Margerita_top_logo

taladro

Commenti

taladro
Silver
26/04/2016 | 18:54

  • Like
    1

@Alex21

A Cuba da un paio d'anni ci vado un periodo in inverno a vedere gli amici, a vedere le amiche (o le figlie o le nipoti delle prime, storiche), a farmi qualche mojito e qualche Cristal....e cercando di sfuggire quel mondo turistico-falso-americanizzato che avanza sempre più. Evito l'Avana, Santiago e, nei limiti del possibile, sto alla larga dalle altre due o tre città maggiori. Rifuggo del tutto le hall degli alberghi, le discoteche, miki, le ipocrite chicas ecc.

Tornando agli anni dell'Eldorado (per me, non certo per gli indigeni) devo dire che in quell'epoca

il regime (i due fratelli avranno mille difetti, ma senz'altro stupidi non sono e non lo sono mai stati.... hanno sempre avuto intelligenza e lungimiranza da vendere, oltre ad un attaccamento granitico al potere)

probabilmente si stava rendendo conto del cambiamento del mondo e del fatto che le mammelle della mucca russa potessero inaridirsi. Fui invitato dal ministero del turismo (erano digiuni, anzi analfabeti, di tutto ciò che era turismo, commercio, promozione e pubblicità ecc.) per esplorare zone, studiare possibilità ecc. Mi misero a disposizioni accompagnatori, guide, perfino un vecchio Dakota per girare l'isola, vedere, riferire... ero in molti casi guardato con sospetto, senz'altro spiato e studiato da polizie varie. ufficiali e non. Ma sempre in modo più "caraibico" che da Kgb. Visto che ero innocuo, a parte che per le sottane, mi lasciarono via via più libertà fino ad appoggiarmi in diverse iniziative semi-private (ricordiamoci era il paradiso socialista, con annesso di visioni fideliste, guevariste ecc). Anni di pacchia incommensurabile, periodo especial compreso. Ovunque arrivassi la "meglio gioventù" femminile della città era a disposizione.... nel senso che praticamente tutte erano curiose di conoscermi, di parlare del mondo esterno.... da lì con un niente di spagnolo, un minimo di galanteria, con una bevanda o una cena offerta.... tutto amichevole, spassionato, privo di interessi.... esageratamente troppo facile. Poi via via cambiarono le cose, diciamo con inizio dal 2000 in avanti ..... fino ad ora dove manca quasi niente

per omologarsi agli altri paesi vacanzieri dell'area con prostituzione sfacciata, prezzi, consumismo, volgarità e incultura compresi. E delinquenza, che anche se non ha raggiunto i livelli messicani e venezuelani, ne ha tutti i prodromi. Soprattutto all'Avana. Mi son detto che qualche quattrino l'avevo per poter sopravvivere, gli stimoli sessuali diventavano via via meno impellenti... era ora di cambiar aria. Ora viaggio qua e là in Europa, passando diverso tempo in Italia. Che ritengo il paese più bello al mondo per viverci (figa a parte, naturalmente). Ma mitigo a questa (grave) mancanza accompagnandomi ogni tanto con qualche cubana con la metà o un terzo dei miei anni (che importo temporaneamente).

Della mancanza di lavoro, della burocrazia e della altre magagne italiane ho la fortuna di potermene fregare. La corruzione c'è più o meno dappertutto ed i livelli nostri sono diversi ma non inferiori da quelli che puoi trovare in Africa o

Sudamerica, Isla compresa. Tutto qua.......

taladro
Silver
25/04/2016 | 06:20

  • Like
    2

Caro @mrn79....

Potrei scrivere un libro sui trent'anni (ventotto per l'esattezza)

nella Isla. Purtroppe/per fortuna ho ancora diverse amicizie in Cuba e se raccontassi tutto potrei crear loro dei problemi. Inoltre ho ancora un tarlo nel cervello, un briciolo di speranza che mi faccia tornare. Tirando fuori avventure e misfatti, rischierei di tagliare molti/tutti i ponti. Ti dico com'era nel '87 - '90. Gli stranieri presenti, grosso modo, erano addetti militari russi o colonnelli bulgari, tecnici della DDR... entrambe specie di personaggi tristi che mal si inserivano nel gioioso

modus vivendi latino/caraibico. C'erano fuggiaschi e idealisti provenienti dalle varie "rivoluzioni": tipi di Sendero luminoso, ex-Tupamaros, baschi dell'Eta che venivano accolti, coccolati e comunque controllati strettamente dal regime, trovavi ex-sindacalisti romani o emiliani dal passato nebuloso alla ricerca del paradiso dei lavoratori, convinti di averlo trovato. In questo aiutati dal fatto di palpare quotidianamente chiappe di diciottenni (o sedicenni o quattordicenni). C'era qualche messicano o argentino o spagnolo che trafficava ogni genere di merce, legale e non o che millantava esperienze in diversi campi. In qualche caso sopportati, in qualche altro aiutati dal governo obbligato dalla chiusura commerciale col mondo capitalistico-occidentale.

Il mio primo impatto fu, arrivato una sera all'Avana, ed uscito dall'Habana Libre, di venire avvicinato da due splendide ragazze che mi chiesero di andare ad una festa con loro. Le mie esperienze allora erano state quelle di un italiano "normale": qualche fidanzatina, qualche scopata qua e là... ma sempre con fatica e con ragazze diciamo da 6 (o 5 o .... 3..... ehhhh la fame cosa ci fa fare!!!), con qualche eccezione da 7. Qui erano due strafighe da 9 ed io, troppo sorpreso o impaurito o incredulo, rifiutai. I due giorni successivi li passai con un simpatico funzionario del ministero che mi aveva invitato che mi portò in giro, raccontandomi di Cuba, dei problemi, delle aspettative e delle abitudini della gente, poi mi invitò allo spettacolo del Tropicana. Puoi immaginare cosa rappresentò per me vedere cinquanta, ottanta ballerine, tutte super ragazze e la sorpresa, dopo lo spettacolo di essere invitato ad unirmi ad alcune di loro, per bere, raccontare dell'Italia, ballare, e poi di seguito di fare l'amore con qualcuna o solo una trombata di una sera con un'altra

... che per loro era naturale mentre io provenivo dalla provincia italiana

dove era ancora difficile se non proprio un tabù....

da li vennero le prime conoscenze, i legami, le centinaia di avventure, relazioni con un mondo meraviglioso. E le altrettante scopate.... eh eh eh. Nella capitale prima e poi in tutta l'isola. Un mondo, povero (ma non ancora molto.... non era ancora arrivato il calcio nel culo dai russi) ma festoso, esuberante, curioso che mi stregò del tutto da condizionare buona parte della mia vita.

taladro
Silver
22/04/2016 | 14:10

  • Like
    0

@elyonky

letto tutto... e capisco che possa essere un modus vivendi accettabile. Dico accettabile, non auspicabile o fastoso. Dipende da quanto si sta/stava male in Italia, dalle abitudini che uno ha, dall'insofferenza alle melanzane, dallo stato di salute (ho vissuto molte volte, per fortuna non sulla mia pelle, l'esperienza della "sanità" cubana.... Dio ce ne scampi!!), dall'età, dall'accettare burocrazia, regole, ipocrisie indigene ecc ecc.

Temo però che sia uno standard di vita (no auto, hotel al mare di quando in quando, maiale riso e fagioli, fagioli riso e maiale, riso fagioli e maiale con ogni tanto un pollo o un'aragosta di contrabbando, abajones, colera tifo e dengue nell'epoca delle piogge ecc ecc) che alla lunga, figa a parte, diventi noioso o fastidioso.

Potrei raccontare decine di aneddoti sul vivere o sopravvivere cubano e sulle mille difficoltà di vivere nella Isla. Vedrai che quando ti sarà venuta a noia la salsa e il meregue, quando avrai palpato qualche centinaio di culi, quando avrai provato tutte le mille sfumature di negre, mulatte, chine, bianche, indie probabilmente ci ripenserai un pò. Comunque auguri.

taladro
Silver
21/04/2016 | 18:27

  • Like
    0

@Elyonky

hai fatto una disanima più o meno reale. La domanda che mi pongo però è che vita è??? Ne vale la pena?

Aggiungerei alcune annotazioni:

  • Se per avere la visa, la casa e impiantare qualsiasi business, ti devi sposare, hai (realisticamente) un 80% di probabilità di essere fregato.

  • Per lavorare On-line spendendo a cuba.... presuppone un internet efficiente, Inoltre i guadagni dove li fai arrivare? In Italia, tassati. A Cuba in balia delle disposizioni governative (ricordo i vari blocchi dei c/c accaduti nei vari anni ecc ecc)?

Ultimo, per vivere decentemente a Cuba (auto indispensabile, visto i trasporti inefficienti. Cibo un pò variato, lavori per avere una casa con sistema elettrico, idraulico ecc efficiente, parabolica - proibita ma indispensabile, qualche mojito, qualche discoteca ecc ecc calcola almeno 2500/3000 euro al mese. E questi quattrini non li guadagni affittando casa o con dei taxi o portando valigiate di scarpe o reggiseni da vendere.

taladro
Silver
21/04/2016 | 06:03

  • Like
    0

@cubarumba

a volte ci si trova in mezzo a situazioni senza deciderlo a priori, Capita così, per caso.

Io

sono stato fortunato (molto fortunato) che non ho perso dei quattrini, non mi han messo in galera, ne cacciato .... anzi qualche spicciolo mi è saltato fuori. Diciamo che, grosso modo, ora che son rientrato, ho gli stessi soldi di quando ho iniziato la mia attività a Cuba. Dipende da come uno la vede.... anni buttati via? Io ho fatto quasi trent'anni principeschi, scopato tutto il meglio scopabile, riverito, festeggiato e concupito.... Non ho messo via milioni ma passato anni per cui molti avrebbero pagato cifre folli. In fin dei conti dipende da quello che uno cerca..........

taladro
Silver
15/04/2016 | 07:25

  • Like
    0

@churros e altri

certo c'è qualche straniero che, per il momento, ha messo in piedi qualcosa e, ripeto per il momento, se la sta passando bene. Pero potrei citare almeno cinquanta casi di canadesi, peruviani, messicani, spagnoli, italiani ecc che, quando le cose prosperavano sono stati messi in condizione di andare via, senza salvare un quattrino. E lo Stato, o il prestanome, o la novia si sono impadroniti di tutto..... lasciando andare a ramengo il tutto nel giro di poco tempo. Per il momento vale ancora la regola che per avere la speranza di portare via un milione da Cuba, ce ne devi portare almeno tre. Poi se va tutto bene e non finisci in galera con un motivo qualsiasi.... ne riporti fuori uno.

Hasta luego......

taladro
Silver
08/04/2016 | 18:35

  • Like
    0

Che dire.... hanno già detto tutto @itaconeti, @strutter, @cubarumba ecc ecc. Io ci sono andato la prima volta nell'87 e poi ci ho vissuto, e lavorato, dal 89 fino all'anno scorso. Ho vissuto i momenti d'oro dei casting alla Maison, dell'essere tra le poche decine di stranieri, coccolati ed autorizzati, non facenti parte del "patto di Varsavia". Delle feste con le attrici, le ballerine del Tropicana ecc ecc. Da paradiso della figa ho visto l'sola man mano deteriorarsi a poco a poco, prima con l'avvento dei primi turisti, più o meno a cavallo del "periodo especial" del 91, poi con l'avvento delle orde di "senzafiga" cronici.... poi via via peggio con spagnoli, messicani, canadesi, italiani che si accaparavano le migliori (di testa e di corpo) e se le portavan via. Già nel 91-94 tra "quinta" e Malecon trovavi alla sera tra le due e trecento ragazze disponibili per compagnia, per una serata, per un'avventura. Alcune, un dieci per cento, jinetere e prostitute (anche se non propriamente come si intende qua). Le altre studentesse, ragazze varie ecc. che magari non disdegnavano qualche pesos, ma volevano principalmente chi le invitasse a ballare, ad una cena, ad un gelato. La "produzione" di belle ragazze, sane e divertenti si è sempre più mercificata ed avariata. Oltre alla strafighe, sono diminuite o perfino venute a mancare anche la spontaneità, l'allegria, il disinteresse. Delle ragazze in particolare ma direi degli indigeni in generale.... fino a che ho deciso di togliere le palle dall'isola. Complice anche l'essere sazi, il rifiuto di vedere il degrado di un luogo in cui son stato felice..... e, naturalmente, anche l'età.

taladro
Silver
23/03/2016 | 11:54

  • Like
    0

@itaconeti

cit."per esempio un lavoratore cubano che riceve 600 cup costa all'azienda straniera 600 cuc e in più deve trovare il modo di dargli un premio in cuc altrimenti per 600 cup non fa un tubo"

esatto, un lavoratore che in messico costa 500 dollari, in cuba prende 500 pesos, ma all'azienda straniera costa 500 cuc, più almeno 2/300 in nero al lavoratore, altrimenti non lavora. Oltre a rubarsi i cacciaviti, .e pinze ed ogni dotazione, o la benzina ecc ecc. Inoltre se fuori Havana l'azienda deve provvedere alla mensa (leggasi cuoco-cuochi), magazzinieri per cibo, autisti e mezzi per trasporto al luogo di lavoroecc ecc.

Poi, se l'azienda è medio-grande si è obbligati ad avere gerente cubano (messo dal partito), persone del recurso humano (pseudo sindacalisti), un sacco di contabili, capetti, parassiti vari......

Tutti pagati in Cuc e che prendono pesos, quindi da foraggiare in nero per farli lavorare o comunque non averli comunque contro....

taladro
Silver
03/09/2015 | 14:35

  • Like
    0

@FlautoMagico

cit.

il pericolo è che ora "una donna [cubana] può anche valutare la simpatia, la nazionalità e quant’altro".

Esatto!! Solo che (moltissimo) tempo fa questo era un vantaggio. Ora pero una cubana valuterà simpatia, nazionalità e quant'altro (censo) sempre più come un'italiana. Quindi (per un GT) perchè andare a Cuba?!?! Magari per il clima, la musica, i sigari....

semprechè queste siano cose fondamentali per un GT.

taladro
Silver
02/09/2015 | 13:37

  • Like
    1

@cubarumba

Devo premettere che a Cuba ci ero finito un pò per lavoro e un pò per caso. Erano verso la fine degli anni '80. Il discorso figa era importante ma non preminente, visto che mi difendevo benino anche in Italia. I primi dieci-quindici anni sono stati un susseguirsi di avventure, di imprese, di ragazze di ogni tipo. Una vera sbornia di opportunità, di affari e, naturalmente, di figa. In questo facilitato dal sistema "ingessato" e chiuso (con mille disservizi e disorganizzazione) e che aveva bisogno di sbocchi economici di ogni genere. Il fatto di essere straniero e proveniente dal "capitalismo" ti faceva esser guardato con sospetto ma anche con curiosità, e ti apriva mille porte. Potevi passeggiare tranquillo alle tre di notte per Avana, con qualsiasi ragazza che fermavi per un'indicazione ci potevi chiacchIerare. Era pieno di studentesse, giovani laureate che ti invitavano a casa, a ballare, alle feste. Tutto assolutamente free. Poi ci sono stati gli anni del business ma anche dell'apertura al turismo e, di riflesso, al mondo occidentale. Sempre con tanta figa. Diciamo free o in parte indipay ma non con l'accezione squallida che leggo su GT. Poi tutto si è deteriorato man mano: tutto

mercificato, tutto interesse..... diciamo che cubani hanno perso la spontaneità. Ora penso che non ne vale più la pena, o forse ho meno bisogno di dover lavorare o sono meno incline a lottare. O forse sono meno disposto ad accettare le mille scomodità o insufficienze o problematiche della realtà cubana (non trovare un meccanico, non poter comperare un'auto, non poter avere più di tre gusti nella gelateria o tre tipi di piastrelle, non avere facilmente accesso a notizie, non trovare chi sa montare una doccia ecc ecc. tutte le mille cose che conosce bene chi va da tempo nell'isola). Tutto questo aggravato dal fatto di operare in provincia e non all'Avana. Magari mi stimola di più poter leggere la "Gazzetta" ogni giorno e farmi la partita a scopa con gli amici. O forse che, dopo diverse centinaia di bionde, more, mulatte, modelle ecc ecc.

il discorso figa è meno importante o che non accetto di venir usato come un bancomat. Sarà anche che a sessant'anni mi tira un pò meno. Ripeto manco da meno di un anno.... e torno tra un paio di mesi. Chissà...........

taladro
Silver
01/09/2015 | 20:51

  • Like
    0

Non è necessario tagliarselo...... sta già cadendo di suo ....... oh yeah :-))

taladro
Silver
01/09/2015 | 14:32

  • Like
    1

@forzanat

Mi spiace leggere report solo di tariffe, costi, risparmi ecc.... Cuba non era così. Trovo anche squallido certe valutazioni costo/tempo/scopata. Il prossimo inverno ci tornerò per qualche mese: ci sono amici ed amiche da salutare, ex-novie da rivedere, alcuni residui affari da chiudere. Mi guarderò un pò in giro, cercando di fiutare "dall'interno" realtà e possibili evoluzioni, fuori dai giri turistici ed economici soprattutto habaneri. E poi vi dirò le mie impressioni.

Non su discoteche, luoghi di perdizione e jinetere..... ormai son fuori da quei giri (in cui ho vendemmiato per diversi anni).

taladro
Silver
01/09/2015 | 09:52

  • Like
    0

Ha ragione @flaco84, come pure @Gnokbuster.

Manco da Cuba da quasi un anno, dopo esserci vissuto e lavorato per quasi trenta....

Ho avuto centinaia di relazioni, avventure, fidanzamenti con modelle e jinetere, brave ragazze (si, ne esistono ancora, solo che non le trovi elle discoteche). Qualcuna me la sono portata in Italia per qualche periodo. Ho deciso di andarmene dall'isola perche ho visto, anno dopo anno, perdere la spontaneità ed il calore. Specialmente in questi ultimi dieci anni tutto si è corrotto, tutto si è mercificato. Ora è un troiaio, sta aumentando l'insicurezza e Cuba si sta pian piano omologando con gli altri paesi caraibici ormai americanizzati. In questo anno naturalmente ho continuato a leggere i vari thread sull'isola, un pò per curiosità e un pò per nostalgia. E più ne leggo più son convinto di aver fatto la scelta giusta. Anche se dolorosa.

taladro
Silver
22/08/2015 | 11:53

  • Like
    0

@tony76

bravo, hai sintetizzato nelle prime tre righe una grande verità. Oltre Miami, Seul ecc. puoi aggiungere Roma o Milano......

taladro
Silver
13/08/2015 | 19:35

  • Like
    0

Grazie a tutti per questa messe di notizie. Sto leggendo tutto con estremo piacere

taladro
Silver
12/08/2015 | 15:58

  • Like
    0

taladro
Silver
11/08/2015 | 21:38

  • Like
    2

capita troppo spesso di generalizzare, e magari di fare di proprie esperienze la regola comune.

Credere che lo stipendio di un medico o di una poliziotta sia reale ed adeguato è sintomo di conoscere poco la realtà cubana. Gli stipendi sono bassi ma tutti hanno o fanno poi parte di un'economia parallela in quanto ogni singolo cubano per vivere (sopravvivere) necessita di 100 cuc al mese. Ecco che il medico all'ospedale si vende le medicine, il poliziotto ti ferma e quando ti ha succhiato 10 cuc. ti lascia andare. L'autista di autobus si ruba la benzina e la vende nella calle, la ragazza con due pompini mantiene la nonna ecc ecc.

Poi sappiamo che possono anche esistere poliziotti onesti, ragazze serie ed illibate, come politici incorruttibili. Decidete voi quanto possono essere rare queste eccezioni. Al di là di questo pagare una scopata 100 cuc è un'esagerazione, un pò fuori dalla situazione.... ma c'è magari la superfiga o la modella, c'è chi è inesperto o plagiato, chi vuol fare lo sborone, chi è esperto ma magari si rende conto di una situazione difficile e capisce che 100 cuc per lui non sono niente e fa felice una famiglia ecc ecc. Alla fine i soldi son fatti per essere spesi, ognuno ne può far l'uso che più gli aggrada, tenendo che siamo in vacanza, Nessuno si fa male e la vita va avanti....

taladro
Silver
10/08/2015 | 21:28

  • Like
    0

taladro
Silver
10/08/2015 | 21:27

  • Like
    1

Stanno iniziando, alcune giovani ma il mercato non è maturo. Si credono tutte strafighe e chiedono la luna. Non rinunciando all'essere stronze. Quindi valore qualità/prezzo è ancora, per il momento, a favore dei soliti lidi esteri. Quindi val ancora la pena di prendere un'aereo e lasciar perdere le nostrane melanzane indi-pay. Che la crisi ha cambiato e sta cambiando le cose si nota però nel fenomeno, di cui sono attento osservatore, delle loft-girls. Io vivo in una piccola cittadina e cinque anni fa, per esempio, su Bakeka trovavo 6-8 annunci, tutti di venezuelane, ceke, colombiane e simili. Nessuna o al massimo una italiana, attempata. Ora, sempre sulla stessa rubrica ce ne sono mediamente 35 di cui circa metà italiane. Disoccupate? Casalinghe? La crisi e la concorrenza faranno il miracolo?

taladro
Silver
09/08/2015 | 12:03

  • Like
    3

..... quante volte mi è successo di stare in disco, o al bar con amiche o collaboratrici cubane (amiche vere, da anni) di vedere bei ragazzi e sentir commentare tra loro la frase tranchant "no sirve". A parte il discorso free, indipay ecc la valutazione del maschio da parte delle cubane e diversa. In prima posizione sta la capacità di "provvedere" alla donna.... sia con stranieri che con cubani. Bellezza, saperci fare passano in secondo luogo. In quanto poi alla "potenza" sessuale, ci pensano poi loro a stimolare e tirar fuori ogni energia. Che una ventenne si accompagni con uno straniero cinquantenne può apparire strano a noi, ma a Cuba è normalissimo vedere ragazze con fidanzati, amanti, mariti indigeni con il doppio degli anni loro.

Sara che probabilmente alla base c'è nel subconscio la ricerca, primitiva o animalesca, del maschio che può e deve provvedere e difendere... e mentre una volta questa era prerogativa della forza fisica ora lo è più della forza economica che difficilmente un giovane può avere. Teoricamente questo dovrebbe valere anche per le italiane ma ora certi parametri sono cambiati. In parte per la maggiore autonomia anche economica, in parte perchè tv, giornali, Grande Fratello, Amici ecc hanno farcito il loro cervello di montagne di merda.

taladro
Silver
07/08/2015 | 17:41

  • Like
    0

@FlautoMagico

Certo!! Gnoccatravel più "aperto" ai servizi (servizi intesi anche come "servizietti") agli utenti e con filtri importanti a discussioni inutili, seghe mentali, diatribe noiose....

taladro
Silver
07/08/2015 | 17:23

  • Like
    0

@Gnoccatravels

Ben detto!!! Porte sbarrate alle melanzane spaccapalle !!! Magari aprire una sezione dove possano accedere femmine, ma previo controllo nazionalità: si accettano solo con passaporto russo, ucraino, thailandese, filippino, cubano, brasiliano ecc ecc

taladro
Silver
07/08/2015 | 17:16

  • Like
    2

@itaconeti

"loro rientrano nella categoria delle imbrogliate e voi in quella dei furfanti nopay"

Frase storica!!!!! Complimenti! Andrebbe scritta all'inizio di ogni Thread su Cuba, stampata sui biglietti aerei, tatuata sulla fronte di tanti bellimbusti, soprattutto nostrani.

Standing ovation!

taladro
Silver
06/08/2015 | 21:41

  • Like
    0

non dico che non sia possibile scopare gratis a Cuba, può capitare. Anzi vivendoci mi è successo parecchie volte.... più spesso ho pagato, magari non direttamente e in contanti. Ma è quando sento "ci devi saper fare e devi anche piacere" che mi girano i coglioni e penso "ecco un'altro che ha scoperto l'acqua calda"......

taladro
Silver
06/08/2015 | 21:37

  • Like
    0

Già cosi si sono infiltrate nel tempo un sacco di moraliste, giudicanti e spaccacoglioni varie ecc. Innescando diatribe inutili e stucchevoli. Per favore lasciamo perdere...

taladro
Silver
26/07/2015 | 16:39

  • Like
    0

si ma lo yuma non lo sa o non dovrebbe saperlo e questo lo rende ignaro e quindi felice e contento. Il cubano d'accordo che è il mantenuto ma ne ha la certezza..... quindi cornuto consapevole. Non so quale sia la parte migliore nella commedia.

taladro
Silver
26/07/2015 | 11:43

  • Like
    0

Situazioni viste e conosciute decine di volte... il "lui" è quasi sempre il cugino che vive in casa. Non è giusto generalizzare ma ci sono molti maschi cubani che ritengono normale

che la propria donna si faccia scopare da uno Yuma per mantenerli. Lo scopare con lo straniero non viene considerato da loro "corna" anzi ne vanno orgogliosi della propria donna.... Questo dipende anche dal fatto che il valore del sesso per i cubani è pari a zero.... si scopa per simpatia, per noia, per soldi, per un regalino o una sigaretta. Siamo noi che gli diamo un valore diverso forse più morale o affettivo e che quindi rimaniamo straniti da certi comportamenti. Parecchi mi mostravano il cellulare che lo Yuma aveva appena regalato alla "lei" o mi chiedevano di cambiare gli euro che lo yuma aveva appena lasciato. E, questo tutti i cubani, considerano lo straniero il cornuto, la vittima sacrificale. Certo lo yuma è l'ingenuo ma magari la chica che poi bacia appassionatamente il proprio novio cubano, ha appena finito di succhiare l'uccello al sessantenne italiano o canadese.....

taladro
Silver
24/07/2015 | 11:31

  • Like
    0

taladro
Silver
22/07/2015 | 21:08

  • Like
    1

Ciao.... prima volta a Cuba? Stai solo un paio di settimane? Modelle e strafighe scordatele. Te lo dice uno che ha vissuto gli ultimi trent'anni in Cuba e si è fatto diverse decine e decine delle migliori bellezze dell'isola. Oltre a quelle così così. Se ti va bene, ma molto bene, troverai quelle da 5-6-7 e pagandole come in Italia... con un pò di più di "cornice" tipo belle scopate qualche mi amor ecc. E occhio alle mille inculate dietro l'angolo. Mangiare bene, veramente bene..... idem. Ci sono diversi paladar buoni, ma mai eccelsi. Non farti infinocchiare dai tassisti, ti mandano dove hanno la commissione.... e generalmente sono trappole per turisti. Specialmente ora che Havana ci sono migliaia di americani. Per belle spiagge vicino ad Avana di bello non c'è niente se non il troiaio di Playa dell Este. Altrimenti Varadero a 130 chilometri: belle spiagge, zero figa, praticamente una Rimini con spiagge più belle e la ventesima parte di divertimenti. Buona fortuna

taladro
Silver
14/07/2015 | 17:08

  • Like
    0

@sexybangkok

Come quello su Santiago..... questo thread ha quasi 300 interventi, anche questo con polemiche, divagazioni su altre città, parti inutili ecc. Non si può chiudere ed aprirne uno nuovo? Per facilità di lettura. Grazie

taladro
Silver
14/07/2015 | 17:06

  • Like
    1

@sexybangkok

questo thread ha quasi 1000 interventi, con polemiche, divagazioni, parti inutili ecc. Non si può chiudere ed aprirne uno nuovo? Per facilità di lettura econsultazione. Grazie

taladro
Silver
10/07/2015 | 20:19

  • Like
    0

@Domingo

per favore, dove ti rivolgi per voli Condor? Scali?

Grazie, ciao

taladro
Silver
29/06/2015 | 22:11

  • Like
    1

@pachito

mah.... il passaporto era senz'altro da togliere ai cojones ed agli idioti, ma anche ai pezzenti, ai senza-figa cronici, ai buzzurri, ai pedofili, ai maniaci e poi a tutti quelli che hanno trasformato un'isola dal sesso facile e libero a un bordello dove tutte e tutto è a pagamento. Comunque il "mercato" è cambiato per diversi fattori.... soprattutto per maggiore informazione sul mondo esterno, aumento dei beni o gadget di consumo, rientro dei cubano-americani, i racconti degli e delle espatriate.... insomma per il mondo che va avanti... non sempre in meglio.

taladro
Silver
29/06/2015 | 01:53

  • Like
    0

diciamo che Havana a parte, dove è aumentato e sta aumentando tutto, il resto del paese è grosso modo come prima. E, come sempre, chi si sente figa e vuol farla fruttare, se ne va nella capitale.

taladro
Silver
28/06/2015 | 21:22

  • Like
    0

Ci sono dappertutto ma direi che le cubane sono "attrici" più passionali con interpretazioni da Oscar. Ma questo perchè la parte la studiano e perfezionano aiutate da amiche, sorelle maggiori, madri........... oltre, certamente,

al talento naturale

Escortadvisor escorta moscarossa_right escortinn Mille_erotici_desktop La_suite_home Felina_Barcellona_home Felina_Valencia_home Margarita_destra Oceano_home Mombasa_resort Trans_Secret_right Apricots le_privee Haima_desktop Escort Direcotory Escort forum wellcum_right sugargilrs_right Oxyzen_right bacheca massaggi
Logo Gnoccatravels

Stai per entrare in una sezione vietata ai minori di anni 18 che può contenere immagini di carattere erotico, che tratta argomenti e usa un linguaggio adatto a un pubblico adulto. Se non sei maggiorenne esci immediatamente cliccando ESCI. Se non ritieni il nudo di adulti offensivo alla tua persona e se dichiari di essere maggiorenne secondo la legge dello stato in cui vivi e se, entrando nel sito, accetti le condizioni di utilizzo ed esoneri i responsabili del sito da ogni forma di responsabilità, allora puoi entrare in Gnoccatravels!

Gnoccatravels.com tutela e protegge i minori e invita i propri utenti a segnalare eventuali abusi, nonchè ad utilizzare i seguenti servizi di controllo: ICRA – Netnanny – Cybersitter – Surfcontrol – Cyberpatrol

Contenuti ed immagini qui presenti, sono stati ottenuti attraverso internet, quindi sono ritenuti di dominio pubblico, od autorizzati dagli interessati medesimi. Gli inserzionisti di Gnoccatravels.com dichiarano che gli scopi della pubblicazione richiesta sono leciti (secondo le vigenti normative in materia penale) e strettamente personali, quindi esentano i gestori del sito da ogni responsabilità amministrativa e penale eventualmente derivante da finalità, contenuti e azioni illecite, nonché da usi illegittimi e/o impropri della pubblicazione medesima.

Scegliendo ACCETTA ED ENTRA, l'utente dichiara di essere maggiorenne e di esonerare totalmente i fornitori del servizio, proprietari e creatori del sito Gnoccatravels.com dalla responsabilità sul contenuto degli annunci/inserzioni pubblicitarie e del loro utilizzo.

SONO MAGGIORENNE ESCI