Cambodia&Bkk for newbies ..like me

Cari colleghi, patrioti

Vi leggo da mesi e molto più attentamente da qualche settimana, da quando, complice un recente fallimento amoroso, sono ritornato a coltivare due vecchie care passioni, il viaggio in solitario ed il viaggio di piacere in solitario…

Meta agosto 2017, la grande vecchia Indocina, Vietnam e Cambogia con puntata obbligata a Bangkok.

Premetto che sono un viaggiatore appassionato, che ama partire con zaino in spalla e girare questo folle triste mondo che il padreterno, budda, vihsnu o salcaz ci ha donato e lo fa con passione, e che con la stessa passione cerca di cogliere tutte le sfumature socio-culturali dei luoghi che visita.

Detto ciò, non ho argomentazioni a condividere sul Vietnam, l’ho girato da Hanoi al delta del Mekong ma memore anche delle ottime recensioni dei colleghi GT onestamente mi son dedicato solo ai miei giri turistici, senza approfondire alcunchè, non notando comunque situazione degne di particolare nota.

Il vero divertimento per me è iniziato in Cambogia. Arrivo a Phnom Penh via boat sul Mekong, visito la città e nei miei appunti di viaggio ho già segnato le street da frequentare la sera. L’albergo è un po’ fuori mano e come mai ho fatto in Vietnam, su consiglio di gente locale, la sera decido di farmi scorazzare dai tuk tuk, evitando di camminare in strade buie dove la sicurezza non è qui così garantita.

Arrivo in centro, vicino all’Old Market e qui faccio una breve perlustrazione delle stradine del peccato (street 110-130-136 in particolare); situazione interessante, non grande quantità e qualità ma osservando da fuori questi ameni go-go bar e resistendo alle sirene delle dolcezze locali tiro dritto e decido di mettere qualcosa sotto i denti prima di rituffarmi in queste onde.. e qui invece che si crea una di quelle situazioni, che onestamente mai avevo vissuto fin ora. Sul lungofiume ci sono una serie di bar/restaurant dove bere e mangiare, mi siedo in uno di questi (credo si chiamasse Riverside) e ordino qualche moijto e un fish amok, specialità locale. Nelle mie serate solitarie mi tengo compagnia con un buon libro caricato sull’i-phone via kobo e proprio quest’aria da lupo solitario, occidentale, evidentemente stimola una cameriera ad avvicinarsi. Solite domande di rito, che fai qui, di dove sei etc.. penso sia una chiacchierata di cortesia e invece le classiche espressioni paraverbali (lo so, sembro coglione ma queste minchiate a volte son vere..) mi portano a capire che la signorina ci sta proprio provando… comincio ad entrare in clima partita e dopo quattro minchiate le chiedo a che ora stacca e cosa fa dopo, se vuol prendere qualcosa insieme, tipo un wurstel tricolore. Lei mi dice che se non rientra a casa deve avvisare la mamma che sennò si preoccupa e io le dico che questa telefonata forse è proprio il caso che la faccia.. Morale, aspetto che finisca, beviamo un paio di mojito in un altro bar e lì le sparo subito un linguino in bocca per sondare il terreno, e lei ricambia più che volentieri. A quel punto non c’è da perdere altro tempo, la invito in hotel per farle vedere la mia collezione di farfalle così prendiamo il tuk e tuk e voliamo in albergo, voliamo per modo di dire perché il driver rincoglionito sbaglia dieci volte strade e io che ero carico come un toro inizio a bestemmiargli dietro in aramaico.. la porto su e andiamo dritto al sodo. Prestazione discreta, lei molto sulle sue, no rai2 no cim, ma comunque dopo 10 giorni di Vietnam ci voleva proprio. Mattina le do 30 USD per il taxi, ci scambiamo il numero, le prometto che a dicembre tornerò, e lei ancora oggi mi messaggia con cuori e amori…
Perché l’ho rimorchiata? Perché Phnom Penh è un posto poco turistico e le ragazze sperano/sognano il ragazzo occidentale che magari ci casca e le porta via da lì.. ne ho viste tante di coppie miste in quei bar, con tope decisamente migliori della mia.

Consiglio per GT. Non è una gran meta per trombare in assoluto, ma se si vuol passar di lì per turismo ( e secondo me una giornata merita), allora provate prima l’approccio free.. poi eventualmente ci sono le streets su citate. Mentre scambiavo il numero ho visto che l’è arrivato un messaggio di un certo Mark in inglese. Segno che non ero il primo, né l’ultimo. E come lei anche le altre sue colleghe..

Giorno dopo vado via e non posso ripassarla, da PP bus per Siem Reap. Qui confermo ovviamente tutto quanto letto finora. E’ un posto da 2/3 milioni di visitatori anno per i magnifici templi di Angkor; Pub street la sera è carina, piena di gente e locali, ma nulla di autoctono da esplorare, al massimo un paio di pub dove provare a rastrellare a tarda serata qualche turista ubriaca marcia (Temple e Volo Bar su tutti).

Qui però gioco di tattica; affitto una guida per i due giorni successivi di visita ai templi e questo si porta dietro anche un ragazzo che ci fa da tuk tuk driver. Entro un po’ in confidenza con lui, gli faccio capire che se fa il bravo alla fine ci scappa un regalino e capisco che sarà lui il mio cavallo di TROIE.. A Siem Reap ci saranno mille guidatori di tuk tuk ma per farmi scorazzare in certi posti voglio un minimo di confidenza. La sera carburo un po’ per locali e poi incontro il mio driver che vedendomi allegro mi chiede: “opium? massage? Bum bum?”.. ecco, la terza va bene ma mi posso fidare?? Le sue pupille ovviamente si illuminano di un verde dollaro e mi accompagna in un posto isolato, un bordello in campagna che se avessero voluto neanche con i cani molecari mi avrebbero più ritrovato. Prima di andare mi faccio dire il prezzo e qui purtroppo viene la nota dolente della Cambogia. Il rial non vale un cazzo e la vera moneta corrente è il Dollaro americano, e le tariffe seguono di conseguenza il tasso di inflazione occidentale. Morale, per un ST mi spara 80 USD, più 10 USD il letto in una squallida guesthouse nei paraggi. Prendo su una ragazza che avrà avuto una ventina d’anni, la meno peggio rispetto agli altri pozzi ginori che mi passano in rassegna. Ma la situazione del giorno prima mi aveva acceso il lume e così partiamo all’avventura. Un’avventura molto deludente. La ragazzina appena sfiorata comincia a gemere manco fossi ron jeremy; avrà avuto una vita grande quanto il mio quadricipide e passiva come una troia…. Me la lavoro un po’ con sigle canoniche e poi mi esprimo.. anche perché quel posto non è che mi lasciasse così tranquillo. Ma va bene così, nessun rimpianto, nessun rimorso.

Le sere successive il mio amico cambogiano prova a riportarmi lì ma gli dico che per farmi una scopata del genere a quasi 100 USD preferisco un buon vecchio lavoro di mano. Anche perché Bangkok mi aspetta.

E qui devo tutti i miei ringraziamenti a voi per le ottime illuminanti recensioni, sbarcato a BKK per la prima volta mi sembrava di esser stato qui da una vita.

Non mi dilungherò troppo aggiungendo particolari a voi stranoti se non qualche dritta per newbies come me.

Io ho bazzicato principalmente Soi 4 in Sukhumvit. Hotel in Sukhumvit Soi 11 (Salil Hotel- buon livello, 40€ a notte guestfriendly); onestamente non sono un amante di go go bar stile Nana Plaza, preferisco più situazioni di finto-semi dialogo o di finto-banale rimorchio. Prima e terza sera barfinato 2 girls bar all’Hillary 2 per 3000 bath LT (+ 500 barfine); ma la serata è andata come piaceva a me, drink, risate con le tipe che erano molto socievoli e con un ottimo inglese, serata disco all’Hillary 4 e poi al disco Lounge difronte (buona situazione black per chi piace il genere, non so i prezzi ma ragazze che meritano).

Seconda sera invece vado dritto all’Hillary 4 perché la prima sera avevo adocchiato una freelance spettacolare, ma ero con l’altra ragazza e così ho passato. Entro, la cerco ma non c’è. E’ qui che compare davanti la mia dea. Alta su 1,75, un sorriso da sturbo. Le sorrido, mi sorride. E’ lei! E’ così bella che quando andiamo in disco la gente si gira a guardarla.. e io mi sento un cazzo di Ryan Gosling…

Ci dirigiamo verso la Disco Insanity. Ottima situazione, livello freelance molto alto, anche se in mezzo tutto quel marasma non so quanto valga la pena per freelance, meglio qualche disco più piccola e con più possibilità di scelta.

La mia lady la porto a casa per 3000bath LT ma tra i tremila drink offerti a lei e alla sua amica che si portava dietro come un cagnolino mi sarà costata un patrimonio. Prestazione ottima, mentre facciamo la doccia insieme le metto un ditino dietro e sento che il cantiere è aperto, oh se è aperto.. così lei mi dice “do you like it?” e la mia risposta è un bestemmione che si sarà alzato anche il buddha reclinato del Wat Pho.

Così ci do dentro e le vengo dietro nella doccia con applauso del pubblico . Torniamo a letto, erano le 5 ormai e ci abbandoniamo sfatti. La mattina solo per capire se era tutto vero alzo la coperta e vedo lei che dorme nuda con un culo che mai più probabilmente rivedrò. E che riassaggio per l’ultima volta.

Finisce così il mio viaggio con una sola, ferma convinzione. Bangkok è il fottuto posto più arrapante del mondo. Le Thai poi sono al limite della follia pelvica e ora capisco, comprendo e stimo.. chi qui ci lascia la testa. Perché dopo una settimana io sono ancora lì ma lì a breve tornerò…

Un caro saluto

P.S. un saluto particolare a @mickeyrourke, i tuoi racconti sono una fonte inesauribile di suggerimenti per prossime mete di viaggio. Thanks

Guarda Foto e Video di ESCORT e TRANS porche nella tua città
  • 1 di 1
  • 1
Logo Gnoccatravels

Stai per entrare in una sezione vietata ai minori di anni 18 che può contenere immagini di carattere erotico, che tratta argomenti e usa un linguaggio adatto a un pubblico adulto. Se non sei maggiorenne esci immediatamente cliccando ESCI. Se non ritieni il nudo di adulti offensivo alla tua persona e se dichiari di essere maggiorenne secondo la legge dello stato in cui vivi e se, entrando nel sito, accetti le condizioni di utilizzo ed esoneri i responsabili del sito da ogni forma di responsabilità, allora puoi entrare in Gnoccatravels!

Gnoccatravels.com tutela e protegge i minori e invita i propri utenti a segnalare eventuali abusi, nonchè ad utilizzare i seguenti servizi di controllo: ICRA – Netnanny – Cybersitter – Surfcontrol – Cyberpatrol

Contenuti ed immagini qui presenti, sono stati ottenuti attraverso internet, quindi sono ritenuti di dominio pubblico, od autorizzati dagli interessati medesimi. Gli inserzionisti di Gnoccatravels.com dichiarano che gli scopi della pubblicazione richiesta sono leciti (secondo le vigenti normative in materia penale) e strettamente personali, quindi esentano i gestori del sito da ogni responsabilità amministrativa e penale eventualmente derivante da finalità, contenuti e azioni illecite, nonché da usi illegittimi e/o impropri della pubblicazione medesima.

Scegliendo ACCETTA ED ENTRA, l'utente dichiara di essere maggiorenne e di esonerare totalmente i fornitori del servizio, proprietari e creatori del sito Gnoccatravels.com dalla responsabilità sul contenuto degli annunci/inserzioni pubblicitarie e del loro utilizzo.

SONO MAGGIORENNE ESCI

SHARE