!

Gnoccatravels.com tutela e protegge i minori e invita i propri utenti a segnalare eventuali abusi, nonchè ad utilizzare i seguenti servizi di controllo: ICRA – Netnanny – Cybersitter – Surfcontrol – Cyberpatrol

Contenuti ed immagini qui presenti, sono stati ottenuti attraverso internet, quindi sono ritenuti di dominio pubblico, od autorizzati dagli interessati medesimi. Gli inserzionisti di Gnoccatravels.com dichiarano che gli scopi della pubblicazione richiesta sono leciti (secondo le vigenti normative in materia penale) e strettamente personali, quindi esentano i gestori del sito da ogni responsabilità amministrativa e penale eventualmente derivante da finalità, contenuti e azioni illecite, nonché da usi illegittimi e/o impropri della pubblicazione medesima.

Scegliendo ACCETTA ED ENTRA, l'utente dichiara di essere maggiorenne e di esonerare totalmente i fornitori del servizio, proprietari e creatori del sito Gnoccatravels.com dalla responsabilità sul contenuto degli annunci/inserzioni pubblicitarie e del loro utilizzo.

SONO MAGGIORENNE ESCI

SHARE