Gnoccapacker

escort_365

Commenti

Gnoccapacker
Newbie
30/05/2016 | 15:34

  • Like
    0

@imperator mi dispiace ma a Mtwapa non sono mai stato e non ho proprio idea di come sia, però se cerchi sul forum ci sono tanti che ci sono stati. Ne parlano tutti molto bene comunque. Malindi non mi ha entusiasmato quando ci sono andato io, ma parlo di qualche anno fa e forse è dipeso dal fatto che era in un periodo di bassa stagione.

Per evitare episodi spiacevoli e prendere tutte le precauzioni del caso, inoltre, ti consiglio di leggere i post che parlano di Malindi e Mtwapa, perchè alcuni GT hanno avuto dei problemi con delle pay.

Gnoccapacker
Newbie
30/05/2016 | 03:34

  • Like
    0

@Imperator, scusami pensavo ti riferissi ai taxi collettivi e non allo smartphone. Sì ho scritto "durante il giorno", perchè di notte per me era sottinteso. Mi spiego meglio comunque, secondo me quando cammini in centro a Nairobi puoi usare un buono smartphone per chiamare, scrivere qualche sms e cose del genere, ma se lo guardi in continuazione per guardare le mappe o usare il gps, visto che non conosci le strade, sicuramente darai nell'occhio. Qualche ladruncolo fiuterebbe subito che sei un turista poco esperto della città e quindi potrebbe tentare di truffarti o derubarti (la rapina mi sembra meno probabile, perchè le vie sono molto affollate). Di notte ovviamente uno smartphone costoso diventa ancora più appetitoso :)

Gnoccapacker
Newbie
30/05/2016 | 02:32

  • Like
    0

@sahile la maggior parte di bianchi che si vedono in centro credo anch'io che siano gente che vive o lavora lì e conosce la zona, più qualche turista di passaggio che ha in programma di visitare i parchi. Aggiungo inoltre che durante il giorno nella zona di River road di cui hai postato il video non si vede alcun bianco o comunque pochissimi. Quando affermavo di aver visto bianchi in giro in centro mi riferivo ad un'altra zona, quella tra Moi avenue, Tom Mboya street e Kenyatta avenue per intenderci. Questo lo definirei proprio il centro del centro, dove ci sono parecchi negozi, ristoranti, supermarket e caffetterie dove si incrociano anche bianchi

Gnoccapacker
Newbie
30/05/2016 | 01:39

  • Like
    0

@Imperator quello che afferma Sahile nel suo terzultimo post riguardo ai costi nella maggior parte delle capitali africane è del tutto corretto secondo me. Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, gran parte del continente nero non è affatto una meta turistica economica. L'unica cosa su cui non sono d'accordo è il fatto che

sarai l'unico bianco in giro in centro a Nairobi: ti posso garantire che nel centro di Nairobi durante il giorno si vedono anche molti bianchi.

Per quanto riguarda i taxi collettivi, dopo il tramonto le il numero di corse diminuisce e diventa ancora più difficile orientarsi, anche perchè molti quartieri sono poco illuminati, e credo sia molto rischioso muoversi a piedi, soprattutto se non si conosce la zona. Personalmente sono andato in giro anche di notte, ma solo per percorrere brevi tratti a piedi in centro. Una zona off limits dopo che cala il buio credo sia tutta l'area attorno a River road, che di giorno è molto affollata (occhio al portafoglio e agli altri effetti personali), ma col buio il rischio di rapina a mano armata diventa elevato, specie per un bianco. Di sera, anche in pieno centro, capita ad esempio di vedere gruppetti di ragazzini strafatti di colla che possono essere imprevedibili. Io non sono uno a cui piace creare facili allarmismi, cerco di essere obiettivo per ridurre i rischi al minimo

Gnoccapacker
Newbie
29/05/2016 | 16:17

  • Like
    0

@Imperatore io in alcune località uso spesso i taxi collettivi e ricordo che un'amica di Tokio li usava regolarmente anche a Nairobi, ma considera che in una grande metropoli come Nairobi ci sono numerose tratte, quindi occorre un po' di tempo per iniziare ad orientarsi. Prima di salire a bordo comunque chiedi info ai locali o chiedi info anche in albergo sui collegamenti per raggiungere le varie zone della città. Loro ti sapranno indirizzare. Dal tramonto in poi non li puoi più usare. Ti sconsiglio anche di andare in giro con lo smartphone (magari costoso) durante il giorno e di usare il gps per trovare quello che cerchi: daresti troppo nell'occhio. Sull'hotel che hai linkato davvero non so darti un consiglio, perchè non conosco la zona, fossi in te comunque mi fiderei del mio intuito, piuttosto che di quello delle ragazze con cui sei in contatto, perchè loro spesso non considerano i costi relativi ai trasporti. Valuta tu qual è la location migliore per te come rapporto qualità-prezzi. In ogni caso, quando sarai sul posto, se capisci che un hotel è scomodo e trovi di meglio puoi sempre cambiare

Gnoccapacker
Newbie
29/05/2016 | 10:40

  • Like
    0

@Imperator non ci sono stato e non credo di conoscere la zona, ma mi sembra una zona residenziale. Se così fosse, tieni conto che potresti avere una scelta limitata sia di ristoranti in zona, sia di altri servizi (banche, ecc.) e saresti anche lontano dalla nightlife del centro e da quella di Westlands, ma in compenso potrebbe essere una location rilassante. Questi fattori comporterebbero dei costi extra non indifferenti. Ad ogni modo fai tu le tue considerazioni e scegli sulla base delle tue esigenze personali (io non so quali siano)

Gnoccapacker
Newbie
28/05/2016 | 10:58

  • Like
    0

@Imperator, se hai una settimana circa, come mi è parso di capire, e considerati i prezzi elevati dei taxi a Nairobi, la soluzione più adatta per te potrebbe essere quella di alloggiare 3 giorni in un hotel da 40 USD circa in centro. Giri un po' il centro e ti fai una prima idea di questa zona. Dopo ti trasferisci (ma prenotala sin da adesso) per altri 3 giorni in una delle poche strutture economiche della zona di Westlands: sono 50 euro a notte all'incirca. Per questi 3 giorni ti muoverai a piedi in quell'area. Per quanto riguarda le ragazze, per contenere i costi, puoi trascorrere più giorni con la stessa ragazza, o anche una settimana intera se capisci che ne vale proprio la pena.

Gnoccapacker
Newbie
27/05/2016 | 20:27

  • Like
    0

@imperator Diciamo che Westlands è la zona di Nairobi frequentata dagli stranieri residenti, altro non so. Per il safari di 3/4 giorni al Masai Mara + Nakuru i prezzi variano molto, dipende comunque dall'agenzia turistica a cui ci si rivolge. Dovresti dare un'occhiata sul web o informarti a Nairobi stesso sui diversi pacchetti

Gnoccapacker
Newbie
27/05/2016 | 16:59

  • Like
    0

@imperator nessun problema nè mancia per portare gnocche in camera all'Hotel Embassy. Se rimani qualche giorno a Nairobi, ti consiglio di visitare il museo con annesso rettilario e il Nairobi National Park. Sappi anche che Nairobi è un'ottima base per un'eventuale safari (min. 3 giorni) al famoso Masai Mara e al parco Nakuru. Questi ultimi sono 2 posti splendidi e imperdibili. Nell'eventualità tu andassi a dare un'occhiata alla nightlife del quartiere Westlands e mi dessi qualche info sui costi e la logistica in quell'area, te ne sarei molto grato, Buon divertimento e fai attenzione ovunque in Kenya, sia sulla costa che nella capitale

Gnoccapacker
Newbie
27/05/2016 | 02:33

  • Like
    0

@Imperator io alloggiavo all'Hotel Embassy, che è proprio in centro. Credo che fosse intorno a 40 USD a notte. C'è anche il ristorante. L'hotel è spartano, ma per i miei standard andava bene. Vicino la moschea c'è un discobar frequentato quasi esclusivamente da locali e dove non ho visto alcuna pay. Lì non è facile fare conoscenza. Sempre in centro c'è il bar Simmers, pieno di pay piuttosto aggressive e di livello medio-basso, con qualche eccezione. Se ne carichi una, stai in campana, perchè pare che alcune di queste pay ti svuotano la camera. Fuori dal centro, un alloggio molto economico è l'ostello che sta in zona Milimani (e che prende il nome proprio da questa), che ha anche delle piccolissime camere singole con bagno in comune. E' molto frequentato da ragazzi stranieri. Non mi sembra comunque un posto adatto per portare la gnocca in camera. La zona di Westlands purtroppo non la conosco. Confermo quanto già scritto da altri: taxi carissimi e città pericolosa, tanto che la chiamano Nairobbery. Affittare un'auto mi sembra una follia: è molto caotica e c'è un'altissima percentuale di incidenti, anche gravi

Gnoccapacker
Newbie
20/05/2016 | 20:10

  • Like
    0

@Kigres Conosco solo la capitale in modo superficiale e confermo in massima parte quanto scritto da @Jerry72: evita di chiedere alle persone a quale dei due gruppi etnici appartengono o se hanno perso qualcuno durante il genocidio. Se prendono loro l'argomento, ascoltali e lascia che siano loro stessi a decidere cosa dire e cosa no.

In giro si vedono alcune donne molto belle, ma in generale non mi sono sembrate affatto prede facili, appunto perchè sono consapevoli di essere belle. Quelle con le quali sono stato, inoltre, a letto non erano un gran che: anche molte pay o indipay non fanno sesso orale, ad esempio, perchè non è nella loro cultura. Il culo non ne parliamo, poi.

Il centro cittadino mi è sembrato abbastanza sicuro ed è molto curato. Qualcuno conosce il francese, ma fra i giovani anche l'inglese è conosciuto.

Sono stato in alcune disco frequentate da ragazzi locali, ma ho visto poche donne e di livello medio-basso. Ho visto qualche pay sempre di livello medio basso anche in alcuni bar dei sobborghi, ma non ho idea delle tariffe. Se cerchi una disco frequentata da stranieri, vai al Papyrus. Sotto c'è la disco e sopra un grande bar con musica. In entrambi ho avvistato alcune pay, fra cui una abbastanza figa e con una gran faccia da maiala, ma pensava di aver trovato il pollo da spennare e mi ha chiesto 100 USD. Io da buon cheap charly quale sono l'ho sciolta subito, perchè con 100 USD nell'Africa subsahariana ne trombo da 3 a 4 long time e mi scolo anche un paio di birre.

Se hai voglia di fare un bagno in piscina ce n'è una all'Hotel de Milles Collines, ma non ricordo il prezzo. Un'altra costa sicuramente meno ma è molto lontana dal centro. Accanto al Papyrus c'è anche un ristorante con un bel panorama sulla città. Con amici locali sono anche stato in una disco frequentata da gente piuttosto benestante, ma non ricordo il nome: si trova sotto un hotel di lusso nel quartiere di Remera, ma non so dirti altro perchè era notte e non guidavo io. Li' c'erano alcune ragazze parecchio belle, ma tutte o quasi in compagnia di amici e nessuna pay. Ho avuto la sensazione che non fosse facile concludere con queste bellezze. Questa disco è lontana dal centro, quindi se si alloggia in centro occorre il taxi o il mototaxi per raggiungerla.

Qualche indipay in cerca dello straniero si può trovare nel pomeriggio seduta ai tavoli del caffè che c'è nel centro commerciale che sta nella piazza centrale di Kigali. Purtroppo non ricordo nè il nome di questo centro commerciale e neppure il nome del caffè. In questa location, però, dovrai farti avanti tu, perchè loro si limiteranno a guardarti, ma rimarranno sedute al loro tavolo.

Se cerchi un ristorante italiano puoi andare al Sole e Luna, ma io non ci sono stato e non so dove si trovi. Sono stato in un altro ristorante con cucina internazionale, ma anche in quel caso non ne ricordo il nome, ricordo solo che non era in centro. Nella zona centrale ricordo che c'è un ristorante con cucina tedesca.

Anche dei ragazzi locali mi hanno raccomandato di usare sempre il guanto, perchè l'Hiv è dietro l'angolo.

Spero di esserti stato utile, ciao

Gnoccapacker
Newbie
07/05/2016 | 22:52

  • Like
    0

@metis Ti ringrazio per aver espresso la tua opinione. Io sono stato nelle Filippine solo due volte e in tutto ci avrò trascorso all'incirca 2 mesi e mezzo, quindi un po' le conosco e anch'io mi sono innamorato di questo meraviglioso Paese e della sua gente. Tu tuttavia hai indubbiamente una conoscenza del posto più approfondita della mia e il tuo post fornisce uno spaccato interessantissimo della realtà locale. Alcune cose le sapevo già, ma tante altre le ho apprese adesso. Per quanto riguarda il rapporto delle donne filippine con la sessualità sono assolutamente d'accordo con te e ti dirò di più: secondo me le donne filippine non sono tra le più belle al mondo (mi riferisco ad esempio al fatto che secondo me nei Paesi dell'est Europa il livello medio di bellezza è nettamente superiore), ma sicuramente sono in assoluto le più sensuali del pianeta. Molti obietteranno che le sud americane hanno fama di essere amanti straordinarie (fatto sicuramente vero), ma il mio giudizio è motivato dal fatto che nelle donne filippine c'è quel giusto e bilanciato mix di calore mediterraneo, derivante dal dominio spagnolo, e di aura misteriosa che contraddistingue il fascino dei popoli asiatici. Credo che questa sia la cosa che rende uniche le donne filippine.

Riguardo all'idea di avere dei figli, io personalmente non me la sento, ma questa è una scelta assolutamente personale, che tuttavia mi ha creato non pochi problemi nelle mie relazioni sentimentali con donne straniere, anche perchè io ho un debole per le ragazze dai 20 ai 30 purtoppo. In questa fascia di età le donne generalmente vogliono diventare madri.

Gnoccapacker
Newbie
07/05/2016 | 17:54

  • Like
    0

@metis @toni.t Premettendo che ho solo avuto brevi relazioni sentimentali con alcune donne filippine, ma condivido in linea di massima le vostre considerazioni su di esse e sulla differenza con le italiane, anche se ci tengo a sottolineare che anche con le filippine bisogna tenere gli occhi bene aperti, perchè alcune di loro non sono meno false di molte Thai o Cambogiane. Mi riferisco in particolar modo alle ragazze che hanno avuto alcune esperienze con uomini occidentali, coreani o giapponesi. Ad ogni modo, non è questo quello che mi interessa, ma piuttosto un altro aspetto: il loro innato e insopprimibile desiderio di essere madri. Una relazione sentimentale o un matrimonio con una donna filippina secondo me può funzionare bene solo ed esclusivamente se si è disponibili ad avere un figlio con la propria moglie o compagna e a crescerlo insieme. In caso contrario, le divergenze di opinioni su questa questione non tarderanno ad arrivare e a far scoppiare la coppia. Queste mie considerazioni, inoltre, secondo la mia prospettiva si possono estendere anche alle donne dell'est Europa e alle africane. Durante la mia lunga carriera di puttaniere, infatti, mi sono andato sempre più convincendo che se si desidera davvero sposare (e non avere problemi in seguito) una donna proveniente da una di queste aree del mondo, dove molte di esse assomigliano ancora alle italiane di una volta o quasi, "il pacchetto" prevede l'accettazione di diventare padre. Ora, dal momento che l'idea di diventare padre non mi convince molto, come non mi convince affatto l'idea di condividere la vita con una qualche melanzana isterica, prepotente e capricciosa, personalmente e mio malgrado mi sto rassegnando ogni giorno di più a fare il puttaniere a vita. Mi piacerebbe conoscere la vostra opinione e quella di altri utenti in merito a ciò.

Gnoccapacker
Newbie
19/09/2015 | 22:24

  • Like
    1

Gnoccapacker
Newbie
10/06/2015 | 19:59

  • Like
    0

@PINOPRAGA ricordo che a KL avevo notato la presenza di numerosi studenti stranieri, provenienti soprattutto da Iran e medio oriente. E' possibile che ve ne siano anche altri provenienti dal continente nero. Questo spiegherebbe le tante nere di cui parli. Ma naturalmente è solo un'ipotesi. Altro non so dirti. Se scopri l'arcano fammi un fischio :)

Gnoccapacker
Newbie
05/06/2015 | 17:13

  • Like
    0

@itlas @cioccobar il LA Cafè o Manila Bay Cafè si trova appunto nella zona di Ermita-Malate ed è aperto h24

Gnoccapacker
Newbie
05/06/2015 | 01:10

  • Like
    0

@cioccobar la zona di Makati non la conosco, mi dispiace, ma nel quartiere di Ermita-Malate trovi alcuni hotel relativamente economici. Cerca su google friendly guest house Manila, ad esempio. Se deciderete di alloggiare in questa zona poi potrete andare in giro per vedere se trovate un'opzione ancora più economica. In quella zona, però, tenete gli occhi aperti

Gnoccapacker
Newbie
26/05/2015 | 02:07

  • Like
    0

@PINOPRAGA bentornato, anche se mi rendo conto che "bentornato", per uno che torna in questo purgatorio della fica che è l'Italia, suona quasi come una beffa. Comunque mi fa piacere che le mie info ti sono state utili. Confermo anch'io tutto quello che hai scritto e ti faccio i miei complimenti per la recensione

Gnoccapacker
Newbie
24/04/2015 | 10:43

  • Like
    0

Delle compagnie aeree da Roma per le Filippine non ho idea, ma ci sono numerosi voli, tutti con 1 o più scali suppongo. I voli più economici, però, credo siano tutti diretti a Manila. Comunque cerca on line per i voli. Da Manila ad Angeles puoi andare e tornare in bus. Per raggiungere Sabang, invece, prendi un bus da Manila per Batangas e da lì ti imbarchi per Sabang. Se non ricordo male a Manila vendono dei biglietti integrati per Sabang: bus + traghetto.

Per avere maggiori info su tutta la logistica e le cose da vedere e fare nelle Filippine, ti consiglio di leggere le recensioni nell'apposita sezione, tra cui trovi anche la mia, che parla un po' anche di Sabang

Gnoccapacker
Newbie
24/04/2015 | 02:49

  • Like
    0

A Sabang comunque la quantità di pay è di gran lunga minore rispetto a Patong, mentre Angeles è praticamente una città bordello. Ci tengo a precisare che non sono mai stato nè a Patong nè ad Angeles, ma parlo solo sulla base di quello che mi hanno detto numerose persone che ci sono state e delle rece che ho letto. Manila e Sabang invece le conosco

Gnoccapacker
Newbie
24/04/2015 | 02:24

  • Like
    0

Se cerchi mare e pay, vai a Sabang, sull'isola di Mindoro. Manila è una grande città e non ha nulla in comune con Patong, al massimo con Bangkok. Angeles è all'interno e quindi non c'è il mare. Fossi in te comunque girerei un po', piuttosto che visitare solo una località

Gnoccapacker
Newbie
24/02/2015 | 15:36

  • Like
    0

@PINOPRAGA Per chi ha in programma di visitare più di un Paese dell'area, esiste un visto chiamato East Africa che costa circa 100 USD ed è valido per Kenya, Tanzania, Uganda e qualche altro paese che non ricordo. Purtroppo non ricordo esattamente neppure la validità di questo visto, ma posso dire con certezza che lo si può acquistare all'aeroporto internazionale di Nairobi. Io l'ho comprato proprio lì. Nella recensione avevo scritto che il visto per l'Uganda costa 50 euro circa, ma credo che siano 50 USD, non euro.

Gnoccapacker
Newbie
24/02/2015 | 02:55

  • Like
    0

@strutter hai perfettamente ragione: il mistero si infittisce. Anch'io avevo notato l'incongruenza che hai evidenziato tu, ma tuttavia io ricordo l'episodio che ho narrato, non credo di averlo sognato, anche se sicuramente il mio ricordo è un po' vago. Per questo mi auguro che qualche altro utente volga indietro la sua memoria.

Anch'io concordo con te sul fatto che molte donne in ogni angolo del globo preferiscano i ricchi e brutti ai poveri ma belli, per questo dubito spesso della veridicità di molte "conquiste free" in giro per il mondo da parte di turisti mordi e fuggi. Secondo me alcuni vogliono autoconvincersi di aver scopato free o se scopano free sono costretti a raccontare una marea di balle alla partner di turno

Gnoccapacker
Newbie
24/02/2015 | 02:42

  • Like
    0

@PINOPRAGA credo di no, ma controlla su viaggiaresicuri per essere certo. Inoltre ti consiglio di controllare i vaccini che hai fatto da bambino e che sono tutti segnati sul tuo libretto personale di vaccinazione. Vaccinarsi è una scelta personale, personalmente però credo sia molto rischioso viaggiare in l'Africa senza essere protetto da determinati vaccini. Se decidi di farli e se devi partire ad Aprile, recati al più presto al centro vaccinazioni dell'asl della tua città e spiega loro il viaggio che hai in programma: i medici lì ti sapranno dare tutti i consigli necessari. Sappi però che il loro consiglio sarà quello di vaccinarti. Non vorrei metterti angoscia, ma valuta bene la cosa prima di partire. Di solito chi si reca in questi paesi è coperto da numerosi vaccini

Gnoccapacker
Newbie
24/02/2015 | 02:23

  • Like
    0

Ricordo che all'incirca tre anni fa qui su GT alcuni utenti avevano già parlato di questo italiano di nome Stefano che viveva ad Hanoi, parlava la lingua locale fluentemente e rimorchiava ogni sera una fanciulla diversa. Già allora le sue imprese erotiche erano note tra gli expat italiani ad Hanoi. Poi, un giorno, un utente (non ricordo chi, purtroppo, ma credo fosse uno del gruppo dei fuoriusciti) disse di averlo conosciuto di persona e poco dopo questo tale di nome Stefano si iscrisse effettivamente al forum con il nick di Stefanovietcong, iniziando a intervenire nella sez. Vietnam e dichiarando di essere proprio lui quello di cui si era parlato in alcuni post. La cosa tuttavia durò poco, perchè Stefanovietcong venne attaccato da alcuni utenti ed essendo lui un po' permaloso (se non ricordo male) disse che mai più avrebbe scritto su questo forum e andò via sbattendo la porta. Sono sicuro che qualcun'altro oltre me si ricorda di questo episodio che ho narrato.

Ciò non toglie, comunque, che per me è del tutto inverosimile che un expat, che pure parla fluentemente la lingua viet, possa scoparsi una miriade di giovanissime senza scucire un dong: in Vietnam la maggior parte di ragazze belle e appariscenti (quelle con make up, abiti succinti ecc per intenderci) vanno tutte a caccia dei ricconi locali e non credo che andrebbero facilmente a letto con un occidentale solo perchè si sentono fisicamente attratte da esso. Molte, se dovessero scegliere fra un uomo brutto e ricco e tra uno bello e povero, sceglierebbero il primo senza alcuna esitazione, indipendentemente dal fatto che si tratti di vietnamiti o di europei.

Questa, almeno, la mia personalissima opinione.

Gnoccapacker
Newbie
22/02/2015 | 18:33

  • Like
    1

@PINOPRAGA buona domenica :) Sono stato in Uganda pochi mesi fa e vi ho trascorso poco meno di un mese, tuttavia non ho avuto alcuna esperienza con le pro, perché ho trascorso l’intera vacanza con quella che potrei definire un’indipay, che ho conosciuto proprio durante i primi giorni, attraverso un amico comune che vive in Kenya. La ragazza mi piaceva molto, di conseguenza non ho sentito l’esigenza di cercarne altre, tranne per un paio di sere in cui ho scopato con un’altra indipay conosciuta su un taxi collettivo. In ragione di ciò, oltre che per impegni lavorativi vari e anche un po’ di pigrizia, non ho recensito questo paese: non ho proprio idea infatti dei prezzi delle pro a Kampala. Per quello che so io di Kampala, le info di @Alessio100 mi sembrano tutte corrette, tuttavia dissento da lui quando a proposito della polizia afferma: “se ti beccano camminare di notte dovrai sempre sganciare qualcosa..li ho visti in azione in una delle tante baracche con la scritta police station (in centro ogni 100m ce n’è una!)..nella mia presenza hanno menato uno locale..il modo migliore di evitarli è semplicemente non camminare troppo e spostarsi in boda-boda o taxi”. A causa del pericolo terrorismo è sicuramente vero che c’è molta polizia che controlla il territorio e che se beccano un locale a rubare lo menano senza andare troppo per il sottile, ma se vi fermano e siete consapevoli che non avete infranto le leggi, non date loro denaro, altrimenti inizieranno a vedere noi turisti come bancomat ambulanti e, pur di spillarci soldi, cercheranno di intimidirci e minacciarci in maniera sempre più pesante e pressante, come già avviene in Kenya e in altri paesi molto turistici (leggete la sezione Kenya), con rischi sempre maggiori per la nostra stessa incolumità. Attenzione a non incorrere nell’errore di pensare che sborsando mance e tangenti si potrà essere più sicuri, in realtà è proprio il contrario: i rischi per un turista aumentano in maniera esponenziale. La polizia va pagata solo ed esclusivamente se si è certi di aver commesso un reato penale. Inoltre una cosa che vi raccomando è la seguente: in città vedrete numerosi mototaxi (boda-boda) che trasportano 2 passeggeri + il conducente (3 persone in tutto) senza casco e per gli Ugandesi questo è un fatto del tutto normale, ma se lo fate voi (soprattutto di notte) avrete dei casini. Vi fermerà sicuramente la polizia e inizieranno a minacciarvi e a intimorirvi pesantemente pur di estorcervi una tangente. In realtà, anche se non sgancerete loro i soldi, alla fine non vi succederà nulla e vi lasceranno andare, ma comunque vi faranno perdere molto tempo. Il mio consiglio è dunque uno e uno solo: se siete in due o in compagnia di una ragazza, spostatevi sempre con due boda, anche per brevi tragitti e sia di giorno che soprattutto di notte. Vi costerà qualcosa in più forse, ma non avrete problemi con la polizia. Pur non avendo avuto alcuna esperienza diretta, anche a me qualcosa fa dire di stare alla larga sia dalle stradali che dal girare a piedi nelle ore notturne in tutta la zona che va dal mercato di Nakasero fino alla stazione dei taxi citata da Alessio 100 e a William Street. Questa è una zona molto animata durante il giorno, ma dopo la chiusura dei negozi e soprattutto a tarda sera non è molto raccomandabile per un bianco. Se volete fare un giro a piedi durante le ore serali, mi è sembrata più sicura Kampala Road e la zona attorno al Pioneer Market, che è più illuminata e trafficata. Se alloggerete nella zona di Kampala che ho menzionato (= il centro) e a tarda sera vi venisse voglia di uno spuntino o una birra fresca, fatevi passare la voglia, piuttosto che decidere di andare a mangiare e/o bere qualcosa nel locale che sta all’inizio di William Street (non so il nome, ma credo sia lo stesso citato da Alessio100) e attorno al quale stazionano parecchie pro: anche a detta di gente ugandese, pare sia poco raccomandabile, soprattutto per un bianco. Se avete intenzione di cenare in questa zona, dunque, vi consiglio di farlo prima della chiusura degli ultimi negozi. Come avrete ben capito, io alloggiavo proprio in William Street, presso l’Aponye Hotel, che personalmente mi sento di consigliarvi perché è nel cuore di Kampala, non ci sono problemi a portare ragazze in camera e il rapporto qualità prezzo mi è sembrato buono: la doppia costa all’incirca 55.000 UGS senza la colazione. Se volete la mail, scrivetemi in privato. L’hotel ha anche un ristorante, e nello stesso edificio c’è persino un Forex, che potete raggiungere uscendo proprio dal ristorante e scendendo dalla scala interna, senza dover scendere in strada dunque e soprattutto senza dare nell’occhio. Un’altra alternativa in zona, sempre in questa fascia di prezzo, ma un po’ più cara (se non vado errato), sarebbe il City Square citato dal collega. Vi avverto che la zona di cui parlo e soprattutto William Street di giorno è incasinatissima e, soprattutto se vi noteranno carichi di bagagli, cercheranno di frugare nelle tasche delle vostre borse e dei vostri abiti: tenete dunque soldi, documenti e altri oggetti di valore ben nascosti e al riparo da mani indiscrete. Attenzione, perché sono abilissimi a sfilarvi le cose dalle tasche senza farvi accorgere di nulla (se volete ulteriori info in relazione a ciò, solo in pv). In compenso in questa zona troverete tutti i servizi che cercate, compresi numerosi ATM, soprattutto lungo Kampala Road. Il mio consiglio è di portare con voi un bancomat, una carta di credito (preferibilmente di circuiti diversi, Visa/mastercard) e dei contanti (dollari/euro, o entrambi) in banconote di medio taglio. Occhio anche al fatto che i metal detector utilizzati dalla security all’ingresso di tutti i locali e non solo, potrebbero smagnetizzarvi le carte. In questo caso c’è il servizio di trasferimento rapido di denaro con Western Union o Money Gram.

Kampala si sviluppa su numerose colline e per spostarsi occorre necessariamente farlo in taxi o attraverso i molto più diffusi boda (mototaxi). Il taxi potrebbe convenire usarlo solo durante le ore serali, quando il traffico è molto meno, ma non durante il giorno. Pare che gli ospedali e i cimiteri siano pieni di Ugandesi che stavano in sella ai boda, quindi prima di salire su questi mezzi spiegate bene ed educatamente, ma senza mezzi termini e con decisione, al conducente che o lui guida piano e con prudenza, altrimenti voi non gli pagherete la corsa. Un’altra alternativa molto più economica rispetto ai boda e ai taxi privati è rappresentata dai taxi collettivi (quelli che in Kenya chiamano matatu per intenderci). Molti di questi fanno su e giù per Kampala Road e altri li troverete nella zona attorno al parcheggio dei taxi collettivi (una zona dedicata proprio a questi mezzi). Una corsa costa 1.000 UGS a persona, ma si paga a fine corsa al ragazzo addetto ai biglietti. A bordo di queste vetture si viaggia stretti come sardine, gli orari di partenza e arrivo sono molto flessibili e non è sempre facile per un turista capire dove sono diretti i taxi. Se avete spirito di avventura e siete molto svegli, se non avete orari e se chiederete info ai locali, per alcune tratte potrete sicuramente avvalervi di questi mezzi pubblici. Io li usavo spesso, ma solitamente mi affidavo alla mia amica black.

In Uganda dovrete contrattare i prezzi quasi sempre prima di acquistare qualcosa, ma soprattutto prima di prendere i boda o i taxi privati, e vi raccomando di farlo se non volete che finisca come con i tuk tuk in Thai o in Cambogia, che ormai pretendono cifre assurde. Le tariffe dei boda sono leggermente più alte durante le ore notturne, ma la differenza è di circa 1.000 UGS. Vi elenco alcune tariffe di boda vicine a quelle pagate dai locali per alcuni tragitti che ho fatto:

Da William Street (che vi ricordo ancora una volta essere in pieno centro) al Rock Garden o Speke Hotel: potrete percorrere questo tratto di strada a piedi o a bordo di un boda con 2.000 UGS circa (one way). Il Rock Garden è un locale frequentato quasi esclusivamente da pro e posto all’interno di un bellissimo giardino. Vale la pena visitarlo almeno una volta, anche solo per dare un’occhiata.

Da William Street al Nakumatt Oasis Mall o a Centenary Park od altre località che stanno sulla collina di Nakasero, 2.500 UGS one way. Il primo è un grande e moderno centro commerciale, dove potrete anche mangiare. Il secondo è un parco (un po’ squallido secondo me) all’interno del quale vi sono dei ristoranti all’aperto con musica, dove si può bere e mangiare qualcosa o fumare la shisha (che in Uganda va molto di moda); non sono affollati tutte le sere, ma solo durante il fine settimana. Durante la settimana va bene se volete passare una serata tranquilla.

Da William Street alla disco Bubble’s o al Big Mike’s Club, 3.000 circa (one way). La stessa cifra vale all’incirca per altri posti che, come quelli citati, si trovano nella zona di Kololo. Tra queste due disco potrete spostarvi a piedi. Il Bubble’s (proprietari/gestori irlandesi) è frequentato anche da pro/semi pro/indipay e da numerosi occidentali. Il secondo (proprietari/gestori svedesi) ha una clientela mista: occidentali + ugandesi (in genere benestanti) e indiani che vivono e lavorano in Uganda. Non credo ci siano pro. Di fronte c’è anche il Casablanca: clientela prevalentemente nera (come la gestione/proprietari), ma non ci sono stato di persona e non so se ci sono pro. In quest’ultimo e al Big Mike’s si può fumare la shisha e in tutti questi posti è possibile ordinare qualcosa da mangiare. Al Bubble’s l’ingresso nel fine settimana costa 5.000 UGS, se non ricordo male.

Da William Street alla disco Cayenne, in località Ntinda, 4.000 circa (one way). Questa è una disco all’aperto frequentata (pare) anche da vips locali, oltreché da numerose pro e semipro/indipay. La gestione pare sia anche italiana. All’interno si può anche ordinare qualcosa da mangiare o la shisha, e l’ingresso nel fine settimana costa anche qui 5.000 UGS, se non ricordo male.

Kampala durante la settimana non mi è sembrata molto viva e tutti i locali che ho citato sono sicuramente meno frequentati.

Con 5.000 UGS (di più sì, ma di meno no) dovreste poter raggiungere Bugolobi, che è un'altra zona dove c’è qualche locale (ad esempio il Bamboo bar), diversi venditori di street food e un centro commerciale.

Bugolobi e l’Oasis shopping mall o Centenary Park sono tutti raggiungibili da Kampala Road anche con i taxi collettivi, ma occhio a non sbagliare taxi.

In pieno centro c’è anche la disco Amnesia, ma non ci sono mai stato e non so dirvi molto a proposito di essa.

Nell’Industrial Area di Kampala ci sono le disco Silk e Guvnor, che pare abbiano una clientela molto esclusiva e dove l’ingresso dovrebbe costare 20.000 UGS. Anche questi sono posti che non conosco. Della zona di Kabalagala ha già parlato il collega Alessio100. Voglio solo aggiungere che sia la zona di Kabalagala che l’industrial area sono molto distanti dal centro, quindi se si ha in programma di frequentare queste zone, forse sarebbe meglio prendere in considerazione un hotel nella zona di Kansanga, lungo Gabba road, per evitare lunghi spostamenti di notte a bordo dei mototaxi. Una corsa in boda da Kansanga a Kabalagala vi costerà 2.000 UGS circa (per l’industrial area dovrebbe essere poco di più) e in entrambe queste località trovate street food, ristoranti, bar-risto e numerosi negozi. Io all’inizio ho alloggiato proprio allo Shine Hotel di Kansanga, dove le doppie + breakfast costano 70.000 UGS, ma nei dintorni si trovano anche sistemazioni un po’ più economiche. Una buona soluzione potrebbe essere quella di alloggiare per alcuni giorni in questa zona e poi eventualmente spostarsi in centro. Kabalagala la definiscono anche the city that never sleep, proprio perché pare sia sempre animata. Io comunque conosco poco questa zona.

A Kampala potrete visitare le tombe dei re della tribù Baganda, il museo, la grande moschea, i templi hindù e un mercato all’aperto dove vendono artigianato locale. Anche il Lago Vittoria si può raggiungere facilmente dalla capitale. Dal centro di Kampala, a poca distanza in linea d’aria da William street, partono i bus che raggiungono numerose località dell’Uganda. Se siete amanti della natura e dei safari potete visitare la foresta di Bwindi, dove è possibile ammirare i gorilla in natura. Il biglietto di accesso al parco è estremamente caro e si deve acquistare in anticipo, affidandosi ad un’agenzia specializzata che si occuperà anche di fornirvi il trasporto da e per il parco e una guida armata (acquistando dunque un pacchetto completo), oppure acquistando solo il biglietto + il noleggio dei rangers presso gli uffici della Wildlife Authority, che si trovano a Kampala. In questo secondo caso dovrete provvedere voi al trasporto da e per il parco e al vostro alloggio. Anche i safari organizzati nei parchi di savana hanno prezzi molto elevati. Se non volete acquistare un pacchetto completo presso un’agenzia specializzata, dovrete necessariamente organizzare tutto da voi, ma la cosa non è affatto semplice. Personalmente non ve lo consiglio. Un’opzione relativamente economica secondo me è quella di partecipare ad uno dei safari organizzati da Red Chilly, un’agenzia e ostello per backpackers che si trova non lontano dal quartiere di Luzira.

Potete raggiungere questo quartiere prendendo un taxi collettivo da Kampala Road, scendete a Luzira e da lì prendete un mototaxi da e per il Red Chilli. Io ho partecipato a uno dei loro safari organizzati e sono rimasto soddisfatto.

Il visto d’ingresso costa circa 50 euro e se entrate via terra dal Kenya (o da un altro paese africano), come ho fatto io, vi chiederanno il libretto di vaccinazione contro la febbre gialla: se non lo avete vi rispediranno indietro, o nel migliore dei casi vi chiederanno una tangente esosa. Prima di partire dovrete fare i seguenti vaccini (o i richiami): epatite A, B, anti-tifo e meningite. Alcuni di essi sono molto importanti e non potete pensare di farli tutti insieme poco prima di partire, quindi tutto ciò va pianificato almeno sei mesi prima. Il rischio malaria è molto elevato, soprattutto nei parchi nazionali, quindi sta a voi decidere se fare la profilassi con i farmaci oppure proteggervi sempre con il repellente + zanzariera, specie dal tramonto fino all’alba. Io ho scelto la seconda opzione. I parchi di savana sono anche infestati da mosche tze tze, tuttavia i locali assicurano che non trasmettono la malattia del sonno. Occhio anche alle zecche.

Ultimi avvertimenti: quando prendete un boda fate molta attenzione, soprattutto durante le ore notturne, perché più di un’amica locale mi ha detto che a volte i conducenti rapinano i passeggeri (specie se turisti), minacciandoli con un coltello. E’ capitato personalmente a due ragazze locali che conosco. Per evitare che accada, alcuni ugandesi consigliano di salire sui boda che stazionano davanti ai locali e i posti che ho citato, proprio in attesa di passeggeri: di solito si riconoscono perché hanno anche una pettorina arancione e catarifrangente, ma non tutti. Questi boda sono leggermente più cari rispetto agli altri, ma contrattando riuscirete a spuntare delle tariffe poco più care rispetto a quelle che ho indicato io (aggiungete 1.000 UGS circa) Io personalmente ho sempre fermato i boda lungo le strade, perché questi erano appunto un po’ più economici rispetto agli altri, ma fortunatamente non mi è mai successo nulla. Per precauzione tuttavia vi consiglio di evitare di fare come me. In ogni caso, prima di saltare in sella, guardate bene in faccia il conducente, preferibilmente evitate di salire se questo porta un casco integrale o un passamontagna, e se notate atteggiamenti sospetti cercate di svignarvela. Quando andate in giro, sia di giorno che di notte, evitate sia di apparire come pecore in mezzo ai lupi sia di ostentare muscoli e sicurezze, ma cercate piuttosto di non apparire del tutto spaesati e disorientati (ad esempio guardando continuamente una mappa della città o peggio ancora usando il navigatore del vostro smartphone); non ostentate abiti firmati, telefonini e altri oggetti costosi, e non portate con voi tutti i contanti o nascondeteli separatamente. Se vi dovessero rapinare, cercate di rimanere calmi, niente movimenti bruschi, e senza indugiare consegnate al/ai malvivente/i una cifra più che soddisfacente + il cellulare. Ricordate infine che il miglior metodo (quasi infallibile) per finire ammazzati oltreché rapinati, sia in Uganda che da qualunque altra parte (Italia compresa), è sicuramente quello di seguire il consiglio che alcuni utenti che si credono più furbi di altri danno su numerosi forum, cioè di portare con sé sempre “poco denaro, così non si rischia di essere rapinati”. Cazzate! Un malvivente che non si vede consegnata una cifra adeguata e soddisfacente (l’entità di essa naturalmente varia da posto a posto), come minimo vi gonfierà di botte. La suddetta cifra dunque va sempre portata con sé e tenuta a disposizione per un’eventuale rapina. Non scrivo tutto ciò per scoraggiare nessuno, ma per far capire chiaramente a tutti che chi decide di viaggiare nei paesi africani deve essere consapevole di eventuali rischi e dunque pianificare il proprio viaggio adeguatamente e con accuratezza.

A coloro i quali sono ancora desiderosi di visitare questo paese dell’Africa Orientale, posso dire che la sera in giro per i locali ho notato una gran quantità di belle ragazze (se vi piace il genere), siano esse pro/semi pro o indipay. Tutte adorano il ballo. A livello sessuale non so dirvi tantissimo visto che la mia esperienza si è limitata a un paio di ragazze. Io personalmente sono rimasto molto soddisfatto, anche se penso che il Kenya offre sicuramente di più. Ricordo in particolare di aver visto una figa da paura al Rock Garden, se capitate lì vedete di scoparla voi.

Gnoccapacker
Newbie
22/02/2015 | 10:26

  • Like
    0

In arrivo le mie info su Kampala: stay tuned!

Gnoccapacker
Newbie
26/01/2015 | 01:46

  • Like
    0

Recenzione utilissima, complimenti! Anch'io sono stato ad Addis Abeba qualche anno fa, tuttavia non conosco i posti da te citati. Di solito caricavo le gnocche in alcuni bar, dove secondo me si possono trovare delle autentiche perle. Lì i prezzi erano inferiori, ma dipendevano molto dalla propria capacità di contrattare, perchè all'inizio tendono tutte a sparare cifre assurde. Per quanto riguarda la mia esperienza, però, le prestazioni non erano eccellenti. Il fatto che le prestazioni nel tuo caso siano state estremamente soddisfacenti secondo me potrebbe dipendere dal fatto che le ragazze avevano avuto altre esperienze con turisti occidentali e quindi sapevano bene cosa piace a noi.

I bar, infatti, al contrario dei posti da te citati, non sono molto frequentati da turisti occidentali e quindi le ragazze che lavorano lì non hanno molti contatti con noi bianchi. Questa almeno è la mia opinione.

Gnoccapacker
Newbie
02/01/2015 | 17:04

  • Like
    0

@magic-mirror Ti faccio anch'io i miei complimenti per l'audacia, la costanza, il coraggio, lo stile, la prosa e non ultima la fanciulla. Per esperienza personale, ahimè, so che non è affatto facile riuscire a conquistare una ragazza russa come questa sui siti di dating, dovendo anche sfuggire a tutte le trappole tese da scammers, gold diggers, profili fake e non solo. Io personalmente, ho sempre fallito o rinunciato dopo un po'. Mi hanno colpito soprattutto la spontaneità, la naturalezza, la semplicità e la raffinatezza di questa ragazza, che traspaiono dal tuo racconto. Il fatto che si sia concessa secondo me le fa solo onore. Anch'io mi associo a tanti altri nel consigliarti di pensare seriamente a questa ragazza. Tuttavia, sono anche costretto a fare un'amara constatazione: se tu, come immagino, sei legato all'Italia dal punto di vista lavorativo, mentre lei vive e lavora in Russia, personalmente credo che non sia proprio facile la cosa. Sia chiaro che spero con tutto il cuore di sbagliarmi, però io ho la sensazione che, se dopo tempo una delle parti non riesce a trovare una soluzione alla maledetta distanza, questa finisce quasi sempre per logorare anche delle solide relazioni. Qualunque sia la tua decisione in merito a questa storia, voglio farti i miei auguri migliori

Gnoccapacker
Newbie
28/12/2014 | 16:44

  • Like
    0

Io ho visitato 2 volte sia la Cambogia che la Thai e ribadisco quanto ho scritto poco sopra, poi ovviamente ogni giudizio è sempre un'impressione del tutto personale

Gnoccapacker
Newbie
28/12/2014 | 16:32

  • Like
    0

@redsingha, soprattutto i Koreani sbarcano in massa tutto l'anno nelle Filippine e alcuni strapagano le ragazze anche solo per avere compagnia, non le scopano nemmeno (so che a qualcuno può sembrare assurdo, ma posso garantire che è così). Altro che millini, contrattazioni, fascino latino e compagnia bella: ormai solo Kim Jong-un potrebbe far calare i prezzi del LT nelle Filippine

:-D

Gnoccapacker
Newbie
28/12/2014 | 14:12

  • Like
    0

Secondo me in linea di massima si equivalgono. In Thai credo ci sia più turismo perchè ci sono più servizi

Gnoccapacker
Newbie
28/12/2014 | 13:24

  • Like
    0

@cedevolezza, complimenti per la recensione e per la tipetta postata in foto, l'ho letta solo adesso e mi fa molto piacere sapere che le mie indicazioni ti sono tornate utili. @redsingha posso confermare che il Manila Bay Cafè e il L. A. Cafè sono la stessa cosa. Alcune sere (soprattutto nei week ends) ci puoi trovare delle perle, mentre altre volte solo ragazze bruttine. Questa la mia esperienza personale. Per quanto riguarda i prezzi, invece, tendono a sparare molto alto, quindi tocca a noi contrattare e farle scendere, anche se non sempre ci si riesce. Giapponesi e Koreani rovinano il mercato. Alcune ragazze vanno solo con loro e purtroppo ho constatato che si tratta spesso delle più belle.

Gnoccapacker
Newbie
17/05/2014 | 15:49

  • Like
    0

Complimenti @coitoergosum, hai scritto una recensione fenomenale. Vorrei solamente sapere se i prezzi del taxi che hai indicato per andare ad esempio da New Posta al Q-Bar e al Maisha Club nella zona di Oyster Bay, 15.000 TNS, sono di andata e ritorno o solo andata, e quindi in quest'ultimo caso si spende il doppio. Ti ringrazio in anticipo per una eventuale risposta alla domanda

Gnoccapacker
Newbie
17/04/2014 | 16:15

  • Like
    0
Escortadvisor escorta Bookingsescort_right escort_365 moscarossa_right Haima_desktop escortinn Mille_erotici_desktop Oceano_home Mombasa_resort Escort Direcotory Escort forum wellcum_right bacheca massaggi
Logo Gnoccatravels

Stai per entrare in una sezione vietata ai minori di anni 18 che può contenere immagini di carattere erotico, che tratta argomenti e usa un linguaggio adatto a un pubblico adulto. Se non sei maggiorenne esci immediatamente cliccando ESCI. Se non ritieni il nudo di adulti offensivo alla tua persona e se dichiari di essere maggiorenne secondo la legge dello stato in cui vivi e se, entrando nel sito, accetti le condizioni di utilizzo ed esoneri i responsabili del sito da ogni forma di responsabilità, allora puoi entrare in Gnoccatravels!

Gnoccatravels.com tutela e protegge i minori e invita i propri utenti a segnalare eventuali abusi, nonchè ad utilizzare i seguenti servizi di controllo: ICRA – Netnanny – Cybersitter – Surfcontrol – Cyberpatrol

Contenuti ed immagini qui presenti, sono stati ottenuti attraverso internet, quindi sono ritenuti di dominio pubblico, od autorizzati dagli interessati medesimi. Gli inserzionisti di Gnoccatravels.com dichiarano che gli scopi della pubblicazione richiesta sono leciti (secondo le vigenti normative in materia penale) e strettamente personali, quindi esentano i gestori del sito da ogni responsabilità amministrativa e penale eventualmente derivante da finalità, contenuti e azioni illecite, nonché da usi illegittimi e/o impropri della pubblicazione medesima.

Scegliendo ACCETTA ED ENTRA, l'utente dichiara di essere maggiorenne e di esonerare totalmente i fornitori del servizio, proprietari e creatori del sito Gnoccatravels.com dalla responsabilità sul contenuto degli annunci/inserzioni pubblicitarie e del loro utilizzo.

SONO MAGGIORENNE ESCI