amoreriusciamo

Engineer2013

EscortimeAlfamedic_M1

Commenti

Engineer2013
Silver 36-50
14/10/2021 | 05:04

  • Like
    0

Guten morgen!
Grazie a un lavoro di "intelligence" sono riuscito a organizzare un week-end in NRW con un mio amico GT "storico": questo fine settimana, dal 15 al 17 ottobre, sarò sul campo per rendere questo autunno "caldo" e frizzante.
Ovviamente vi aggiornerò, se riesco anche in tempo reale.
Pensavo di fare venerdì "doppietta" Bernds+Prime, sabato Babylon e domenica un posto mai visto: a quest'ultimo proposito avete qualche feedback recente sul Saunaclub Venus situato a Hamminkeln? Oppure qualche altro locale da suggerire diverso dal Samya e sempre in zona Colonia/Dusseldorf...
Grazie a chi vorrà rispondere.
Tschuss

Engineer2013
Silver 36-50
28/09/2021 | 05:56

  • Like
    0

@bagascia ehilà! Sì, anche al Maxim tutto ok. Ho preferito evitare di scrivere per vari motivi, tra cui il poco tempo a disposizione. Un saluto

Engineer2013
Silver 36-50
28/09/2021 | 05:53

  • Like
    0

GRAZIE a tutti!
@sevenbysevenbyseven non sono mai stato in Brasile (purtroppo!) e quindi non posso fare paragoni. Negli USA sì, ma solo per il free. Comunque grazie per il suggerimento: se prima o poi riuscirtò a organizzarmi -Coviddi permettendo- farò una visita nei posti che mi hai detto.

Engineer2013
Silver 36-50
21/09/2021 | 18:36

  • Like
    0

@berluscamen Il Babylon su tutti. Vedi come ti trovi il primo giorno e poi decidi se bissare oppure no. Considera che la line-up cambia abbastanza spesso in questi posti, specie in questo periodo. Io per primo non ho trovato le stesse tipe di luglio. Al Babylon, tuttavia, alcune perle le trovi sempre. Vai e fammi (facci) sapere. Saluti

Engineer2013
Silver 36-50
21/09/2021 | 18:33

  • Like
    0

@neeskens GRAZIE davvero, mi sento quasi a disagio nel leggere tutto quello che hai scritto nei miei confronti. Anche a me piacerebbe poter condividere insieme una giornata in fkk per scambiarci opinioni/consigli: chissà, una volta o l'altra riusciamo a organizzarci!
Nel frattempo, ti rinnovo la gratitudine per quanto detto sul mio conto: la parte che mi descrive meglio è "Descrizioni meticolose, ironia e sensibilita'". Come detto più volte, se non avessi fatto l'ingegnere avrei intrapreso la carriera dello scrittore/giornalista.
AD MAIORA!

Engineer2013
Silver 36-50
21/09/2021 | 18:28

  • Like
    0

@troiaccia_eva ti ringrazio dei complimenti, troppo buono!
Mi sarebbe tanto piaciuto aggregarmi ma in quel periodo per me è davvero difficile programmare viaggi per via delle scadenze di fine anno. Nel caso, comunque, ti scrivo in privato. Buone scopate comunque

Engineer2013
Silver 36-50
21/09/2021 | 05:52

  • Like
    4

(Forse) il Golden Time ha il suo erede: cronaca dell’ultima giornata della pazza estate dell’Ingegnere

FKK Babylon - venerdì 3 settembre 2021 - Recensione di Engineer2013
COSTO INGRESSO: 75 euro tutta la giornata (bevande alcoliche comprese). Previsto un sistema di tariffazione progressiva in caso di permanenza per un numero ridotto di ore: 10 minuti gratis, fino a due ore 55 €, fino a quattro ore 65 €, giorno del compleanno 40 €
COSTO CAMERA ed EXTRA: 60 euro la prima mezz’ora. Un’ora 110 euro, due ore 210 euro. CIM 35 euro. Lesbo show 25 euro cadauna. Anal a discrezione delle operatrici (prezzo non richiesto).
COSTO e LUOGO PERNOTTAMENTO: struttura in Colonia a circa 30 euro la notte (solo dormire, niente colazione). Viaggio in aereo a/r con Ryanair.
RAGAZZE PRESENTI: Contate una trentina, livello medio-alto, un paio di top, almeno tre intrombabili. Presente una buona varietà di etnie (Germania, Polonia, Ungheria) ma con la consueta prevalenza di “made in Romania”
SITO INTERNET DEL LOCALE: https://www.saunaclub-babylon.com/

3/9/2021: BABYLON ATTO II°
Con colpevole ritardo, dovuto a una serie di impegni che si sono accavallati al rientro dalle ferie, scrivo questa recensione la quale chiude quella che ricorderò come la mia estate più pazza di sempre: tre fine settimana tra la Germania e il Globe (v. recensioni) e due in Ticino al Maxim (dove volutamente non ho pubblicato alcunché). Il mio conto corrente ringrazia commosso! Il titolo del mio scritto può sembrare d’effetto per chi come me ha letteralmente adorato il GT in quel di Brüggen: tuttavia, come avrò modo di illustrare più avanti, con un paio di modifiche al concept il Babylon ha tutte le carte in regola per prendere il posto di quello che è un (rectius, IL) locale rimasto nel cuore di molti di noi puttanieri della Vieille Garde. Personalmente, lieto di sbagliarmi, credo che quando riaprirà il GT sarà molto diverso da come lo abbiamo conosciuto: per natura sono poco incline ai sentimentalismi nostalgici ma nel caso di specie credo proprio che dovremo farcene una ragione e guardare oltre.
Avendo già descritto il locale, mi soffermerò sull’argomento più caro a tutti noi: la figa, in tutte le sue sfaccettature. Nelle conclusioni darò spazio, per chi avrà voglia di leggerle, ad alcune mie riflessioni su come ho visto cambiare questo mondo da quando lo frequento (2009) e su quali potrebbero essere gli scenari futuri alla luce del Coviddi. Let’s go!

LOCALE
Rispetto alla scorsa volta ho trovato la stessa pulizia impeccabile, quasi ai livelli del GT. Qui non sono previsti accappatoi: magari questa cosa in inverno può essere un limite per via delle temperature più inclementi. Oltre alla varie birre comprese nel prezzo e al buffet ricco e vario, segnalo che quel giorno avevano previsto per cena, su prenotazione gratuita, un filetto al pepe verde servito su pietra ollare con tanto di patatine fritte davvero squisito (l’ho letteralmente divorato!). Un piatto del genere, almeno in Italia, non sarebbe costato meno di 25/30 euro in un ristorante: davvero complimenti alla gestione del Babylon, questo sì che si chiama fornire un valore aggiunto al cliente. Per il resto vi rimando alla scorsa recensione.

GIRLS
Arrivo che sono le 11,05: praticamente all’apertura! In realtà sarei dovuto arrivare a destinazione circa dieci minuti prima ma complice un errore sullo svincolo da prendere (le autostrade che ho percorso nei tre giorni passati in Germania erano piene zeppe di lavori in corso con annesse deviazioni e percorsi temporanei) parcheggio che il locale ha già aperto i battenti. Nonostante l’orario, noto che le auto già presenti sono davvero tante: fatico non poco a trovare un pertugio per il mio bolide preso a noleggio. Suono il campanello e una volta varcata la soglia d’ingresso ecco la prima sensazione positiva, foriera della giornata che trascorrerò lì dentro: mi sembra quasi di essere tornato “a casa”, in un posto cioè dove non ci si sente a disagio o spaesati. Non posso non notare un folto gruppo di avventori già in tenuta da combattimento e una discreta fila alla cassa per pagare il biglietto di ingresso al “luna park per adulti”. Nel mentre ho una vera e propria visione: trattasi di Dolly, già testata con ampia soddisfazione la volta scorsa. Ci sorridiamo e salutiamo a vicenda con la mano: lei, sono appena le 11,10, è già impegnata con un collega straniero… ça va sans dire! Poco male, attenderò paziente e nel frattempo mi lancio alla scoperta di nuovi obiettivi “sensibili”: tra i culi…ehm… i volti nuovi faccio la conoscenza, seduto sul divano all’esterno di fronte alla piscina, di Tinea. Quel giorno è una delle top lì dentro per bellezza estetica: tette naturali e generose (una terza abbondante, ndr), rumena di Cluj Napoca, assenza di tatuaggi, alta non meno di 1,75 mt. senza tacchi, capelli lunghi castano chiari, bel fisico da universitaria non svaccata, trucco appena accennato, nuova -almeno così mi riferisce- del mestiere. Ha tutte le carte in regola per essere portata in stanza ma…si perde nell’intervista sparandomi 25 € per il bbj. Sic! L’atteggiamento scarsamente empatico nei miei confronti durante il social time completa il quadretto tutt’altro che idilliaco, tanto da farmi desistere: peccato perché la materia prima c’era tutta ed era di ottima qualità. Per la cronaca durante tutta la giornata farà sempre tappezzeria, eccezion fatta per un tipo abbastanza in là con gli anni che la porterà in camera. Altra conoscenza, praticamente “al volo” mentre sta per entrare nello spogliatoio delle fanciulle che si trova vicino alle slot machine è con Bella: bionda, alta almeno 1,70 senza tacchi, capelli biondi corti e ricci (modello Betty Boop per intenderci), fisico piacevolmente armonioso anche se non tonico. Mi saluta con un sorriso e con passo felpato si dilegua varcando la porta della stanza off-limits per noi maschietti e nella quale ho sempre fantasticato di poter entrare. Ma di Bella parlerò più avanti…
Dopo aver messo sotto i denti qualcosa e aver effettuato le abluzioni di rito, sono pronto per la mia camera con Dolly: parliamo qualche minuto sui divanetti nella sala principale dove c’è il maxischermo e alle 13 in punto prendiamo la chiave per andare nella stanza numero 1 (in tutti i sensi) della giornata: alla fine saranno ben 120 i giri di lancetta durante i quali ho vissuto emozioni e sensazioni che pensavo erroneamente di aver perso nei meandri del cassetto dei ricordi sbiaditi dal tempo. Si è trattato di una sessione totalizzante: vi basti sapere che abbiamo fatto quasi un’ora di petting come ai bei tempi delle superiori. Nella seconda metà, lo dico senza remora, la fanciulla non si è risparmiata e abbiamo concluso con un cim accompagnato da un mio urlo liberatorio di piacere che credo abbiano udito sino in paese. Che dire: una delle migliori scopate della mia vita, senza “se” e senza “ma”!

DOLLY: bellezza 8,5 (bonus di 0,5 per la mancanza di silicone) / partecipazione 10 (puro GFE) / fucking expertise 9 (bbj davvero particolare)

Mai come questa volta uscire dalla camera mi pesa tanto ma…è giusto così: alla fine lì dentro è tutta finzione e questo un gioco tanto bello quanto eccitante a patto di non lasciarsi sopraffare da pensieri pseudo-romantici et similia. Saldo il dovuto e ognuno per la sua strada: “The show must go on”, cantava l’immenso Freddie Mercury.
Doccia, sauna e altra doccia per rilassarmi e recuperare un po’ di energie: mi tracanno due birre Radler con gusto e nel mentre cerco di studiare la situazione. Nessun ricambio sostanziale di fanciulle (male) ma solo un paio di innesti niente male: tra queste una milf bionda non molto alta che mi prende in simpatia e mi tampinerà (in modo discreto e stuzzicante, comunque non fastidioso) per il resto della giornata. Avrei volentieri approfondito la sua conoscenza ma a un certo punto è sparita salvo poi ricomparire quando stavo per andar via: peccato!
Piccolo (ma utilissimo) trucco per neofiti del Babylon: vicino al buffet c’è una specie di scrittoio dove sopra c’è un foglio attaccato a una carpetta e dove le fanciulle segnano la stanza che stanno prendendo e l’orario. Se siete in grado di associare i nomi ai volti (ma soprattutto ai culi) delle operatrici sessuali questa cosa potrà tornarvi utile per conoscere se la vostra preferita al momento è occupata oppure quante camere ha fatto quel giorno. Ma soprattutto, lode alla trasparenza e alla correttezza teutonica, avrete la possibilità di controllare se l’orario scritto è corretto (di fronte c’è un grande orologio a lancette) e, nel caso, contestare al momento quanto scritto. Deutschland über alles!
Quando mancano pochi minuti alle 17 ritrovo Bella libera: mi siedo su uno dei divanetti vicino alla poltrona singolo rossa a forma di scarpa con il tacco. Intervista di rito, a differenza della sua connazionale Tinea non chiede extra particolari. Lei è della Transilvania, sui 23/24 anni, leggerissimamente strabica, indossa calze nere a rete (che non ha tolto in camera), seno una terza naturale, diversi tatuaggi sul braccio: mi convinco a portarla in stanza. BINGO!!! La scelta di rivela azzeccata perché la peripatetica de qua ha un asso nella manica non da poco: mentre sta eseguendo un eccellente bbj mi chiede se può usare l’olio per i massaggi. L’olio??? Acconsento perché la situazione sta diventando per me molto eccitante e sono curioso di vedere dove vuole arrivare la draculina. Detto, fatto: in pratica mi cosparge un po’ di olio su tutta la zona scrotale, alternando con la bocca leccate e succhiate alle palle al bbj sull’asta. La sua lingua è letteralmente impazzita, fuori controllo: nonostante non sia la mia prima sessione, fatico non poco a non venire e così passiamo a varie posizioni sul primo canale RAI. Qui noto che a lei non piace essere scopata con forza ma gradisce un approccio più soft: l’accontento anche perché ho ancora la mente annebbiata dalla sua tecnica particolare. Il naturale epilogo di questa camera non può che essere con un cim dove lei, dopo la mia fragorosa venuta, continua a eseguire con grande spirito di commitment il lavoro per il quale -previo accordi- sarà retribuita. Se devo trovarle un difetto, direi che è leggermente ossessionata dal tempo nel senso che è attenta a non sforare la mezz’ora. Ma dopo un lavoro di bocca del genere, ci passo sopra volentieri. La sconsiglio per sessioni lunghe anche perché resistere molto tempo al suo bbj è davvero un’impresa difficile.

BELLA: bellezza 8 (bonus di 0,5 per la mancanza di silicone) / partecipazione 8 (malus di 0,5 poiché soffre le scopate energiche) / fucking expertise 9,5 (il suo bbj con olio è un’autentica chicca)

Saldo il dovuto, senza mancia perché è scivolata sull’ossessione dell’orario, e ci salutiamo con un bacio stile liceali sotto gli occhi increduli/divertiti/arrapati di diversi clienti.
Faccio la conoscenza del proprietario, un tipo a metà strada tra Enrico Ruggeri e l’ex inviato de “Le Iene” Marco Berry, e il cui nome -vado a memoria- è Andy: mi si avvicina e mi chiede (prima in tedesco e poi in inglese) come sta andando e se mi sto trovando bene nel club. Gli rispondo, dicendogli realmente ciò che penso, che il posto mi piace davvero tanto e che non mancheranno altre visite. Mi sorride, mi dà una pacca sulla spalla e si congeda: questa cosa fa aumentare nella mia mente la valutazione complessiva del Babylon perché, eccezion fatta per il Globe a Zurigo, mai nessun proprietario mi aveva chiesto un parere sul locale. Continuo il giro delle conoscenze: Carla, bionda ROM di Bucarest. Ha una coda di cavallo importante, bel sorriso. No tatuaggi e mani curate ma senza unghie lunghe. Successivamente è il turno di Dany, bulgara di Plovdiv. Capelli tra il rame e il nero, piercing colorato sulla lingua. Bel fisico, sorriso un po' meno.
Ma…la mia mente ritorna spesso (e pericolosamente) al lavoro di bocca sopraffino di Bella. sono circa le 18,15 e mi riavvicino a lei per farle la mia “proposta indecente”: mezz’ora di solo bbj con cim. Lei accetta con un sorriso malizioso e viclean (furbo in rumeno, ndr) così fissiamo un appuntamento per le 18,50. Entriamo in stanza con precisione elvetica: prima un po’ di petting, daty e 69 per fare entrare in temperatura i motori, poi si passa alla specialità della casa. Nonostante sia già alla terza sessione della giornata, riesco a resistere non più di quindici minuti al suo lavoro di bocca sublime e magistralmente cadenzato: touché!
Stavolta l’ho vista più rilassata e certamente il feeling tra noi due è stato maggiore: resto tuttavia dell’avviso che la peripatetica in questione non sia portata per le maratone sessuali. Mezz’ora può comunque bastare per apprezzare in pieno le sue incommensurabili doti canore: per quanto mi consta, entra di diritto nell’Olimpo dei migliori bbj (con cim) da me ricevuti in oltre dieci anni di frequentazione di fkk e postriboli vari.

BELLA: v. sopra

Alle 19,35, dopo essermi docciato, è la volta del famoso filetto al pepe verde di cui vi ho parlato all’inizio della recensione: se ci ripenso adesso, me ne mangerei uno uguale all’istante!
Guadagno l’uscita quando mancano circa cinque minuti alle 20: un aeromobile Meg Ryan(air) mi attende per riportarmi nel Belpaese. Là fuori ancora tanta luce, un sole meraviglioso domina il cielo di Elsdorf: l’estate non vuole saperne di farsi da parte per lasciar posto all’autunno che pian piano si avvicina. Senza ulteriori indugi, imposto il navigatore alla volta di Kennedy Strasse (la via dell’aeroporto di Colonia/Bonn, ndr). Nel tragitto percorso in un traffico autostradale abnorme, il solito melting pot di stati d’animo si muovono vorticosi nella mia mente: oramai ci sono abituato, ma ogni volta è diverso. Neanche a farlo apposta, mi trovo a costeggiare il fiume Reno proprio mentre il sole sta tramontando: probabilmente il finale più bello nonché che la giusta chiosa alla pazza estate del vostro Ingegnere.

THE END, titoli di coda

CONCLUSIONI
Riguardo al club, questa seconda visita ha confermato in pieno le già ottime impressioni della prima volta.
L’unica area di miglioramento, a mio sommesso parere, resta il livello della line-up: attualmente si attesta su un voto medio di 7,5-8, con alcune punte di eccellenza ma anche parimenti delle insufficienze. Tramite qualche innesto mirato, magari variando l’etnia delle signorine, si potrebbe portare questo locale a svettare nell’attuale panorama degli fkk. Tutti gli altri aspetti quali pulizia, cibo, ecc. vanno bene così come sono. Rispetto a quello che resta il mio benchmark (il Golden Time dei bei tempi, ndr) il Babylon può aspirare senza “se” e senza “ma” a raccoglierne il testimone, a patto di agire sull’aspetto di cui sopra.
Archiviato il resoconto della giornata trascorsa in quel di Elsdorf, come scritto in premessa, approfitto di questo spazio per alcune riflessioni personali sul mondo degli fkk a distanza di oltre dieci anni dal mio “debutto” in questo variegato mondo. Correva l’anno 2010 quando per la prima volta varcai la soglia di un fkk: mi sentivo quasi a disagio davanti a tutta quell’abbondanza femminile (sensazione che poi si è persa poco dopo). Le mie esperienze nel campo del pay erano limitate al mondo dei massaggi emozionali e a quello delle loft: mi ero avvicinato all’universo degli fkk per via della curiosità indotta da alcuni contributi scritti dai colleghi su vari forum. Cercavo -e per certi versi cerco ancora oggi- quel quid pluris in termini di soddisfazione sessuale che solo una professionista del meretricio può (o dovrebbe, a seconda dei punti di vista) offrire. Questa ricerca mi ha portato, nella fase successiva, a spingere sempre più in alto l’asticella: ad esempio, ho imparato a classificare un pompino prendendo in considerazione una serie di fattori sui quali nel mondo del free non mi ero mai soffermato. Devo parimenti riconoscere che questa cosa ha avuto un impatto positivo anche nella mia vita di tutti i giorni visto che poi le nuove frequentazioni, al di fuori di questo mondo, hanno beneficiato della mia maggiore consapevolezza sulle varie sfumature che il mondo del sesso (e della sessualità) poteva assumere. Nel corso del tempo ho potuto osservare che ogni locale aveva una sua identità e in base a quella, di fatto, determinava la tipologia di clientela. Anche grazie ai tanti amici con cui ho condiviso questi viaggi mi sono divertito tantissimo: eh già, perché per quanto mi riguarda alla base di tutto c’è sempre stata (e c’è tuttora) la voglia di divertirmi estraniandomi per qualche giorno dalla quotidianità incolore. Sia chiaro, non tutto è andato alla grande e qualche missile l’ho preso anche io: ma alla fine la bilancia pende decisamente dalla parte delle cose positive. Con il Covid-19 ho dovuto prendere atto che questo “giocattolino” ha subito una serie di contraccolpi: tanti locali da me frequentati in passato come il PSR (purtroppo una sola volta) o il Golden Time hanno alzato bandiera bianca. La pandemia ha segnato una sorta di linea di demarcazione per quanto attiene gli fkk, con un prima e un dopo: alcuni dei locali che hanno riaperto hanno cambiato pelle (v. il Samya), peggiorando la qualità delle prestazioni e facendo venire meno quella magia che li aveva contraddistinti (v. Sixsens). La colpa, come sempre in questi casi, è di tutti e di nessuno: il fatto di restare fermi per più di un anno ha spinto tanti colleghi a ridurre le pretese nella smania di recuperare il tempo perso. Le ragazze dal canto loro non se lo sono fatte ripetere due volte e hanno abbassato il livello delle prestazioni e/o aumentato le tariffe anche incattivite dal non aver lavorato con regolarità durante il lockdown. Ma allora, e concludo, vale ancora la pena fare più di mille chilometri prendendo aerei, auto a noleggio e hotel per una decina di trombate ¬-in media- durante l’arco di un fine settimana? La mia risposta è: dipende! Se, come chi scrive, prendete queste occasioni al pari di un city-break attribuendo un valore che non ecceda quello per cui realmente sono pensate (“lussuriose evasioni”, parafrasando Battisti) allora vi sollazzerete non poco. Viceversa caricando eccessivamente di significato queste trasferte, cercando magari di emulare pedissequamente quanto fatto da chi vi ha preceduto nell’effimera convinzione di poterne ripetere le gesta, vi esporrà a delusioni cocenti nonché a uno stato di non piena soddisfazione latente. Carpe diem è il filo rosso che tiene legate -e continuerà a farlo- tutte le mie esperienze maturate negli fkk.

Mi auguro di non avervi annoiato nemmeno stavolta.

Augen zu und durch
Auf wiedersehen!

Engineer2013
Silver 36-50
21/09/2021 | 05:45

  • Like
    1

@Fireblade ciao carissimo! Hai ragione, ho avuto una serie di "grane" lavorative da risolvere. Nel mio lavoro, arrivato settembre (e fino a dicembre) sembra che si sveglino tutti dal letargo estivo per rompere gli zebedei al sottoscritto. La recensione l'ho appena pubblicata: buona lettura

Engineer2013
Silver 36-50
10/09/2021 | 11:10

  • Like
    0

Tra oggi e domani vedo di pubblicare la recensione relativa all'ultimo giorno trascorso al Babylon...stay tuned!

Engineer2013
Silver 36-50
06/09/2021 | 06:28

  • Like
    1

Ecco alcuni scatti "rubati" durante la mia visita al Prime:IMG_20210902_152738.jpgIMG_20210902_152759.jpgIMG_20210902_191951.jpgIMG_20210902_193609.jpgIMG_20210902_225024.jpg

Engineer2013
Silver 36-50
06/09/2021 | 00:08

  • Like
    2

E venne anche la volta del Prime, un locale dalle enormi potenzialità ma poco sfruttate: il racconto di una piacevolissima giornata in quel di Velbert.

FKK Prime - giovedì 2 settembre 2021 - Recensione di Engineer2013
COSTO INGRESSO: 25 € (dalle 10 alle 13 oppure dopo le 21, durante la settimana. Nel fine settimana dalle 10 alle 14 oppure dopo le 23), altrimenti 40 €. In ogni caso davvero una tariffa low-cost
COSTO CAMERA ed EXTRA: 40 € la prima mezz’ora servizio base (no fk, no bbj), di fatto 50 € mezz’ora con fk e bbj. CIM a 30 euro, COB 20 euro. Anal non chiesto come tariffa.
COSTO e LUOGO PERNOTTAMENTO: struttura in Colonia a circa 30 euro la notte (solo dormire, niente colazione). Viaggio in aereo a/r con Ryanair.
RAGAZZE PRESENTI: quindici circa, tutte rumene. Tre top, almeno cinque intrombabili. Cellulite e zingarame contenuti.
SITO INTERNET LOCALE: https://www.fkk-prime.de/

2/9/2021: PRIME ATTO I°
Dopo la giornata non esaltante di ieri, per il secondo giorno la scelta quasi obbligata ricade sul Prime (ex Acapulco): il sole splende e la temperatura è molto piacevole. Se il buongiorno si vede dal mattino…
Arrivo in sede a mezzogiorno, meno di dieci auto già presenti: il locale sorge in una zona periferica di Velbert, tra officine e capannoni industriali. Arrivando dalla strada principale, sulla sinistra, mi colpisce la presenza di un chioschetto con il nome “Alberto’s” che campeggia in azzurro su sfondo bianco: desumo che si mangi bene visto che lo vedo piuttosto affollato. Il club non è ben segnalato sulla strada a scorrimento: tuttavia una volta girato a destra, provenendo da Velbert, si vede sulla sinistra un’insegna abbastanza grande che porta a una salita che è necessario percorrere prima di arrivare a destinazione. Di seguito il resoconto della giornata.

LOCALE
Premetto che non ero mai stato all’Acapulco, quindi le mie considerazioni sul locale fanno riferimento esclusivamente a quanto visto nella giornata di oggi.
Il posto è immerso in un bosco, cosa che lo rende molto suggestivo. Suono il campanello e mi viene sùbito aperto: all’ingresso è presente una signora sulla cinquantina che non parla inglese. Chiama in soccorso un’altra dello staff più giovane che mi illustra per bene tutto. Controllo scrupoloso del passaporto vaginale..ehm…vaccinale. Pago 25 euro per via della promozione: segnalo che anche qui è presente un bancomat all’interno. Il posto è nuovo, asciugamani a disposizione senza limiti. Il personale molto gentile e cortese. Pulizia buona ma un gradino sotto rispetto al Sixsens. Cibo sufficiente: per il prezzo che si paga, tuttavia, non ci si deve assolutamente lamentare. Sono comprese le bevande analcoliche, per le quali ci si può servire da soli da tre distributori (almeno tanti ne ho contati io) presenti nel locale. A pagamento le birre e i cocktail: a titolo di esempio un Vodka&RedBull costa 9 euro. Il Prime si articola praticamente su un unico piano: davvero eccezionale questa cosa perché permette di non dover fare tutte le scale che invece mi sono dovuto sorbire il giorno prima. Armadietti, sufficientemente capienti, classici con la chiave: quest’ultima viene utilizzata per aprire anche le cassette di sicurezza presenti in fondo a destra nell’ampia sala bar. Ripeto, tutto è nuovo (divanetti, armadietti, divani, ecc.) e trasmette una sensazione di curato. Solo i bagni, ne ho contati tre, mi sono sembrati insufficienti rispetto non tanto alla clientela di quel giorno quanto piuttosto alla superficie complessiva. Presenti due saune: una praticamente di fronte alla sala principale e l’altra -da me utilizzata- al piano superiore. Salendo una piccola rampa è presente un giardino con due docce all’aperto oltre a divanetti e sdraio per abbronzarsi: la giornata odierna dal punto di vista meteorologico presentava una temperatura ideale oltre a un sole splendido tipicamente estivo. Personale del club gentile e cortese. Possibilità di fare i massaggi a pagamento con una cinesina oversize. La domenica e il lunedì c’è il BBQ in terrazza.

GIRLS
Al mio arrivo sono presenti tre sole ragazze, tutte inguardabili ma soprattutto inchiavabili. La prima impressione è che questo posto possa (rectius, debba visti anche gli investimenti per rimodernarlo) ospitare un numero maggiore di fanciulle e di clienti. In realtà, nel corso della giornata, non vi sarà alcun turnover delle operatrici sessuali mentre i clienti si alterneranno ma resteranno comunque abbastanza stabili come numero complessivo. È un gran peccato, perché con un locale del genere si potrebbero fare “numeri” (in tutti i sensi) ben più elevati. Ma tant’è…
La mia prima conoscenza è con Carmen: rumena, vita stretta, seno non pervenuto. Staziona sul secondo divanetto a sinistra appena si entra nella main room: gentile nell'approccio ma niente fk nè bbj. In compenso, mi ha detto che potevo baciarla sul corpo...ha ha ha
Aspetto paziente che la situazione si evolva e… il mio atteggiamento viene premiato ancora una volta! Faccio la conoscenza di Ana: rumena di Costanza, 26 anni. Bionda, tatuaggio con data di nascita dei genitori in numeri romani oltre a un altro tatuaggio con una "D" rovesciata sulla parte superiore della chiappa sinistra. Sosta sull'ultimo divanetto in fondo (per intenderci dove ci sono i due bagni per “herren” e “damen”). Alta 1,65 senza tacchi. Bel viso da bambolina ma espressivo. Tendenzialmente corretta, abbastanza attenta al condom se è ben messo. Mezz'ora 50 € con fk e bbj. Viste le sue notevoli “doti canore”, ho usufruito del cim al costo di 30 €. Va cavalcata selvaggiamente, anche se non si lascia andare al 100%. Dopo la mia venuta mi propone per dopo un threesome con la sua connazionale bionda che poi scoprirò chiamarsi Emily. La sessione inizia alle ore 13,55 nella stanza 14 e termina allo scadere della mezz’ora.

ANA: bellezza 9 (una delle tre TOP presenti) / partecipazione 8,5 / fucking expertise 9

Versato l’obolo dovuto, è arrivato il momento del relax: mi godo la giornata di sole in terrazza, non prima di dieci minuti di sauna. C’è una pace e una tranquillità davvero eccezionali: fortunatamente, in quella parte del locale le tipe non si fanno vedere e io posso assaporare ogni istante in totale solitudine. TOP!
Tornato ai piani bassi, faccio la conoscenza di Evelyn: rumena di Costanza, capelli neri lunghi sulle spalle, anni 39, fisico morbido ma non burroso, assenza di tatuaggi, alta 1,73 senza tacchi, fuma sigaretta elettronica. Mi chiede 50 € per lo standard service. Sorridente e disponile, quel giorno sarà una delle più gettonate, specie dalla clientela un po’ più agee.
Successivamente è il turno di conoscere Emily, socia di Ana: 25 anni di Costanza, tatuaggio con il numero 2001 sul polso. Alta 1,70 staccata, capelli a coda di cavallo. Occhi blu belli ma non espressivi. Le chiedo di avvisare la sua socia Ana di fare una cosa a tre di un’ora per le 17: mi dice si al lesbo show ma senza pussy licking. Poco male.
Alle 17 in punto ci dirigiamo tutti e tre nella stanza numero 6: si tratta di quella più grande, con diversi specchi e una specie di tigre bianca all’interno (alcune foto sono visibili sul sito del locale). Opportunamente stimolata dalla mia lingua, Emily viene non nascondendo il suo piacere. Provate le classiche posizioni da trio, con alcune varianti stuzzicanti. L’intesa tra le due è buona, ma non ottima come mi aspettavo: da questo punto di vista il threesome provato a luglio con Annabelle e Vivien al Babylon mi aveva dato emozioni maggiori. L’idea che mi sono fatto è che rendano più singolarmente anziché che in coppia. Tuttavia mi sono comunque divertito parecchio a vederle, tra le altre cose, succhiare le mie palle slinguazzandosi a vicenda, tanto da cedere alla richiesta di extra di 20 € per cob sulle tette di Ana: quest’ultima nel fucking time dimostra di avere una marcia in più rispetto alla socia. Va detto per completezza di informazione che il lesbo show è compreso nel prezzo della camera: si tratta di un plus non da poco!

ANA: v. sopra
EMILY: bellezza 9 (una delle tre TOP presenti) / partecipazione 8 (bonus di 0,5 per l’orgasmo raggiunto) / fucking expertise 8,5

Una volta venuto felicemente noto che allo scadere mancano cinque minuti: li trascorriamo a parlare degli fkk in generale. Loro mi riferiscono di aver lavorato solo all’Acapulco/Prime e di essere rientrate da poco dalle vacanze che fanno sempre insieme.
Altra pausa per bere e recuperare energie. Ne approfitto per un’altra sauna, questa volta non al piano superiore, e per mangiare qualcosa: cibo passabile, specie in considerazione di quanto pagato per il biglietto di ingresso.
Alle 21,25 arriva il momento della terza (e ultima) camera della giornata: riesco a beccare libera Evelyn e decido di capire con un fucking test se davvero merita il podio tra le top scorer di oggi. Torniamo nella stanza numero 14: lei molto corretta e partecipe. Mai stanca, nonostante avesse diverse sessioni all’attivo. Nel trombo non si risparmia: in particolare, ha un modo di muovere il bacino che -nonostante oggi fosse già la terza sessione- mi consente di eiaculare senza tanta fatica. Segnalo che la nipote di Dracula in questione, non avendo avuto figli, conserva ancora una vagina piacevole da penetrare perché non allargata a dismisura. Peccato solo per il bbj non all'altezza del resto. Mezz’ora sforata ma nessuna richiesta di extra da parte sua.

EVELYN: bellezza 8 (bonus di 0,5 vista l’età) / partecipazione 9 / fucking expertise 8,5

Pagate le spettanze di mia competenza decido che per oggi può bastare. Segnalo la presenza di un’altra bionda notevole, simile a Emily, che non sono riuscito a conoscere perché spesso impegnata con i clienti. Prima di andare via mi intrattengo cinque minuti in terrazza: la temperatura è scesa di qualche grado rispetto al pomeriggio ma resta comunque molto gradevole. Non c’è nessuno, sono tutte/i al piano di sotto e mi accomodo su una delle poltrone di vimini. Il profumo della natura, qualche stella lassù nel cielo e il silenzio assordante delle quiete fanno da cornice a questa giornata che volge al termine e che ricorderò per molto tempo. Lascio il club che sono circa le 22,30: grazie agli innumerevoli lavori sulla rete autostradale tedesca, mi attende quasi un’ora di strada per tornare alla mia base operativa in quel di Colonia. Ma tutto, compresa la stanchezza per le poche ore di sonno, assume una valenza secondaria dopo un’esperienza così intensa come quella odierna.

THE END, titoli di coda

CONCLUSIONI
Rispetto alla giornata precedente trascorsa al Sixsens qui non c’è partita: il Prime vince a mani basse su parecchi fronti, eccezion fatta per la cucina e la zona benessere. La line-up mi ha soddisfatto parecchio: approcci gentili, orientamento generale alla soddisfazione del cliente, nessun atteggiamento mandarinesco da parte delle fanciulle. Se devo trovare un difetto è quello che questo posto meriterebbe molte più ragazze presenti perché c’è tanto spazio che alla fine resta inutilizzato: non capisco perché il management si ostini a farne lavorare solo una quindicina. Altra area di miglioramento potrebbe essere quella di inserire signorine di etnia non rumena per fornire maggiore possibilità di scelta al cliente. In conclusione non posso che consigliarne la visita, anche in virtù delle tariffe a basso costo per l’ingresso e le prestazioni senza richieste assurde di upselling.

Mi auguro di non avervi annoiato nemmeno stavolta.

Augen zu und durch
Auf wiedersehen!

Engineer2013
Silver 36-50
05/09/2021 | 13:36

  • Like
    1

@Fireblade dipende da dove arrivi. Io non abito lontanissimo dall'aeroporto, quindi tutto sommato la cosa è fattibile. Un'ora prima è sufficiente: il giorno della mia partenza c'erano parecchi viaggiatori in partenza ma la fila scorreva comunque.
Certo, a metà giornata la botta di sonno la senti: l'importante è avere lo spirito giusto! Per dormire c'è sempre tempo
Viceversa, al rientro calcola bene i tempi perché le procedure di sicurezza in Germania sono un po' più lente

Engineer2013
Silver 36-50
05/09/2021 | 11:28

  • Like
    0

FKK Sixsens - mercoledì 1° settembre 2021 - Recensione di Engineer2013
COSTO INGRESSO: 65 € (al momento l’happy hour, che prevedeva sconti in determinate fasce orarie, è sospeso).
COSTO CAMERA ed EXTRA: 50 € la prima mezz’ora servizio base (no fk, no bbj), 100 € un’ora servizio con fk e bbj. In ogni caso, tutto molto a discrezione della tipa. CIM e anal non chiesti come tariffa.
COSTO e LUOGO PERNOTTAMENTO: struttura in Colonia a circa 30 euro la notte (solo dormire, niente colazione). Viaggio in aereo a/r con Ryanair.
RAGAZZE PRESENTI: trentacinque circa, con un plebiscito assoluto di rumene. Beccate due ungheresi autentiche (ex Golden Time) e una bulgara. Due top, almeno cinque intrombabili. Cellulite e zingarame in abbondanza.
SITO INTERNET LOCALE: http://www.sixsens.eu/

1/9/2021: SIXSENS ATTO I°
Buongiorno People!
Grazie a un blitz su internet sono riuscito a trovare una combinazione che con soli 90 euro mi dava la possibilità di volare su Colonia e di soggiornarvi due notti: un’occasione del genere non andava persa per cui…eccomi qui a scrivere un report su questi tre giorni tanto intensi quanto piacevoli. Il programma che mi ero fatto prevedeva il primo giorno al Sixsens per poi valutare l’eventuale ritorno il giorno successivo. L’ultimo giorno, dovendo rientrare in Italia la sera, avrei optato per qualcosa di non molto lontano dall’aeroporto.
Nonostante la sveglia molto presto, atterro pieno di energia nonché puntuale sul suolo teutonico che sono quasi le 8: tuttavia, una serie di inconvenienti (tipo una coda di oltre mezz’ora per ritirare l’auto o l’incomprensione con l’host per il ritiro delle chiavi dell’appartamento) non mi permettono di suonare il campanello del club oggetto di questa recensione prima delle 13. Poco male, visto quello che sarà l’andazzo della giornata. Piccolo aneddoto: mentre sto per giungere al confine con l’Olanda e anche una volta entrato nel Paese dei tulipani noto sui cartelli l’indicazione per Maastricht. Non posso fare a meno di riflettere se nel concetto di libera circolazione delle persone sull’intero territorio europeo, uno dei pilastri dell’omonimo trattato e che aveva spinto l’allora CEE a mettere nero su bianco tutto ciò, rientrasse anche quello di dare la possibilità a noi puttanieri di muoverci in giro per l’Europa senza restrizioni (al netto del Coviddi).

LOCALE
Essendo la mia prima volta qui, spendo qualche parola in più nell’auspicio che ciò possa tornare utile a chi ancora non lo ha visitato.
Situato in un paesino anonimo e tutto sommato facile da raggiungere in auto da Colonia, si presenta esternamente come un grande edificio con una predominanza di violetto. Al mio arrivo, alle ore 13, posso contare circa una quindicina di auto molte delle quali con targa belga: ciononostante, riesco a parcheggiare praticamente di fronte la porta di ingresso. Si suona un campanello e la porta si apre automaticamente: mi viene incontro un energumeno della sicurezza che ricorda vagamente l’attore Jason Statham che sùbito mi dice che lo zainetto -che porto sempre con me in questi posti- non può entrare. Sono costretto a ritornare alla macchina e prendere almeno il necessario per passare la giornata. Mah…
Risuono il campanello e lo stesso tizio, simpatico come un dito nel culo, mi misura la febbre e mi fa igienizzare le mani. Pago l’ingresso in contanti: è possibile il pagamento con carta di credito ma con un sovrapprezzo del 5%. Segnalo che è presente comunque un bancomat all’interno ma occhio a eventuali commissioni extra.
Nessuna richiesta di green pass, nessuna mascherina indossata dal personale. Una volta pagato, si riceve un braccialetto che viene fissato al polso per non perderlo (tipo villaggio turistico per intenderci) e che contiene una specie di chip per aprire/chiudere gli armadietti. Due cose: la prima è che se lo perdete dovrete pagare 50 euro, la seconda è che il meccanismo di assegnazione dell’armadietto è di tipo “dinamico”. In sostanza, una volta scelto l’armadietto vuoto che preferite, dovrete associare il vostro braccialetto al posto selezionato. Niente di complicato, ma state attenti quando andrete a richiudere l’armadietto perché dovrete sempre ripetere la procedura. Capitolo asciugamani (personalizzati con il logo del locale come l’accappatoio): se ne possono chiedere quanti ne volete ma occorre lasciare in reception il precedente in una specie di cesta di metallo. Attenzione perché quando andrete via dovrete esibire sia l’accappatoio che l’asciugamani e depositarli nella cesta di cui sopra.
Logisticamente il club si articola su tre piani: piano terra in cui c’è il ristorante, una seconda sala dove mangiare e il giardino con un bar. Quel giorno il tempo è stato inclemente, per cui non mi sono intrattenuto molto all’esterno. Ho visto la piscina ma era chiusa da un pannello. Al piano -1 ci sono gli spogliatoi, le docce, la sauna, il bagno turco, le stanze per il trombo, la zona relax riservata agli uomini e interdetta alle peripatetiche, la sala massaggi. Al piano -2 c’è il kino appena di fronte alla rampa di scale, proseguendo a destra il bar di forma circolare al centro della sala e una serie di divanetti tipo nightclub oltre alle immancabili slot machine. La rottura di balle è che, specie se ci trascorrerete tutta la giornata, quelle scale le farete parecchie volte. Da questo punto di vista (e non solo, come dirò più avanti) molto meglio il Babylon o il Prime.
Cibo più che discreto, presenti fette di torta e la possibilità di riempire i bicchieri con le bevande direttamente nella sala ristorante. Nel prezzo sono compresi solo gli analcolici, tutto il resto si paga a parte.
Pulizia molto buona, anche se per me il Golden Time resta lo standard di riferimento.
Staff professionale ma non cortese e affabile come in altri posti.

GIRLS
Capitolo dolente di questo mio scritto: non tanto e non solo per la qualità, quanto piuttosto per il modo di fare delle fanciulle. Anche qui, salvo rari casi, il concetto di “cartello” trova applicazione. Tuttavia, a differenza del Samya, qui la politica dominante è: 50 euro mezz’ora profilo “base”, senza cioè fk e bbj, mentre 100 euro un’ora con quello che le signorine chiamano servizio “completo” ma che per me invece è quello standard. Questa cantilena delle 100 euro per il servizio full l’ho sentita praticamente da tutte quelle intervistate. A memoria, mi ricordo di: Laura (bulgara, viso dai tratti marcati ma fisico interessante), Paulina (rumena, ha vissuto diversi anni a Como, mora e con poco seno) e altre di cui non ricordo il nome. Ho intravisto una peripatetica carina che avrei voluto stanzare volentieri: viso quasi innocente, alta almeno 1,75 senza tacchi, scarpe nere tipo da schiava romana, pantaloncino short nero. Purtroppo, nonostante sia riuscito a fermarla con scatto felino in zona bar, mi ha detto che era prenotata per diverse ore: si è intrattenuta infatti per tanto tempo a un tavolo con un tipo che ha ordinato da bere un twin set e poi l’ho vista salire in camera e non scendere più.
Fatta questa premessa a beneficio di chi legge, una volta entrato non posso non notare una bionda davvero interessante il cui viso sono sicuro di avere già visto da qualche parte: la osservo mentre va in camera con un collega per poi tornare dopo mezz’ora. Sto per avvicinarla ma un altro collega è più veloce di me e la riporta in camera: poco male, la giornata è lunga. Mi apposto modello “cecchino a Sarajevo” in zona spogliatoi e una volta incassate le spettanze, riesco a fermarla (sono quasi le 14): si chiama Cataleya, dichiara di essere moldava (sì, di Otopeni). Vista da vicino presenta una somiglianza impressionante con la Ilary Blasi di adesso: ecco perché il viso non mi era del tutto sconosciuto! Seno una quarta rifatta abbastanza bene. Diversi tatuaggi (uno prende metà schiena), piercing. Bellissima dentatura, capelli biondi con caschetto lungo. Alta 1,65 senza tacchi. Indossa una vestaglia di pizzo bianca molto particolare e scarpe con tacco moderato non da cubista di discoteca. Anche lei mi chiede un’ora per fk e bbj: la sua gentilezza e affabilità, mi convincono a rischiare. E i fatti, per mia fortuna, mi danno ragione! Una sessione ad alta intensità, nonostante fosse la prima camera sono riuscito a godermela per quasi 60 giri di lancette. Lei mai stanca e sempre molto partecipativa. È venuta con il cunnilingus, chiedendomi qualche istante di stop per via della solita ipersensibilità femminile post-orgasmo. Provate le posizioni classiche, con alcune varianti. Brava nel bbj, non disdegna svariate incursioni in zona scrotale. Non le ho chiesto se facesse CIM. In ogni caso una scelta davvero azzeccata!

CATALEYA: bellezza 8,5 (una delle TOP presenti) / partecipazione 9,5 / fucking expertise 9

Pago i miei 100 euro e la saluto con un bacio: a tal proposito, mi sembra giusto scrivere che durante la giornata Cataleya non mancherà mai di venirmi a salutare tutte le volte che mi incrocerà al bar nonché di chiedermi come stia andando. Un modo di fare che ho molto apprezzato, non essendo io un “fidelizzato” della signorina de qua.
Mangio qualcosa (spaghetti alla bolognese, leggermente piccanti per i miei gusti) e mi rilasso nell’area benessere: la stanchezza dell’alzataccia mattutina inizia a farsi sentire e sento il bisogno di schiacciare un pisolino. Una volta recuperate un po’ di energie ritorno operativo: tuttavia la cellulite e lo zingarame, entrambi presenti in dosi massicce, mi fanno desistere da nuovi obiettivi. A un certo punto noto una MILF (forse anche qualcosa in più in termini di età) che staziona sola soletta sul divanetto a destra del bancone del bar, vicino lo spazio per il dj. Il viso mi è molto familiare: capelli mossi e rossicci, fisico tutto sommato discreto per l’età. Mi siedo accanto a lei e iniziamo a parlare. Si chiama Nikita, “ungherese autentica” tiene a specificare. Un test successivo, di cui vi parlerò a breve, suffragherà quanto riferitomi. Le chiedo se prima lavorava in qualche altro club: mi risponde, sì al Golden Time…touché! Mi racconta che a suo parere la riapertura non avverrà prima del nuovo anno e che, come me e come molti di noi, rimpiange tanto quel locale. Eh già, sic transit gloria mundi… La conversazione procede amabilmente ma le dico altrettanto francamente che avendo finito da poco una stanza non ho energie da dedicarle. Ci salutiamo cordialmente: per la cronaca ha fatto almeno un paio di stanze quel giorno lì.
Mentre sono a bere qualcosa vedo Nikita intrattenersi a parlare con una moretta molto giovane niente male. La sottopongo a una prova: se mi dice che è ungherese allora è credibile anche Nikita altrimenti sono due cazzare. Inizialmente, infatti, il mio contatto è finalizzato a capire l’autenticità di queste due signorine che, a onor del vero, non si mischieranno mai con le altre presenti restando sempre molto discrete e riservate negli approcci.
Decido di premiarla con una camera, sono le 20,15 circa: nell’intervista preliminare offre il servizio standard nella tariffa base. Motivo in più per condurla ai piani alti! Lei si chiama Megan: ungherese, ex Golden Time come la sua socia/amica. Due tatuaggi sul braccio destro, capelli neri lunghi, seconda scarsa di seno ma capezzoli grossi e molto reattivi, bel culo. Molto partecipe in stanza (ma leggermente meno di Cataleya) e corretta. Attenta all'igiene senza essere paranoica. Fa trio ma senza lesbo show (le volevo chiedere di farlo con Nikita): peccato! No anal e no CIM: peccatissimo! Alla fine, viste le sensazioni più che positive (la scuola GT non delude mai), mi intrattengo un’ora: anche in questo caso, per mia fortuna, la scelta si rivela azzeccata visto che il tempo con la bruna ungherese è letteralmente volato… ça va sans dire 😊

MEGAN: bellezza 8 / partecipazione 9 / fucking expertise 8,5

Prima di lasciare la stanza, parliamo un po’ del Golden Time: mi dice che nei mesi di lockdown è rimasta in contatto con la tipa addetta alla reception (mi ha detto anche il nome ma me lo sono dimenticato): dopo la morte del titolare originario e l’acquisto da parte di un turco -su altri forum si parla addirittura della cifra di 9 mln. di euro- lei ritiene che il locale molto difficilmente tornerà quello di un tempo perché la nuova gestione vorrà certamente dare la sua impronta. Anche lei, come la connazionale, ha nostalgia del GT “vecchia maniera”: si lavorava bene, in un ambiente positivo e non stressante. Relata refero, ovviamente.
Saluto Megan che sono quasi le 21,30: per oggi, mio malgrado e stante l’assenza di valide alternative a parte la ragazza perennemente impegnata di cui vi ho già parlato, può bastare. Il numero di orsi, la cui età media si attesta sui 35-40 anni, non aumenta significativamente poiché vi è un considerevole ricambio. Stessa cosa, purtroppo, non posso dirla delle ragazze che invece resteranno le stesse per tutta la giornata. Lascio il locale che sono passate da poco le 22 e non posso esimermi dall’osservare che, nonostante il locale chiuda alle ore 24, diverse fanciulle (tra cui le due ungheresi) se ne stanno andando.

THE END, titoli di coda

CONCLUSIONI
Il locale in sé mi è piaciuto: su questo nulla da dire. Meno bene, anzi male, la line-up: approcci spesso volgari, politica di cartello sulle prestazioni, bellezza non pervenuta. Sul concetto di zingarame, vi rimando a quanto scritto nella sezione del Globe.
In estrema sintesi, a mio sommesso parere, se siete in zona il posto merita una visita -specie nella bella stagione- anche per poterlo aggiungere alla lista degli fkk timbrati. Con molto impegno e attingendo a piene mani alla mia esperienza da punter, sono comunque riuscito a fare due camere molto soddisfacenti ma che al tempo stesso non bastano a giustificare la scelta di questo posto come soluzione principale in futuro. Certo, a differenza del Samya, qui i 100 euro si pagano per avere quello che per me è il servizio standard e intrattenersi un’ora: ma se devo fare diverse camere, come mi capita quando organizzo questi viaggi, allora preferisco sessioni più brevi ma soprattutto non mi va di sottostare a questa specie di sottile ricatto. Confermo, infine, la riluttanza di molte ragazze intervistate (tra cui Cataleya) a vaccinarsi: preferiscono fare i tamponi molecolari piuttosto che farsi in(o)culare il medicinale. Purtroppo se la situazione non cambia, a lungo andare credo che questa cosa non potrà non danneggiare il settore specie se dovessero arrivare nuove varianti.

Mi auguro di non avervi annoiato nemmeno stavolta.

Augen zu und durch
Auf wiedersehen!

Engineer2013
Silver 36-50
03/09/2021 | 22:37

  • Like
    0

@dakoota a parte il Globe che fa storia a sé, nella mia personale esperienza sono riuscito a fare camere più lunghe di mezz'ora e pagare sempre trenta minuti. Ma ti parlo di locali diversi dal Prime.

Engineer2013
Silver 36-50
03/09/2021 | 22:33

  • Like
    0

Buonasera colleghi! Ultimo aggiornamento direttamente dall'aeroporto di Colonia-Bonn.
Ultima giornata trascorsa al Babylon: scelta mai più azzeccata.
Se migliora un pochino la line up (attualmente è da 7,5/8) anche in termini di varietà di etnie, penso che questo posto può ambire a diventare il degno erede del Golden Time. Fatte tre stanze di cui due con tale Bella (rumena della Transilvania): il suo bbj è una sfida di resistenza. Posso solo dirvi che la seconda volta ho scelto di fare una camera con lei con solo BBJ e CIM finale. Una vera cannonata! Appena posso scriverò una recensione anche per la giornata di oggi.
Si chiude una tre giorni molto molto soddisfacente, al netto del primo giorno dovdy ho dovuto attingere a tutta la mia esperienza ultradecennale di punter al fine di evitare missili terra-aria. A presto!

Engineer2013
Silver 36-50
03/09/2021 | 22:22

  • Like
    0

@ElFlaco diciamo che le mie aspettative erano molto alte e che l'ultimo threesome che avevo fatto era stato pazzesco (v. recensione sul Babylon). Ma, in ogni caso, ci si diverte tanto comunque. Peraltro Emily, opportunamente stimolata dallo scrivente mediante face-sitting, mi ha regalato un orgasmo intenso. Sarà che noi puttanieri della veille-guard siamo diventati molto (troppo) esigenti e forse chiediamo sempre qualcosa in più.
La cosa positiva è che il lesbo show è gratuito ma senza lick-pussy tra le due.

Engineer2013
Silver 36-50
03/09/2021 | 07:44

  • Like
    0

Buongiorno colleghi! Aggiornamento flash sulla giornata di ieri.
Ana è bionda e ha un tatuaggio con numeri romani che rappresentano (così mi ha riferito) la data di nascita dei genitori oltre a un tatuaggio con una "D" rovesciata sulla parte superiore della chiappa sinistra. Sosta sull'ultimo divanetto in fondo (per intenderci dove ci sono i due bagni per herren e damen).Se la fa con un'altra bionda tale Emily: tatuaggio con il numero 2001 sul polso.
Ieri, oltre ad Ana in singolo, ho fatto un threesome con la socia: buona ma non ottima sessione. A mio sommesso parere rendono meglio singolarmente. Seguiranno dettagli.
Attenzione alla durata della camera: ho visto gente tornare dopo nemmeno venti minuti.
Ultima stanza con Evelyn, mora, MILF: una top scorer ieri per numero di camere
Conosciuta, ma non stanzata, Carmen: rumena, vita stretta, seno non pervenuto. Staziona sul secondo divanetto a sinistra appena si entra nella main room: gentile nell'approccio ma niente fk nè bbj. In compenso, mi ha detto che potevo baciarla sul corpo...ha ha ha
A presto per altre news!

p.s.: situazione controlli Covid-19. Non mi hanno chiesto nulla al Sixsens, solo misurazione della temperatura e igienizzazione mani all'ingresso. Viceversa, al Prime verifica molto scrupolosa del GreenPass ma senza richiesta di documento di identità.

Engineer2013
Silver 36-50
02/09/2021 | 15:26

  • Like
    2

Aggiornamento live dal Prime: con il Sixsens non c'è partita. Molto ma molto meglio qui. Fatta prima camera con Ana rumena di Costanza. Ottima scelta, le piace essere dominata. Non conoscevo l'Acapulco ma questo merita davvero. Peccato per il cibo e per il bagno turco non operativo. Line up in ascesa (sono entrato a mezzogiorno).Bellissima giornata di sole. Seguiranno dettagli ad horas.

Engineer2013
Silver 36-50
02/09/2021 | 10:40

  • Like
    0

Guten morgen!
Aggiornamento flash dalla madrepatria tedesca: ieri ho optato per il Sixsens: locale ok, line-up ko: ovviamente seguirà recensione dettagliata nell'apposita sezione. Fatte due camere con Cataleya (ragazza molto molto simile a Ilary Blasi) e Megan (bulgara, ex Golden Time). Tendenza praticamente di tutte a chiedere di fare un'ora per avere fk e bbj. Oggi al Prime. Seguiranno ulteriori aggiornamenti. Se avete suggerimenti sono benvenuti.

Engineer2013
Silver 36-50
31/08/2021 | 19:58

  • Like
    0

Buonasera colleghi!
Per dare all'estate 2021 la giusta chiosa, il vostro Ingegnere domani mattina di buon'ora con un volo di mamma Ryan tornerà in Deutschland: sono riuscito a trovare, praticamente last minute, volo a/r+alloggio a 90 euri.
Mi fermerò tre giorni: pensavo di andare al Sixsens e poi vedere come va dopo il primo giorno. Se avete idee/suggerimenti scrivete pure.
Io cercherò di aggiornarvi ad horas, anche per quanto attiene greenpass e cazzatelle varie.
Un saluto!

Engineer2013
Silver 36-50
21/08/2021 | 16:56

  • Like
    0

@hicnus che io sappia Sandra ha appeso definitivamente il perizoma al chiodo.

Engineer2013
Silver 36-50
07/08/2021 | 10:17

  • Like
    1

@pisellatore69 i miei più sinceri complimenti: e non sono sarcastico!
Personalmente avrei già desistito: diciamo che in camera preferisco un approccio meno passivo.
Quello che scrivi è vero, a proposito del potenziale della fanciulla. Del resto, queste new entry in qualche maniera dovranno pure fare la gavetta: del resto "la pratica vale più della grammatica"
Hai avuto l'atteggiamento gagliardo del vero punter: onore al merito.
Ciao!

Engineer2013
Silver 36-50
06/08/2021 | 09:28

  • Like
    1

@lupocattivo79 io mi trovo bene con tinoleggio.it: in genere i prezzi sono anche più bassi che andare a noleggiare dal sito della compagnia di noleggio direttamente

Engineer2013
Silver 36-50
06/08/2021 | 09:23

  • Like
    0

@lupocattivo79 ottimo report, davvero ricco di notizie fondamentali mai come in questo periodo...GRAZIE!

Engineer2013
Silver 36-50
06/08/2021 | 06:24

  • Like
    0

@io.tu.e.le.rose assolutamente sì, magari prima che lo chiudano di nuovo per il Covid

Engineer2013
Silver 36-50
06/08/2021 | 06:23

  • Like
    0

@Figaro ti dirò, all'uscita quando la tipa mi ha chiesto come fosse andata le ho risposto "I prefer last time". La cosa è caduta lì, visto che lei non mi ha chiesto il perché.
Tanto premesso, convengo con te che magari l'ultima scopata me la sarei potuta evitare visto l'andazzo: tuttavia, alla fine mi è servita come esperienza ma soprattutto per mettere -almeno a breve termine- la croce su questo posto.
Altre volte l'esperienza e la fortuna mi hanno aiutato a scovare delle autentiche perle in questi posti. "Una volta vinci e una volta perdi; ma continui a combattere" (cit. Gordon Gekko in Wall Street)

Engineer2013
Silver 36-50
05/08/2021 | 13:21

  • Like
    2

La recensione che non avrei mai voluto scrivere…ma tant’è.

FKK Samya - domenica 18 luglio 2021 - Recensione di Engineer2013
COSTO INGRESSO: 50 €.
COSTO CAMERA ed EXTRA: 50 € la prima mezz’ora servizio base (no fk, no bbj), 100 € servizio full con fk e bbj. Tuttavia, in alcuni casi, la tariffa può variare leggermente. CIM e anal non chiesti come tariffa.
COSTO e LUOGO PERNOTTAMENTO: struttura in Colonia a circa 30 euro la notte (solo dormire, niente colazione). Viaggio in aereo con Ryanair.
RAGAZZE PRESENTI: una trentina, con un plebiscito assoluto di rumene. Tre top, almeno cinque intrombabili.
SITO INTERNET LOCALE: http://www.samya.de

18/7/2021: SAMYA ATTO II°
Guten tag!
Premessa numero 1: sono stato a lungo combattuto se scrivere o meno questa recensione. In realtà, l’ho rimaneggiata diverse volte nel -vano- tentativo di riuscire a trovare qualcosa di buono: per intenderci, il classico “bicchiere mezzo pieno”.
Premessa numero 2: a molti sembrerò eccessivamente critico nei confronti del locale de quo. Ovviamente, come sempre, si tratta di impressioni personali. Peraltro, nella mia visita precedente, avevo espresso un giudizio non molto lusinghiero ma nemmeno tranchant. Di seguito i fatti.
Domenica era il mio ultimo giorno in terra germanica: venivo da due giornate molto positive, specie quella al Babylon. Perché allora non ho bissato quest’ultimo posto? Ancora oggi a distanza di quasi tre settimane me lo chiedo, martellandomi idealmente gli zebedei…

LOCALE
Ingresso alle ore 13,30: di seguito alcune novità rispetto alla mia scorsa visita. In reception ho dovuto esibire il mio documento di identità unitamente al test eseguito la mattina stessa perché quello che avevo era scaduto. Sono sparite le docce in comune, che tanto mi erano piaciute la prima volta, presumo a causa del Covid-19. Pulizia impeccabile, bocciata invece la cucina: sempre le stesse cose (pollo alla brace, patatine e riso, ndr) tutto il giorno. Musica accettabile, specie fino alle 18: da quel momento il volume si è alzato un pochino pur senza essere insopportabile e la musica soft ha lasciato il posto a sonorità decisamente più truzze. Si sente la mancanza di una bella piscina all’aperto, fuori uso il bagno turco mentre perfettamente funzionante la sauna. Credo che le bevande alcoliche siano rimaste a pagamento: personalmente ho bevuto esclusivamente soft drinks. Il bancomat all’interno, plus della volta scorsa, era non funzionante. Ho notato un distributore all’ingresso di snack dolci, stessa cosa nello spazio dove sono ubicate le macchinette per giocare. Di positivo, va riconosciuto, il biglietto di ingresso a soli 50 euri.

GIRLS
Capitolo dolente, mio malgrado. QUASI tutte hanno abbracciato la filosofia della mezz’ora a due velocità: 50 euro servizio di base (pompino coperto, niente baci con la lingua), 100 euro servizio “completo” con bbj e fk. Per dirla in parole più efficaci: si sono coalizzate per mettercela a quel posto. Livello medio, ho visto circa tre top. Prima camera con Emily, moscovita di Otopeni. Questi sdoppiamenti di nazionalità non li capirò mai: contente loro... Lei ha gli occhi verdi, fisico sodo ma non longilineo, capelli castano scuri. Opto, sapendo di correre un rischio enorme, per il menù completo. In breve: fk non profondi, poca partecipazione, “freno a mano tirato” come tutte quelle da me provate quel giorno, 69 di scarsa durata. Nessuna voglia di prolungare la sessione, né da parte sua e a maggior ragione da parte mia. Ciliegina su questa torta di letame: dopo nemmeno venti minuti inizia a ripetermi “come baby, come”. Decido di esaudirla, ma semplicemente per mettere fine a questo strazio.

EMILY: bellezza 7,5 / partecipazione 5 / fucking expertise 6

Pagato il dovuto (leggasi “100 euro buttati nel cesso”) e mi prendo una pausa. Vengo approcciato da qualche ragazza tra cui una delle top quel giorno lì: trattasi della famosa Amyra, la quale non ha perso tempo a erudirmi dettagliatamente sulla differenza tra i due menù facendo trasparire una sorta idiosincrasia per colui che avesse optato per la versione base. Con educazione l’ho ringraziata e l’ho congedata: in realtà è più corretto dire che l’ho mandata a farsi fottere (non da me): ça va sans dire…
Mentre osservo l’evolversi della situazione, noto una biondina che quel giorno farà un numero pantagruelico di camere: trattasi Anais, rumena dichiarata, alta 1,60 mt. staccata, occhi marrone chiari, abbigliata con un costume color fucsia niente male. Decido di avvicinarla…sorpresa! Lei offre il servizio full nei cinquanta euro. Decido allora di premiare la sua politica commerciale contrarian rispetto alla massa: la scelta, ahimè, si rivela non azzeccata: maniaca dell’igiene a livelli patologici, offre tutto quanto concordato ma -così come era successo con Emily- sempre con una partecipazione prossima allo zero. Per la serie: il bacio c’è ma è appena accennato, il 69 lo fa ma per pochi minuti e comunque tentando di non offrirmi le sue grazie completamente: il giochetto non le riesce perché mi metto un asciugamano sotto la testa per alzarla e arrivarci lo stesso con la lingua. Ma il massimo lo raggiunge a smorza, dove pretende di scopare tenendo costantemente la mano alla base del pene: la cosa mi fa talmente girare i coglioni che il mio amico lì in basso perde vigore al punto da farmi optare per una venuta prematura al fine di archiviare questa sessione deludente. Alla fanciulla riconosco solo il merito di aver mantenuto, ma solo sulla carta e comunque molto limitatamente, quanto promesso e avermi fatto pagare la tariffa base vigente in Germania. Per il resto, una esperienza da dimenticare.

ANAIS: bellezza 7,5 / partecipazione 5 / fucking expertise 5

Dopo due camere alquanto deludenti la tentazione di chiudere qui la giornata è forte: ma un vero punter non si scoraggia così facilmente. Ragion per cui, mi prendo una lunga pausa nella quale mi concedo una bella sauna e cerco di farmi piacere il cibo offerto dal Samya: da questo punto di vista, e non solo, la mente vola alle ventiquattro ore precedenti quando invece il cibo ma soprattutto la figa deliziava il mio palato. Ritorno operativo e mi lancio in una serie di interviste che presentano un unico, triste, leit motiv: quello che in economia si chiama cartello. Non credo ci sia bisogno di aggiungere altro. L’unica, leggera, differenza riguarda il fatto che alcune di quelle intervistate anziché 100 euro ne chiedevano 80: poco cambia, per quanto mi riguarda. Alla fine riesco a trovarne una che mi promette il servizio completo a 50 euro: trattasi di rumena mora, 25 anni circa, alta 1,65 senza tacchi. Non male, anche se ho dimenticato il suo nome: decido di concludere con lei la mia giornata qui. Purtroppo, e che ve lo dico a fare, in camera le promesse si rivelano menzognere: bj in luogo del bbj offerto, bacio solo accennato. Durante tutta la sessione mostra un atteggiamento improntato a esaurire in fretta la pratica per passare al prossimo malcapitato. Rarissimamente prima di oggi mi ero trovato in una situazione come questa: credetemi, per concludere ho faticato non poco. Mi ha salvato metterla seduta sul letto e scoparmela in bocca fino a venire (ovviamente nel gommino).

XYZ: bellezza 7 / partecipazione 4,5 / fucking expertise 5

Ok, diciamo che per oggi ho fatto un bel po’ di beneficienza. Nel frattempo il numero di orsi aumenta, così come il volume della musica. Oramai rassegnato a quello che è il contesto decido di abbandonare la nave verso le 21,30: l’indomani un 737 di mamma Ryanair mi riporterà in territorio italico. Si torna alla vita reale, tette e culi da dimenticare. E alla svelta. Si chiudono tre giorni piacevoli, al netto della giornata odierna.

THE END, titoli di coda

CONCLUSIONI
Senza voler entrare minimamente in polemica con chi ha speso parole di lode nei confronti del Samya e basandomi sulla mia esperienza personale, non posso che bocciare sonoramente questo club. O meglio sarebbe più corretto dire, come si usava ai tempi del liceo, che mi sento di rimandarlo a settembre: la line up non era di per sé malvagia ma è l’atteggiamento di chi vuole spennarti obbligandoti a spendere il doppio per qualcosa che in altri posti nella stessa nazione costa la metà che non funziona. Almeno con me.
L’auspicio, per l’autunno che ci aspetta, è che la situazione possa normalizzarsi al fine di tornare a guardare con fiducia ai nostri tanto amati viaggi teutonici. Per il momento, opinione personale, non me la sento di rischiare ad acquistare biglietti di aereo, hotel e auto a noleggio per poi arrivare in loco e scoprire che magari il giorno prima il Land ha deciso di chiudere baracca e burattini. Senza contare che eventuali (e ulteriori) misure restrittive non possono che rendere meno piacevole e rilassante quello che è e resta un piacevole passatempo. “Il caxxo non vuole pensieri”, diceva saggiamente il papà di un mio amico e collega di università. Sottoscrivo in pieno, senza “se” e senza “ma”.

Mi auguro di non avervi annoiato nemmeno stavolta.

Augen zu und durch
Auf wiedersehen!

Engineer2013
Silver 36-50
05/08/2021 | 13:17

  • Like
    0

Engineer2013
Silver 36-50
30/07/2021 | 11:35

  • Like
    0

@Freddy65 discorso ampiamente condivisibile il tuo. Anche con me, una volta in camera, devono fare quello per cui sono pagate: scopare. Il resto lo lascio ai fidan$ati e sugar daddy vari.
Da questo punto di vista, la più performante durante il mio ultimo tour è stata Morena: MAI una lamentela, MAI un invito più o meno velato a concludere.
Tra una strafiga empatica come un iceberg e una carina ma altamente performante, personalmente (alla mia età dove ancora il fisico è mio alleato) scelgo la seconda.

Engineer2013
Silver 36-50
29/07/2021 | 11:41

  • Like
    1

@pisellatore69: ti ringrazio per il complimenti e chiedo venia per la dimenticanza. Recupero subito:

un ringraziamento a @pisellatore69 per il suggerimento quanto mai prezioso e apprezzato su Axelle, il prototipo della teen con la quale tutti nella vita, almeno una volta, vorrebbero inzuppare il biscotto.

p.s.: visto che ti piacciono le teen, vedrò di tenerne conto per altre segnalazioni future (nell'auspicio che non ci chiudano nuovamente)

Engineer2013
Silver 36-50
29/07/2021 | 11:08

  • Like
    0

@figavacciuolo non tutte erano total naked, diciamo un 50% (vado a memoria)

Engineer2013
Silver 36-50
29/07/2021 | 11:07

  • Like
    0

@Fireblade: nel mio caso sempre bbj, anche se non ho chiesto (sono andato a istinto e la situazione che si è creata era stuzzicante). Sui divani non ho visto scopare nessuna, ma penso che sia per il Covid. In generale l'atmosfera la ricordo come molto gaudente e rilassata da parte delle fanciulle e degli orsi...

Engineer2013
Silver 36-50
28/07/2021 | 08:50

  • Like
    0

Engineer2013
Silver 36-50
28/07/2021 | 07:15

  • Like
    1

Una piacevolissima scoperta, dove il tempo sembra essersi fermato al 2019

FKK Babylon - sabato 17 luglio 2021 - Recensione di Engineer2013
COSTO INGRESSO: 75 euro tutta la giornata (bevande alcoliche comprese). Previsto un sistema di tariffazione progressiva in caso di permanenza per un numero ridotto di ore: 10 minuti gratis, fino a due ore 55 €, fino a quattro ore 65 €, giorno del compleanno 40 €
COSTO CAMERA ed EXTRA: 60 euro la prima mezz’ora. Un’ora 110 euro, due ore 210 euro. CIM 35 euro. Lesbo show 25 euro cadauna. Anal a discrezione delle operatrici (prezzo non richiesto).
COSTO e LUOGO PERNOTTAMENTO: struttura a Colonia a circa 30 euro la notte (solo dormire, niente colazione).
RAGAZZE PRESENTI: Contate una trentina, livello medio-alto, un paio di top, almeno tre intrombabili. Presente una buona varietà di etnie (Germania, Polonia, Ungheria) ma con la consueta prevalenza di “made in Romania”
SITO INTERNET DEL LOCALE: https://www.saunaclub-babylon.com/

17/7/2021: BABYLON ATTO I°
Dopo aver archiviato il venerdì al Bernds, avevo in mente di dedicare il “sabato del villaggio” a un altro locale che avrei voluto/dovuto visitare nel viaggio di marzo 2020: il Babylon di Elsdorf, a circa 45 minuti di auto da Colonia. A tal proposito vi rammento due cose: la prima è quando prendete le auto a noleggio dovete assicurarvi di rimuovere i documenti del vostro noleggio. Io ho trovato il contratto del precedente utilizzatore, peraltro nostro connazionale e chissà se anche “collega”: ho provveduto a strapparlo in mille pezzi ma ho pensato a come non prestiamo attenzione ai nostri dati personali. La seconda notazione riguarda gli autovelox o, come li indicano sui cartelli stradali tedeschi, “radar”: nel tratto di strada che è una specie di ponte e che attraversa il Reno il limite è di 60 km/h e ne ho contati una marea. Occhio a non schiacciare troppo il piede sull’acceleratore!
Nella giornata odierna il tempo è più benevolo rispetto al giorno prima: una nuvolosità mattutina ha lasciato il posto, intorno a mezzogiorno, a un bel sole caldo tipico di questa stagione.

LOCALE
Arrivo che sono circa le 12,30, in ritardo sulla mia tabella di marcia causa traffico e limiti di velocità dovuti a una infinità di lavori in corso: ho potuto tirare la macchina senza badare al tachimetro solo in un piccolo tratto di autostrada, ovviamente facendomi superare da Mercedes e BMW lanciate a tutta velocità. La Germania, unica nazione in Europa e forse anche nel mondo a non prevedere limiti di velocità su molti tratti autostradali, si conferma una nazione a cui ispirarsi. Non so se il locale sia raggiungibile con i mezzi pubblici, ma posso dirvi che si trova in un’area vicino all’uscita dell’autostrada.
Suono il campanello, mi viene subito aperta la porta e qui non posso fare altro che notare una cosa molto piacevole: zero uso di mascherine da parte di tutti i presenti (ragazze, orsi e personale del club). La signora all’ingresso parla un discreto inglese e mi chiede il green pass/vaccino: io, anche per provare la sua attenzione ai protocolli sanitari, le porgo il certificato vaccinale che in teoria non sarebbe valido perché non sono ancora trascorsi i 14 giorni dalla seconda dose. Ciononostante, la maitresse non fa una piega: si annota il nome riportato sul green pass e nulla più. Nessun controllo documenti (come invece il giorno seguente al Samya, ndr), nessun numero di cellulare da lasciare. Mi viene solo chiesto quanto ho intenzione di trattenermi perché in base a quello varia il prezzo di ingresso: comunque ho scritto tutto nella parte iniziale. Altra cosa che apprezzo è il listino delle prestazioni in base al tempo speso in camera: qui viene applicata una tariffazione regressiva che ha lo scopo di premiare chi si intrattiene di più con la fanciulla in camera. Niente accappatoi, ma solo asciugamani: all’ingresso se ne ricevono due di cui uno di dimensioni maggiori.
Promosse a pieni voti la pulizia e la cucina: quel giorno c’era davvero tanta roba da mangiare, che è cambiata anche nel corso della giornata. Birre (tutte le tipologie) comprese, cocktails e superalcolici a parte. Il locale si articola su tre piani: al piano superiore c’è una piccola terrazza, il kino e qualche camera. Al piano terra la parte principale: sauna, idromassaggio, bagno turco (non funzionante quel giorno), piscina, bar, ristorante, 4-5 camere, giardino (davvero bello), docce e spazio all’aperto per pranzare. Al piano di sotto la maggior parte delle stanze, gli spogliatoi delle ragazze, delle poltrone per rilassarsi e altre docce (poco utilizzate). In generale lo staff è gentile, ho notato che molti dei clienti sono abituali poiché il titolare (un tipo a metà strada tra Enrico Ruggeri e Marco Berry delle Iene) si fermava spesso a parlare con loro.

GIRLS
In generale l’approccio mi è piaciuto: non invadenti ma nemmeno mummie. Alcuni capannelli ma nulla di trascendentale. In particolare, mi ha colpito l’atmosfera rilassata: nessuna ti tartassa se le dici che non sei interessato (modello stalker per intenderci). Tuttavia, ero da quasi un’ora e mezza lì dentro e non avevo ancora trovato la fanciulla con la quale tenere a battesimo il locale fino a quando…non incontro una tedesca di Colonia: Annabelle, 27 anni, bionda, alta 1,72 cm., tatuaggio sul braccio dx. Ottimo social time in inglese, sensazioni positive e…così sarà! Una vera furia in camera, non si risparmia in nulla. Secondo la migliore scuola tedesca infatti, la signorina non dice mai di essere stanca o ti invita a concludere. Mentre la pompavo, scatta la voglia di threesome: le chiedo se ha un’amica teutonica da portare in camera. Prova a chiamarla al cellulare ma non risponde. Pazienza, sarà per dopo. Me la sono tenuta un’ora dove ho messo a dura prova le mie coronarie: CIM finale eseguito in maniera impeccabile. Davvero un gioiellino.

ANNABELLE: bellezza 8,5 (bonus di 0,5 per la mancanza di silicone) / partecipazione 9,5 (mantiene alto il ritmo per tutta la durata) / fucking expertise 9 (ha diverse frecce nel suo arco)

Saldato il dovuto (ricordate che qui il CIM costa 35 euro), prendo appuntamento con lei e la socia per le 17,30. Mi faccio una doccia e rientro nella sala principale per mangiare qualcosa.
All’ora concordata, dopo aver fatto prima un po’ di sauna per recuperare energie, si presentano puntuali le due fräulein: diciamo che la socia, che si chiama Vivien, è meno carina di Annabelle: 28 anni, fisico meno armonioso di quello della collega ma senza silicone anche lei. Annabelle nota il mio viso dubbioso, al che mi sussurra all’orecchio “vedrai che ti diverti”. In effetti la camera che ne segue è davvero di altissimo livello: bbj interminabile con leccate e succhiate su tutta l’asta e in zona scrotale, scopate in tutte le posizioni per entrambe (previo cambio del gommino, corretto), nessun rallentamento di ritmo o segno di stanchezza. Lesbo show in cui ovviamente al centro c’è chi vi scrive: erotismo unito a maialaggine. Volevo “champagnare” sul corpo di entrambe ma quando Annabelle mi inizia a cavalcare per l’ennesima volta mentre la socia mi lecca le palle, vengo felice come un bambino. Sono trascorsi (rectius, volati) oltre 60 minuti ma è stata un’esperienza quasi mistica. Le due sono molto affiatate, le consiglio senza se e senza ma.

ANNABELLE: v. sopra
VIVIEN: bellezza 7,5 (bonus di 0,5 per la mancanza di silicone) / partecipazione 9,5 (come la socia) / fucking expertise 9 (come la socia)

Pagato il dovuto (il lesbo show costa 25 euro cadauna) è giunto il momento di una lunga pausa per recuperare le forze: le due sessioni, specie l’ultima, hanno messo a dura prova il mio fisico. Quando non ho ancora deciso con chi intrattenermi, faccio mente locale sul fatto che dopo la sessione con Annabelle e prima del trio, avevo fatto la conoscenza di una peripatetica che sembrava tailandese. La ribecco verso le 20,30 ma è occupata: lo sarà per diverso tempo quel giorno. Aspetto paziente quando finalmente la vedo libera. Mi avvicino e chiedo se possiamo andare a sederci per un po’ di intimità. Lei si chiama Dolli e, udite udite, proviene…dalla Romania! Non sapevo se mettermi a ridere o a piangere, ma tant’è. Molto dolce nell’approccio, capelli neri ricci sulle spalle, pelle molto chiara, indossa delle micro-calze bianche che non toglierà nemmeno in camera (il motivo è che soffre tremendamente il solletico ai piedi e non ama farseli toccare). Dopo quasi dieci minuti sono io che le chiedo di prendere la chiave. Una volta in stanza, si dimostra la quintessenza del GFE: in particolare, ha una tecnica per cui ti accarezza la pelle con la punta delle dita che mi ha fatto provare più di un brivido. Nel bbj è da Oscar: lento, senza mani, salivoso il giusto. Nel trombo non è una pornostar ma nemmeno una moscia: riesce comunque a non far calare la tensione erotica: io mi sono voluto intrattenere un’ora e ritengo questo il lasso di tempo corretto per poterne apprezzare tutte le qualità. Divieto assoluto di fruizione del secondo canale ma…CIM da antologia del trombo! Davvero brava e affascinante, con quei tratti orientali che disorientano e che a me sono molto piaciuti.

DOLLI: bellezza 8,5 (bonus di 0,5 per la mancanza di silicone) / partecipazione 10 (puro GFE) / fucking expertise 9 (bbj davvero particolare)

Dopo aver corrisposto le spettanze dovute alla nipotina di Dracula, decido che per oggi può bastare: domani mi attende l’ultimo giorno al Samya. Col senno di poi mi pento amaramente della scelta, tanto che se dovessi tornare in Germania sicuramente questo sarà uno dei posti in cui metterò piede di nuovo.

THE END, titoli di coda

CONCLUSIONI
Domanda secca: ci tornei? Certamente sì. Il posto mi è piaciuto tantissimo: ambiente rilassato, zero rotture di palle per mascherine et similia, ragazze non invadenti, ottima pulizia (elemento per me fondamentale se ci devo passare tutta la giornata), cucina davvero buona, clientela tranquilla e in prevalenza autoctona. Forse con la stagione fredda questo locale perde un po', ma comunque a mio parere resta più vivibile in inverno del GT.
Certo, ho visto line up migliori nella vita ma le prestazioni ricevute nella giornata odierna hanno ampiamente compensato. Avrei voluto fare volentieri un giro di giostra con una bionda a cui ho visto fare diverse camere e il cui nome mi sfugge: ulteriore pretesto per tornarci, nell’auspicio che il Covid non rialzi la testa. Anche la varietà di etnie non mi è dispiaciuta affatto, salvo la consueta prevalenza di rumene. Non ho visto fidan$ati e zingarame spinto.
Di cose che davvero non mi sono piaciute non ne ho trovate: se non ci siete mai andati, fateci una capatina e poi mi direte. Lunga vita agli FKK, nonostante tutto e tutti!

Mi auguro di non avervi annoiato nemmeno stavolta.

Augen zu und durch
Auf wiedersehen!

Escortadvisor bakekaincontri_right itaincontri_desktop Escort Direcotory Escort forum escorta pecorizzami_right Escortime moscarossa_right Andiamo_desktop_right La_suite_home Felina_Barcellona_home Felina_Valencia_home Lounge_destra wellcum_right bacheca massaggi
Logo Gnoccatravels

Stai per entrare in una sezione vietata ai minori di anni 18 che può contenere immagini di carattere erotico, che tratta argomenti e usa un linguaggio adatto a un pubblico adulto. Se non sei maggiorenne esci immediatamente cliccando ESCI. Se non ritieni il nudo di adulti offensivo alla tua persona e se dichiari di essere maggiorenne secondo la legge dello stato in cui vivi e se, entrando nel sito, accetti le condizioni di utilizzo ed esoneri i responsabili del sito da ogni forma di responsabilità, allora puoi entrare in Gnoccatravels!

Gnoccatravels.com tutela e protegge i minori e invita i propri utenti a segnalare eventuali abusi, nonchè ad utilizzare i seguenti servizi di controllo: ICRA – Netnanny – Cybersitter – Surfcontrol – Cyberpatrol

Contenuti ed immagini qui presenti, sono stati ottenuti attraverso internet, quindi sono ritenuti di dominio pubblico, od autorizzati dagli interessati medesimi. Gli inserzionisti di Gnoccatravels.com dichiarano che gli scopi della pubblicazione richiesta sono leciti (secondo le vigenti normative in materia penale) e strettamente personali, quindi esentano i gestori del sito da ogni responsabilità amministrativa e penale eventualmente derivante da finalità, contenuti e azioni illecite, nonché da usi illegittimi e/o impropri della pubblicazione medesima.

Scegliendo ACCETTA ED ENTRA, l'utente dichiara di essere maggiorenne e di esonerare totalmente i fornitori del servizio, proprietari e creatori del sito Gnoccatravels.com dalla responsabilità sul contenuto degli annunci/inserzioni pubblicitarie e del loro utilizzo.

SONO MAGGIORENNE ESCI