Margerita
margerita

Viaggio in Thailandia: Bangkok, la città del divertimento e delle belle ragazze

Molliamo armi e bagagli e facciamo chiamare un taxi, ma purtroppo il traffico è troppo congestionato: mentre stiamo per prendere la metro sopraelevata, notiamo dei trabiccoli parcheggiati nell'area riservata ai taxi, ma somiglianti alle nostrane piccole Ape.

Decidiamo di collaudarne una, anche perché più economica e ideale per tre persone; il conducente del Touk Touk (così si chiama) ci consiglia di tenerci forte e comincia a sfrecciare in mezzo al traffico e allo smog della capitale, facendo diverse volte il pelo alle macchine, come se ci trovassimo nel bel mezzo del gran premio di Monaco! Soltanto qualche istante dopo scopriamo però la vera attrazione del mezzo, quando, al semaforo, dopo un paio di sgasate rumorosissime, il Tuk Tuk impenna d'improvviso come un cavallo imbizzarrito e decolla oltre il semaforo, lasciandoci con il cuore in bocca per un attimo; esplodiamo in una fragorosa risata chiedendo a gran voce il bis. In effetti la sensazione è presto confermata dagli altri Tuk Tuk carichi di turisti che ci affiancano spesso e eseguono la famigerata IMPENNATA A RICHIESTA; certo è che se lo fanno senza annunciarlo prima..beh..rischi di lasciare all'incrocio portafoglio, telefono e chiavi! La meta del primo pomeriggio è il Wat Pho, il tempio che ospita il Buddah più grande di Bangkok; il tassista, tuttavia, ci fa presente che ci sono due modi per raggiungerlo, via terra e via acqua.

Avendo usufruito del giro panoramico sul fiume con tanto di guida in quel di Singapore, non disdegniamo un veloce giro in barca, e il conducente di Tuk Tuk si propone di accompagnarci al punto di approdo delle chiatte. II famigerato attracco è situato al termine di un vicolo che dire sporco e buio è un eufemismo: dopo qualche attimo di esitazione e un briciolo di paura, il piccolo mezzo rumoroso arriva finalmente a destinazione.

Un vecchio (che fa molto maestro Kimura) con famiglia a seguito, seduto di fronte al molo, ci mostra una mappa tracciata a matita con il percorso che intraprenderà la nostra imbarcazione, guidata presumibilmente dai suoi figli (due sbarbati indiani di 16 anni) per la modica cifra di 50 euro..un furto bello e buono; purtroppo non abbiamo scelta, e decidiamo quindi di accettare con qualche riserva: mai scelta si rivelerà più sbagliata.

La bagnarola procede lenta lungo il corso del fiume Chao Pharaya, la principale arteria del commercio fluviale thailandese, nonchè, come vedremo poco dopo, triste scenario di baracche e palafitte della povera gente che qui vive in condizioni di miseria disastrose.

La serata si svolge al The Club, è veramente un posto strafigo; bella musica, una consolle posta su un piedistallo di pietra altissimo e un soffitto che arriva grossomodo a dieci metri di altezza. La serata si muove su una techno house pesante, musica che va per la maggiore assieme alla commerciale, ed il locale è ormai affollatissimo: approfittiamo della confusione per staccarci dal gruppo assieme a due ragazze, con la scusa di andare a bere una cosa al bar accanto.

La prima è thai, di madre australiana, parla un inglese accademico e fa la cameriera, mentre l'altra è una studentessa di ingegneria all'università di viaggio vacanza Bangkok. Sandalo dà il meglio di sè, inanellando battute da Oscar in serie e stendendo le ragazze con due Long Island che avrebbero tirato giù un rinoceronte; le fanciulle tuttavia non cedono, e ci invitano a seguirle a una sorta di fiera della musica poco distante.

Al calare delle tenebre arriva il momento di visitare la zona A LUCI ROSSE di viaggio vacanza Bangkok, e specialmente la rinomata strada di SOI COWBOY: qui si trovano circa una decina di night, tutti molto simili, dove le ragazze si esibiscono alla lap dance, per arrivare fino ai più estremi gogo bar, nonché quelli più legati agli spettacoli erotici, dove, ci dice il Max..ha visto addirittura ragazze giocare a ping pong o sfornare piccoli animali dall'organo genitale… Rimaniamo allibiti da questi racconti, e proseguiamo il tour, non prima di aver consumato una buona cena; per l'occasione, scegliamo questa volta il ristorante Calderazzo, a Soi Langsuan, non lontano dal centro.

Il locale è davvero elegante, e abbina, come noi prediligiamo solitamente, una cucina italiana doc (perfetta per rimettere in sesto l'intestino ormai a pezzi) alla cucina locale; davanti a un bel piatto di strozzapreti, discutiamo col Max la prossima tappa. Passeremo senza dubbio al Poseidon, uno dei più grossi centri SPA della città, per poi dirigerci a Pat Pong, altra zona che unisce mercato del falso a basso prezzo, night clubs e moderne discoteche alla moda! Il tassista si divincola nel traffico, incredibilmente caotico anche di notte in questa torrida capitale, e ci lascia finalmente di fronte a quello che ci appare immediatamente come un vero e proprio tempio del sesso. Una volta entrati, la vista che si presenta ai nostri occhi ci lascia letteralmente di stucco; siamo di fronte a una platea intera di prostitute, suddivise in tre settori, di cui due riparati da una vetrata (anti-aggressione, probabilmente!): " Le dividono per tipologia - ci spiega il Millantatore - a sinistra normali, in mezzo tettone, a destra i ladyboy".

Ci sediamo sui divani in mezzo all'arena, sorseggiando una birra, e dando un rapido sguardo attorno: assieme ad altri turisti "ben capitati", siamo ovviamente presi di mira da diverse ragazze che, sotto la luce di veri e propri riflettori, ammiccano, salutano, richiamano l'attenzione e additano in continuazione per accaparrarsi il turista di turno! La situazione è quasi imbarazzante; il Max ci spiega che le ragazze sono assunte dal Poseidon, e lavorano e dormono lì a tempo pieno. Finiamo di consumare il nostro drink e ci dirigiamo a Pat Pong, lasciando campo libero a un vecchio di 75 anni appena arrivato, già in fase di passeggio lungo le vetrine ed acclamazione da parte dalla folla! Pat Pong si trova a una decina di chilometri di distanza da dove ci troviamo; è un quartiere molto commerciale, contraddistinto da un mercato centrale trafficatissimo anche la sera, costeggiato da night club di ogni tipo e dove si può trovare anche qualche locale normale, come per esempio lo Spicy, da non confondere col quasi omonimo Spice, molto più noto per altri motivi.

Cominciamo il giro notturno dei vari bar di viaggio vacanza Bangkok, dove una serie di loschi individui cercano di tirarci in tutti i modi in diversi centri massaggi non meglio specificati o locali di dubbia qualità, spacciandoli per il top di viaggio vacanza Bangkok: nonostante i nostri inviti ad andarsene, non c'è verso di scacciarli fino a quando non li segui nel bar da loro consigliato. Il nightclub tipico thailandese, che qui è considerato un normale locale di passaggio alla stregua di un pub, è sempre composto da una pista di lap dance centrale sovrastante il bancone e diversi divanetti circostanti dove contrattare i prezzi per gli show: il Max, da grande professionista del settore, continua ad esprimere il proprio disappunto scuotendo ripetutamente la testa, deluso dalla qualità della "merce": " Dovreste venire a Pukhet..o a Pattaya: li sì che notereste anche voi la differenza!"

Scoppiamo a ridere, ma l'unica cosa che obiettivamente notiamo è la bassa età di alcune ragazze; nonostante non sia legale far lavorare delle minorenni, alcune di loro hanno indiscutibilmente meno di 18 anni. Abbandoniamo la scena, raggiungendo finalmente lo Spicy, non prima che Sandalo faccia ovviamente man bassa di collane e bracciali di Tiffany tarocchi per fidanzate e amanti varie; nonostante siano infatti dei falsi, sono obiettivamente prodotti davvero bene.

Posti da visitare

Wat Pho, fiume Chao Pharaya, Grand Palace o Wat Phra Kaew, Siam Center, MBK, Chainatown, tempio Traimit, Khao San Road, Soi Cowboy, Pat Pong.

Dove cuccare

Bed Supperclub, Q Bar, Thonglor, Ekkamai, Caf- Democ, The Club, Immortal and Lava Club, Twilo, Lucifers, Funky Dojos, Luminous, Tapas and Breaks, Slim/Flix, Route 66, JazzIt and Inch, Fogo Vivo.

INCONTRA DONNE VOGLIOSE
bakekaincontri_mobile

Bella panoramica!

La vita è un panino: ciò che conta è quello che gli metti dentro.

Incontra ESCORT e TRANS nella tua città
escort_forumit
  • 1 di 1
  • 1
Escortadvisor bakekaincontri_right itaincontri_desktop Escort Direcotory Escort forum escorta Escortime moscarossa_right Andiamo_desktop_right La_suite_home Felina_Barcellona_home Felina_Valencia_home Lounge_destra Oceano_home wellcum_right bacheca massaggi
Logo Gnoccatravels

Stai per entrare in una sezione vietata ai minori di anni 18 che può contenere immagini di carattere erotico, che tratta argomenti e usa un linguaggio adatto a un pubblico adulto. Se non sei maggiorenne esci immediatamente cliccando ESCI. Se non ritieni il nudo di adulti offensivo alla tua persona e se dichiari di essere maggiorenne secondo la legge dello stato in cui vivi e se, entrando nel sito, accetti le condizioni di utilizzo ed esoneri i responsabili del sito da ogni forma di responsabilità, allora puoi entrare in Gnoccatravels!

Gnoccatravels.com tutela e protegge i minori e invita i propri utenti a segnalare eventuali abusi, nonchè ad utilizzare i seguenti servizi di controllo: ICRA – Netnanny – Cybersitter – Surfcontrol – Cyberpatrol

Contenuti ed immagini qui presenti, sono stati ottenuti attraverso internet, quindi sono ritenuti di dominio pubblico, od autorizzati dagli interessati medesimi. Gli inserzionisti di Gnoccatravels.com dichiarano che gli scopi della pubblicazione richiesta sono leciti (secondo le vigenti normative in materia penale) e strettamente personali, quindi esentano i gestori del sito da ogni responsabilità amministrativa e penale eventualmente derivante da finalità, contenuti e azioni illecite, nonché da usi illegittimi e/o impropri della pubblicazione medesima.

Scegliendo ACCETTA ED ENTRA, l'utente dichiara di essere maggiorenne e di esonerare totalmente i fornitori del servizio, proprietari e creatori del sito Gnoccatravels.com dalla responsabilità sul contenuto degli annunci/inserzioni pubblicitarie e del loro utilizzo.

SONO MAGGIORENNE ESCI